HomeSaluteVirus e parassitiCOVID 19: la melatonina potrebbe prevenire il danno polmonare

COVID 19: la melatonina potrebbe prevenire il danno polmonare

La pandemia da COVID-19 continua a persistere a causa delle varianti emergenti di SARS-CoV-2 che sono associate alla fuga immunitaria e all’infettività aumentata. Ciò ha portato a un numero crescente di infezioni; tuttavia, i vaccini continuano a proteggere da malattie gravi e critiche.

Un nuovo studio pubblicato dal Journal of American Board of Family Medicine discute l’utilità della vitamina C e della melatonina come potenzialmente terapeutiche e in grado di prevenire il danno polmonare acuto in COVID-19.

Studio: Un pilota di una sperimentazione di controllo randomizzata di melatonina e vitamina C per COVID-19 da lieve a moderato.  Credito immagine: STOP_WAR/Shutterstock.com  Credito immagine: STOP_WAR/Shutterstock.com

- Advertisement -

Le successive ondate di casi di COVID-19 hanno portato a milioni di ricoveri e decessi in tutto il mondo, che di conseguenza hanno messo a dura prova i sistemi sanitari. Ciò ha portato a sforzi intensi per trovare o riutilizzare farmaci che potrebbero proteggere dall’infiammazione sistemica iperattiva che è caratteristica del COVID-19 grave e fatale.

COVID-19 sembra creare stress ossidativo che successivamente provoca una cascata infiammatoria con conseguente danno cellulare e danno multiplo d’organo.

Molti pazienti che risultano positivi al COVID-19 possono assumere integratori alimentari;tuttavia, l’evidenza della loro utilità nel trattamento di questa infezione rimane limitata. Il presente studio esplora gli effetti delle molecole antiossidanti dell’acido ascorbico (vitamina C) e della N–acetil-5-metossitriptamina (melatonina) nel limitare il rilascio di citochine e, di conseguenza, nell’arrestare la progressione di COVID-19.

Precedenti ricerche sugli animali hanno mostrato un’immunità indebolita nei casi di carenza di vitamina C e un aumento del danno ai polmoni in caso di infezione da influenza H1N1. Inoltre, i livelli di vitamina C diminuiscono nelle malattie acute.

- Advertisement -

Un cocktail di antiossidanti, incluso l’acido ascorbico, somministrato in COVID-19 ha rivelato un’associazione con marcatori infiammatori ridotti nell’80% dei casi.

Allo stesso modo, la produzione di melatonina nel corpo diminuisce con l’età ed è stato ipotizzato che sia alla base dell’aumento della gravità del COVID-19 con l’età, dati gli effetti immunomodulatori di questa molecola.

Sia la via del fattore nucleare kB (NFkB) che gli inflammasomi NLRP3, entrambi attivati ​​durante la replicazione virale, sono inibiti dalla melatoninaLa melatonina protegge anche dal danno polmonare ossidando le molecole e riducendo l’infiltrazione delle cellule infiammatorie durante l’infezione virale.

Studi precedenti hanno mostrato una durata del ricovero ospedaliero più breve, una migliore ossigenazione e un sonno migliore dopo il trattamento con melatonina.

I ricercatori hanno utilizzato una versione modificata consentita del Wisconsin Upper Respiratory Symptom Survey (WURSS) per valutare i sintomi del tratto respiratorio superiore e gli effetti sulle attività quotidiane. Lo studio è stato condotto tra ottobre 2020 e 21 giugno 2021 in Pennsylvania.

I pazienti hanno assunto vitamina C, melatonina o un placebo per due settimane. Tutti e tre i gruppi avevano sintomi e qualità di vita comparabili al basale. Tuttavia, il gruppo che ha ricevuto melatonina ha mostrato un miglioramento dei sintomi tra i giorni tre e nove, che non è stato osservato in quelli che hanno ricevuto vitamina C.

Allo stesso modo, la qualità della vita è migliorata più velocemente durante lo stesso periodo nel gruppo della melatonina. Non c’era alcuna differenza significativa nella durata del sonno.

I cambiamenti descritti nel presente studio erano piccoli, in quanto il periodo di osservazione era breve e i punti temporali per l’indagine avevano una frequenza giornaliera.

Entro il giorno 14, tutti i partecipanti hanno riportato la stabilizzazione dei sintomi e della qualità della vita. Un’ulteriore indagine al giorno 30 ha dimostrato che alcuni hanno continuato a manifestare sintomi e una qualità di vita inferiore.

Implicazioni

L’attuale studio ha utilizzato un protocollo di indagine giornaliero per tenere traccia dei piccoli cambiamenti nei sintomi e nella qualità della vita determinati dall’uso di acido ascorbico e melatonina. I risultati indicano che 1.000 mg di vitamina C al giorno non hanno prodotto alcun cambiamento nel tasso di sollievo dai sintomi o miglioramento della qualità della vita tra i pazienti COVID-19, nonostante le sue caratteristiche antiossidanti.

Studi precedenti con la vitamina C hanno mostrato risultati contrastanti.

Vedi anche:COVID 19: come la risposta immunitaria innescata, danneggia il cervello

Tuttavia, la melatonina a una dose di 10 mg al giorno è stata associata a un punteggio dei sintomi favorevole dal terzo al nono giorno dello studio. Questa è la prima volta che la melatonina è stata testata per la sua utilità nel trattamento di pazienti ambulatoriali con COVID-19. Gli apparenti benefici di questo farmaco possono essere dovuti ai suoi effetti sullo stress ossidativo e sulla segnalazione immunitaria.

Tuttavia, tutti i pazienti non hanno iniziato i loro supplementi contemporaneamente. Sebbene la maggior parte dei pazienti abbia iniziato il trattamento entro il terzo giorno di iscrizione allo studio, il periodo dall’inizio dei sintomi non è stato equivalente per tutti i pazienti. È stato dimostrato che il trattamento ritardato riduce gli effetti favorevoli di questi agenti.

Le piccole dimensioni dello studio rendono necessarie ulteriori ricerche per convalidare gli effetti dell’integrazione di melatonina in COVID-19 sia nella fase acuta che nel lungo Covid. 

È importante sottolineare che le differenze nel momento della diagnosi e nel giorno della malattia in cui è stato iniziato il trattamento farmacologico possono riflettere in modo più accurato situazioni del mondo reale, in cui la presentazione, i test e il momento in cui i risultati dei test diventano disponibili variano tra i pazienti.

I farmaci da banco sono facilmente accessibili dalla maggior parte dei pazienti e la loro utilità dovrebbe essere studiata attentamente. I pazienti affetti da COVID-19 il cui processo di guarigione potrebbe essere accelerato da integratori sicuri e accessibili potrebbero tornare al lavoro e alle attività della vita più velocemente e quindi interventi significativi potrebbero avere un impatto sulla società nel suo insieme.

Ciò richiede studi su larga scala per convalidare la scala WURSS modificata utilizzata nel presente studio, nonché eventuali miglioramenti associati all’uso della melatonina.

Fonte:Journal of American Board of Family Medicine

ULTIMI ARTICOLI

Immunoterapia: riprogrammare l’immunità anticancro

Immunoterapia-Immagine Credit Public Domain. Asgard Therapeutics sta portando avanti l'immunoterapia del cancro con una piattaforma di riprogrammazione cellulare diretta, pronta all'uso, che trasforma le cellule...

Nutrigenomica: ciò che mangi può riprogrammare i tuoi geni

Nutrigenomica-Immagine Credit Public Domain. Le persone in genere pensano al cibo come calorie, energia e sostentamento. Tuttavia, le ultime prove suggeriscono che il cibo "parla" anche...

La carenza di vitamina B12 può avere gravi conseguenze

Vitamina B12-Immagine Credit Public Domain. La vitamina B12 è scarsa nella dieta e si trova solo negli alimenti di origine animale. Fortunatamente, gli esseri umani hanno...

“Mangiare un arcobaleno” di frutta e verdura: i benefici di ogni colore

I nutrizionisti ti diranno di mangiare un "arcobaleno di frutta e verdura". Ogni colore indica diversi nutrienti di cui il nostro corpo ha bisogno. I nutrienti...

L’emicrania causa cambiamenti cerebrali

Emicrania-Immagine Credit Public Domain. Un nuovo studio di neuroimaging identifica i malati di emicrania che hanno spazi perivascolari allargati in una regione del cervello chiamata...