Home Salute Virus e parassiti COVID 19:farmaci per la pressione aumentano il rischio?

COVID 19:farmaci per la pressione aumentano il rischio?

COVID 19: i farmaci per la pressione aumentano il rischio? Un nuovo studio elimina finalmente ogni persistente sospetto che questo particolare tipo di farmaco per la pressione sanguigna aumenti il ​​rischio di contrarre il virus SARS-CoV-2.

Uno studio approfondito su più di un milione di danesi che sono stati testati per COVID 19 ora conferma ciò che diversi studi più piccoli hanno già indicato: che il rischio di contrarre l’infezione da SARSCoV2, essere ricoverati in Ospedale o morire a causa della malattia, non è più alto per le persone che assumono farmaci come ACE inibitori e bloccanti del recettore dell’angiotensina II.

Ogni giorno, almeno mezzo milione di danesi prende una piccola pillola per mantenere bassa la pressione sanguigna o per proteggersi dalle malattie cardiache e dovrebbero continuare a prendere il medicinale durante la pandemia COVID 19, anche se la pillola che assumono è un ACE inibitore o angiotensina bloccante del recettore II come Losartan, Enalapril o Ramipril.

- Advertisement -

Ciò è sottolineato da un nuovo studio rassicurante, che, a differenza di tutti gli studi precedenti, include anche tutti i danesi che sono stati testati per il virus per un periodo di cinque mesi – e non include “solo” i pazienti più malati che sono stati ricoverati in Ospedale. Christian Fynbo Christiansen, autore principale dello studio, è Professore associato clinico e PhD presso il Dipartimento di Epidemiologia Clinica del Dipartimento di Medicina Clinica dell’Università di Aarhus e dell’Aarhus University Hospital.

Stesso rischio e decorso della malattia COVID 19

“Lo studio elimina finalmente ogni persistente sospetto che questo particolare tipo di farmaco per la pressione sanguigna aumenti il ​​rischio di contrarre il virus SARS-CoV-2 o di soffrire di una malattia peggiore, che era qualcosa che molti professionisti sanitari temevano mentre stavamo imparando a conoscere il virus. Ma non ci sono prove a riguardo, per concludere che tali paure sono corrette “, dice Christian Fynbo Christiansen.

Nello studio, che include tutti i danesi che sono stati testati nel periodo dal 27 febbraio al 26 luglio di quest’anno, i ricercatori hanno esaminato se gli utenti dei popolari farmaci per la pressione sanguigna avessero una maggiore probabilità di un test SARS-CoV-2 positivo e se il risultato di qualsiasi malattia era diversa da quella degli utenti di altri tipi di farmaci. Il gruppo di confronto comprende persone che non assumono farmaci per la pressione sanguigna. “Lo studio mostra che le persone che assumono ACE inibitori e bloccanti del recettore dell’angiotensina II hanno la stessa probabilità di un test positivo e nessun aumento del rischio di essere ricoverati in Ospedale o di morire, rispetto ad altre persone che non assumono questi farmaci”, afferma Christian Fynbo Christiansen, che può quindi confermare in uno studio su larga scala ciò a cui altri studi minori hanno già accennato.

- Advertisement -

Vedi anche:Gli ACE-inibitori sembrano essere sicuri e utili per COVID-19, affermano i ricercatori

Sospettati, ma assolti

Il nuovo studio è pubblicato sulla rivista Thorax e fa parte di una discussione sul trattamento che ha raggiunto il picco all’inizio dell’estate, quando il coronavirus era ancora una nuova conoscenza. A quel tempo, medici e ricercatori temevano che gli ACE inibitori potessero effettivamente aumentare il rischio di morire per COVID-19, perché il virus SARS-CoV-2 che causa COVID-19 entra nei polmoni attraverso gli stessi recettori ACE degli ACE inibitori. L’ipotesi era che quando l’ACE inibitore fa quello che dice il suo nome e riduce il livello di ACE, il corpo lo compensa attivando un numero molto maggiore di recettori ACE sulla superficie delle cellule che il virus SARS-CoV-2 poi utilizza come una sorta di chiave di accesso. Più chiavi sono disponibili sulla superficie delle cellule, più facile è per il virus accedere alle cellule.

“La teoria sull’aumento della mortalità è stata alimentata dal fatto che molti dei pazienti gravemente malati con COVID-19 avevano la pressione sanguigna elevata, che è ampiamente trattata con questi ACE inibitori. Questo è anche il motivo per cui era importante includere tutti i danesi che erano stati testati – e non solo quelli che sono stati ricoverati in Ospedale – nello studio “, dice Christian Fynbo Christiansen. “Abbiamo una base qualificata per ribadire l’attuale raccomandazione che gli utenti di medicinali del tipo ACE inibitori e bloccanti dell’angiotensina II dovrebbero continuare ad assumere il loro medicinale mentre la pandemia infuria”, dice il ricdercatore.

 


COVID 19:informazioni sugli ACE inibitori e sugli antagonisti del recettore dell’angiotensina II 

Gli ACE inibitori sono un gruppo di farmaci che espandono i vasi sanguigni in modo che la pressione sanguigna venga ridotta e il lavoro del cuore diventi più facile. Un ACE inibitore smorza l’enzima nel corpo che assicura che l’angiotensina I inattiva venga convertita nell’angiotensina II attiva. L’angiotensina II provoca la contrazione dei vasi sanguigni. Quando il corpo forma meno angiotensina II, i vasi sanguigni si rilassano e la pressione sanguigna diminuisce. L’acronimo ACE sta per A ngiotensin C onverting E nzyme. Come suggerisce il nome, i bloccanti dell’angiotensina II agiscono direttamente sull’angiotensina II.

I risultati della ricerca 

  • Lo studio è uno studio basato sui registri di 1.102.196 danesi che sono stati testati per il coronavirus SARS-CoV-2 nel periodo dal 27 febbraio al 26 luglio 2020. Di questi, 13.501 sono risultati positivi durante il periodo. Nello studio, i dati del database di microbiologia danese (MiBa) sono stati collegati al registro danese dei medicinali, dove sono state recuperate informazioni sull’uso di farmaci per abbassare la pressione sanguigna. Collegandosi al Registro Nazionale Danese dei Pazienti, al Registro Danese delle Cause di Morte e al Sistema di Registrazione Civile, è stato possibile studiare il ricovero in Ospedale, il ricovero in terapia intensiva e la mortalità.
  • Lo studio è stato condotto nell’ambito della coorte danese COVID-19 (DACCOVID) in collaborazione, tra gli altri, con il Professor Anton Pottegård dell’Università della Danimarca meridionale, il capo della sezione Marianne Voldstedlund dello Statens Serum Institut (SSI) e il Direttore della divisione Nikolai Brun dell’Agenzia danese per i medicinali.
  • Lo studio non ha ricevuto alcun finanziamento esterno.
  • L’articolo scientifico: “Infezione da SARS-CoV-2 e risultati avversi negli utenti di inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina e bloccanti del recettore dell’angiotensina: un caso di controllo a livello nazionale e un’analisi di coorte” è stato pubblicato sulla rivista Thorax.

Fonte: Thorax

ULTIMI ARTICOLI

Microbo intestinale può promuovere il cancro al seno

(Cancro al seno-Immagine: coltura tridimensionale di cellule di cancro al seno umano, con DNA colorato in blu e una proteina nella membrana della superficie...

Virus letali:prodotti naturali che bloccano la diffusione

(Virus letali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Scripps Institution of Oceanography e della Skaggs School of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences dell'Università della California di...

COVID 19: identificata nuova causa di coaguli di sangue

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I coaguli di sangue continuano a devastare i pazienti con grave infezione da COVID-19 e un nuovo studio spiega cosa...

Lo zenzero contrasta alcume malattie autoimmuni

(Zenzero-Immagine Credit Public Domain). Lo zenzero è noto per avere effetti anti-infiammatori e antiossidanti che lo rendono un popolare rimedio naturale per il trattamento delle...

COVID 19: un vaccino italianio da biotech ReiThera

"L'Italia ha investito nella società locale di biotecnologie ReiThera per sostenere lo sviluppo del suo vaccino COVID-19", ha detto un alto funzionario martedì dopo...