HomeSaluteVirus e parassitiCOVID-19: evitare la prescrizione di antibiotici?

COVID-19: evitare la prescrizione di antibiotici?

(COVID-19-Immagine Credit Public Domain).

Gli antibiotici sono usati per trattare le infezioni batteriche e sono molto bravi a farlo, nonostante il crescente problema dei batteri resistenti agli antibiotici e della tolleranza a questi forti farmaci. COVID-19 è un’infezione virale, causata da un virus SARS-CoV-2. Allora perché COVID-19 viene spesso trattata con antibiotici? Gli scienziati dell’Università di Edimburgo affermano che questo trattamento, di solito è inutile e rischioso.

Una delle maggiori sfide della medicina moderna sono i batteri resistenti agli antibiotici. Questi superbatteri si sono evoluti per essere resistenti ai nostri antibiotici. Ecco perché gli scienziati di tutto il mondo sono alla ricerca di nuove soluzioni innovative per trattare le infezioni batteriche senza antibiotici. Gli scienziati ritengono che l’abuso abbia contribuito in modo significativo alla diffusione della resistenza agli antibiotici. E ora l’uso non necessario di antibiotici è comunemente osservato nel trattamento della COVID-19.

- Advertisement -

Vedi anche:ACE2 nel sangue rivela il rischio di COVID 19 grave

Gli scienziati hanno scoperto che l’85% dei pazienti COVID-19 nel Regno Unito ha ricevuto uno o più antibiotici durante la degenza ospedaliera. Naturalmente, i medici sanno cosa stanno facendo: queste persone stavano anche combattendo sospette infezioni batteriche. La parola chiave qui è “sospetto”, il che fa pensare agli scienziati che gran parte di quell’uso di antibiotici nei casi di COVID-19 non fosse necessario. Il maggior uso di antibiotici nel trattamento della COVID-19 è stato nelle unità di terapia intensiva, ma a più di un terzo dei pazienti erano stati prescritti antibiotici anche prima del ricovero in Ospedale.

Ed ecco il punto: le infezioni batteriche tra le persone con COVID-19 erano rare. Alcune persone hanno contratto queste infezioni, di solito più di 48 ore dopo il ricovero. Inoltre, i ricercatori hanno notato che i pazienti COVID-19 stavano assumendo antibiotici ad ampio spettro, il che è contrario alle raccomandazioni secondo cui l’uso di antibiotici dovrebbe essere piuttosto conservativo e sicuro. Ciò è in parte dovuto al fatto che gli Ospedali erano estremamente occupati e le decisioni dovevano essere prese rapidamente. In alcuni casi ciò significava che l’uso di antibiotici prima che le infezioni batteriche fossero confermate fosse una sorta di precauzione. Le infezioni batteriche sono in realtà complicazioni non comuni della Covid-19. 

Il Dottor Clark Russell, uno degli autori dello studio, ha dichiarato: “Questo lavoro identifica quali batteri tendono a causare queste infezioni quando si verificano, aiutando i medici a fare una scelta più informata sui migliori antibiotici da somministrare alle persone quando necessario. I nostri risultati si aggiungono alla nostra comprensione di come gli antimicrobici sono stati utilizzati nel trattamento dei pazienti con COVID-19 e di come l’uso degli antimicrobici potrebbe essere ottimizzato”.

- Advertisement -

In futuro dovremo ridurre seriamente il nostro uso di antibiotici. Le infezioni batteriche che sono state rapidamente trattate con gli antibiotici stanno diventando più pericolose ora. Se vogliamo mantenere l’efficacia di questi farmaci nei casi in cui sono effettivamente necessari, dobbiamo limitarne l’uso.

Fonte: Università di Edimburgo

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...