HomeSaluteVirus e parassitiCOVID 19 è una malattia vascolare

COVID 19 è una malattia vascolare

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain).

Uno studio, pubblicato il 30 aprile 2021 su Circulation Research, mostra anche in modo conclusivo che COVID-19 è una malattia vascolare, dimostrando esattamente come il virus SARS-CoV-2 danneggia e attacca il sistema vascolare a livello cellulare. I risultati aiutano a spiegare l’ampia varietà di complicazioni apparentemente non collegate di COVID-19 e potrebbero aprire la porta a nuove ricerche su terapie più efficaci.

Gli scienziati sanno da tempo che le proteine ​​”spike” distintive di SARS-CoV-2 aiutano il virus a infettare il suo ospite attaccandosi alle cellule sane. Ora, un nuovo importante studio mostra che le proteine spike svolgono anche un ruolo chiave nella malattia stessa.

- Advertisement -

Vedi anche:COVID 19: individuato bersaglio per tutte le varianti

“Molte persone considerano COVID 19 una malattia respiratoria, ma in realtà è una malattia vascolare“, afferma il Professore assistente di ricerca Uri Manor, che è co-autore senior dello studio. “Questo potrebbe spiegare perché alcune persone hanno ictus e perché alcune persone hanno problemi in altre parti del corpo. La cosa in comune tra queste diverse manifestazioni è che hanno tutte basi vascolari”.

I ricercatori del Salk hanno collaborato con scienziati dell’Università della California a San Diego alla stesura dell’articolo. Co-primo autore è Jiao Zhang e co-autore senior è John Shyy, tra gli altri.

Sebbene i risultati stessi non siano del tutto una sorpresa, il documento fornisce per la prima volta, una chiara conferma e una spiegazione dettagliata del meccanismo attraverso il quale la proteina danneggia le cellule vascolari. C’è stato un crescente consenso sul fatto che SARS-CoV-2 influenzi il sistema vascolare, ma non è stato compreso esattamente come. Allo stesso modo, gli scienziati che studiano altri coronavirus sospettano da tempo che la proteina spike abbia contribuito a danneggiare le cellule endoteliali vascolari, ma questa è la prima volta che il processo è stato documentato.

La nuova proteina spike del coronavirus gioca un ruolo chiave aggiuntivo nella malattia
Immagini rappresentative di cellule di controllo endoteliali vascolari (a sinistra) e cellule trattate con la proteina SARS-CoV-2 Spike (a destra) mostrano che la proteina spike causa una maggiore frammentazione mitocondriale nelle cellule vascolari. Credito: Salk Institute
- Advertisement -

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno creato uno “pseudovirus” circondato dalla classica corona di proteine ​​spike SARS-CoV-2, ma che non conteneva alcun virus effettivo. L’esposizione a questo pseudovirus ha provocato danni ai polmoni e alle arterie di un modello animale, dimostrando che la sola proteina spike era sufficiente a causare la malattia. I campioni di tessuto hanno mostrato infiammazione nelle cellule endoteliali che rivestono le pareti delle arterie polmonari.

Il team ha quindi replicato questo processo in laboratorio, esponendo cellule endoteliali sane (che rivestono le arterie) alla proteina spike. I ricercatori hanno dimostrato che la proteina spike danneggiava le cellule legando ACE2. Questo legame ha interrotto la segnalazione molecolare di ACE2 ai mitocondri (organelli che generano energia per le cellule), provocando il danneggiamento e la frammentazione dei mitocondri.

Studi precedenti hanno mostrato un effetto simile quando le cellule sono state esposte al virus SARS-CoV-2, ma questo è il primo studio a dimostrare che il danno si verifica quando le cellule sono esposte alla proteina spike da sola.

Anche se rimuovi le capacità di replicazione, il virus ha ancora un effetto dannoso importante sulle cellule vascolari, semplicemente in virtù della sua capacità di legarsi a questo recettore ACE2, il recettore della proteina S, ora famoso grazie a COVID 19″, spiega Manor . “Ulteriori studi con proteine ​​mutanti spike forniranno anche nuove informazioni sull’infettività e la gravità dei virus mutanti SARS CoV-2”.

I ricercatori sperano quindi di dare un’occhiata più da vicino al meccanismo con cui la proteina ACE2 danneggia i mitocondri e fa sì che cambino forma.

Fonte: Circulation

 

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...