Malattia coronarica: nuova frontiera nella ricerca

malattia coronarica

Uno dei motivi per cui la malattia coronarica è così mortale è che l’accumulo di liquidi e le cicatrici possono svilupparsi nel tessuto cardiaco. Ciò impedisce al cuore di contrarsi correttamente, influendo sulla sua capacità di fornire il sangue al corpo. Se le cicatrici sono estese, si può verificare insufficienza cardiaca.

“Siamo interessati allo zebrafish per la sua incredibile capacità di rigenerazione“, afferma Michael Harrison, Ph.D., ricercatore associato presso il Saban Research Institute del CHLA. “Queste creature lunghe un pollice sono spesso studiate nel campo della riparazione cardiaca perché possono riprendersi dopo un esteso trauma cardiaco. Il pesce zebra può eliminare il tessuto danneggiato e sostituirlo con un muscolo cardiaco fresco e funzionante“, afferma il ricercatore.
La domanda è: come sono in grado di farlo?

Il Dr. Harrison lavora nel laboratorio di Ching-Ling (Ellen) Lien, Ph.D., dove l’obiettivo generale della ricerca è scoprire i meccanismi utilizzati dal pesce zebra per riprendersi da un infortunio. Le risposte ottenute da questa ricerca potrebbero aiutare a sviluppare nuovi trattamenti per i bambini con difetti cardiaci congeniti o individui che hanno subito infarto o altri danni cardiaci.

Vedi anche, L’ammoniaca potrebbe prevenire la malattia coronarica.

Oltre alle arterie e alle vene, molti animali e umani, hanno una rete di vasi linfatici. Questo sistema cancella liquidi e detriti dai tessuti. Il loro malfunzionamento può causare accumulo di liquidi o schiarimento limitato delle cellule danneggiate dopo lesioni cardiache nell’uomo. “Non vediamo che ciò accade nel pesce zebra“, afferma il Dr. Harrison, “quindi abbiamo iniziato a studiare il sistema linfatico cardiaco nel nostro laboratorio”.

I vasi linfatici sono chiari, a differenza delle loro controparti più grandi e colorate dei vasi sanguigni. Difficili da vedere letteralmente, sono sotto il radar della ricerca sulla rigenerazione cardiaca. In effetti, non era noto se il pesce zebra avesse anche vasi linfatici cardiaci.

Il Dr. Harrison e il Dr. Lien hanno determinato che i pesci zebra hanno questi vasi linfatici e che potrebbero essere un fattore critico nella riparazione del cuore. Questi risultati suggeriscono che il sistema linfatico cardiaco potrebbe essere un importante focus di ricerca nel campo della riparazione cardiaca.

Nel pesce zebra con danno cardiaco, il team ha fatto un’osservazione sorprendente: i vasi linfatici cardiaci sono cresciuti e si sono espansi per coprire l’area della ferita. Quando i ricercatori hanno bloccato questo processo, i pesci non sono stati in grado di riparare il loro danno cardiaco. Questi esperimenti hanno dimostrato che i vasi linfatici nel cuore del pesce zebra stanno facendo qualcosa di critico”, afferma il Dr. Harrison, “c’è sicuramente un loro ruolo importante nella rigenerazione”.

Caratterizzare questo ruolo sarà oggetto di ricerche in corso. Comprendere come i vasi linfatici stanno aiutando nella riparazione cardiaca potrebbero indirizzare gli scienziati verso un obiettivo terapeutico. “Stiamo osservando da vicino questi vasi”, afferma il Dott. Lien, “ riteniamo che questa sia forse una nuova frontiera nella ricerca sulla rigenerazione del cuore “.

Immagine, sezione di un cuore di pesce zebra dopo l’infortunio. I cardiomiociti della parete cardiaca esterna sono mostrati in blu. Il tessuto rigenerato visibile nella parte inferiore dell’immagine contiene alcuni cardiomiociti macchiati di verde, che indicano la loro origine nella parte interna del cuore (rosso) e la loro conversione in cellule della parete del miocardio. Credito: CNIC.

Fonte, eLife


Altri articoli su malattia coronarica