Home Salute Cervello e sistema nervoso Conoscere i fattori di rischio può aiutare a prevenire la demenza

Conoscere i fattori di rischio può aiutare a prevenire la demenza

La ricerca mostra che la gestione e il trattamento delle malattie vascolari,  non sono solo benefici per la prevenzione delle malattie cardiache e ictus, ma anche le forme più comuni di demenzaIl Dott.  Gustavo C. Romano, direttore del National Nantz Alzheimer presso il Centro Neurologico Metodista Institute di Houston, riassume decenni di ricerca correlata alla demenza in un articolo di rassegna in Malattia di Alzheimer e disturbi associati . Romano ha affermato che concentrandosi sui seguenti fattori di rischio si potrà, a lungo termine,  contribuire a  a ridurre il rischio di demenza vascolare e demenza mista (combinazione di demenza vascolare e malattia di Alzheimer)

Ipertensione :  il controllo della  pressione arteriosa  riduce il rischio di ictus e malattie cardiache. Gli studi hanno mostrato che l’ipertensione aumenta la probabilità che le persone con decadimento cognitivo possono sviluppare la  demenza nel corso della vita.

Iperlipidemia : gli studi epidemiologici dimostrano che, oltre a malattie cardiovascolari, pressione alta e diabete, elevato colesterolo nel sangue è un importante fattore di rischio per la demenza, tra cui il morbo di Alzheimer.

Fumo : Non solo il fumo è associato ad aumento del rischio di cancro ai polmoni, malattie cardiovascolari e l’enfisema, ma hanno anche effetti negativi sul flusso di sangue al cervell, condizione che può portare a declino cognitivo e la demenza.

Diabete : diversi studi hanno già collegato l’epidemia di obesità ad un aumentato rischio di ipertensione, sindrome metabolica, malattie cardiovascolari, ictus, insufficienza renale, malattia vascolare periferica, apnea ostruttiva del sonno e diabete mellito tipo 2. In realtà, le persone con questa forma di diabete insulino-resistenti hanno  da due a tre volte più probabilità di affrontare la diagnosi di Alzheimer, in parte a causa di complicazioni vascolari.

Dieta ed esercizio fisico : Uno stile di vita sano generale diminuisce il rischio di demenza nelle  persone di età avanzata, in particolare la demenza vascolare. L’attenzione si focalizza su un basso indice di massa corporea (25 o inferiore), dieta sana (sulla base di latticini, carne, pesce, frutta, verdura, cereali, a basso tenore alcolico, e un rapporto corretto  tra grassi saturi e monoinsaturi ) , esercizio e aerobica.

Iperomocisteinemia : omocisteina è un aminoacido che si trova  nel sangue e livelli ematici elevati contribuisce a sviluppare un rischio maggiore di malattia di Alzheimer. Le persone che già mostrano segni di demenza e test positivo per gli elevati livelli di omocisteina, hanno maggiori probabilità di rispondere bene a grandi dosi di vitamine del gruppo B. La ricerca ha dimostrato che l’assunzione di grandi dosi di vitamine del complesso B può ridurre il tasso di restringimento del cervello nella metà dei pazienti anziani con problemi di memoria e rallentare la progressione della malattia.


ULTIMI ARTICOLI

Confermata la trasmissione da uomo a gatto di SARS-CoV-2

Immagine: polmone di un gatto infettato da SARS CoV-2; un segnale positivo per la proteina nucleocapside (segnale verde) è stato rilevato all'interno del citoplasma dell'epitelio...

COVID-19 uccide alcune persone e lascia altre relativamente indenni. Perchè?

Immagine:Public Domain. COVID-19 uccide alcune persone e lascia altre relativamente indenni. Perché? L'età e le condizioni di salute sottostanti sono fattori di rischio, ma gli scienziati...

Dopo 40 anni, la FDA approva un nuovo tipo di terapia per l’acne

Immagine: Public Domain. La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato Winlevi (crema con  clascoterone 1%) per il trattamento dell'acne nei pazienti...

Un anticorpo di prima classe progettato per prevenire la coagulazione

Immagine: Public Domain. I ricercatori della Monash University hanno progettato un nuovo anticorpo che inibisce una particolare proteina per prevenire la formazione di coaguli o...

Cancro del pancreas: la vitamina A rende più efficace il trattamento

Immagine: cellule tumorali pancreatiche coltivate in coltura, SEM. Credito: Anne Weston, Francis Crick Institute. Attribution-NonCommercial 4.0 International (CC BY-NC 4.0). Una combinazione che prevede l'aggiunta di una...