Home Salute Virus e parassiti Come SARS-CoV-2 "è saltato" dal pangolino all'uomo?

Come SARS-CoV-2 “è saltato” dal pangolino all’uomo?

Immagine: il Professor Edward Holmes è un virologo evoluzionista all’Università di Sydney. Credito: Università di Sydney.

Come il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 che causa COVID-19 abbia fatto il salto dagli animali agli umani è un enigma che gli scienziati stanno cercando di risolvere mentre l’umanità affronta la mortale pandemia che spazza il globo.

In prima linea in questo lavoro scientifico c’è il Professor Edward Holmes, un virologo evoluzionista che detiene una posizione congiunta con la School of Life and Environmental Sciences e la School of Medical Sciences dell’Università di Sydney. Ha lavorato a stretto contatto con scienziati in Cina e in tutto il mondo per sbloccare il codice genetico di SARS-CoV-2, che è il virus che causa COVID-19, per capire le sue origini. Il suo lavoro aiuterà anche nel monitoraggio e nella prevenzione di altri virus che potrebbero potenzialmente trasferirsi dalla fauna selvatica all’uomo, causando quelle che sono note come malattie zoonotiche.

Già quest’anno, il Professor Holmes ha scritto quattro articoli sul nuovo coronavirus, riportando due delle prime descrizioni del virus (pubblicate su Nature e The Lancet). Questa settimana ne pubblicherò altri due.

Presentato per la pubblicazione anticipata giovedì da Nature dopo la revisione tra pari, il primo documento identifica un coronavirus simile a quello che sta ora colpendo gli esseri umani nella popolazione di pangolino malese nella Cina meridionale. Il Professor Holmes, un coautore, è l’unico accademico non cinese autore dell’articolo.

Comprendere il percorso evolutivo attraverso il quale questo nuovo coronavirus si è trasferito nell’uomo non solo ci aiuterà a combattere l’attuale pandemia, ma ci aiuterà a identificare le minacce future di altri coronavirus in altre specie. Questo documento è una parte importante per risolvere quel puzzle.

Il Professor Holmes ha dichiarato: “Il ruolo svolto dai pangolini nell’emergere della SARS-CoV-2 (la causa del COVID-19) non è ancora chiaro. Tuttavia, è sorprendente che i virus del pangolino contengano alcune regioni genomiche che sono strettamente correlate al virus umano. Il più importante di questi è il dominio di legame del recettore che determina come il virus è in grado di attaccare e infettare le cellule umane”.

L’articolo identifica il pangolino come possibili ospite intermedio per il nuovo virus umano emerso. Gli autori chiedono che questi animali e altri vengano rimossi dai mercati cinesi al fine di prevenire la trasmissione zoonotica all’uomo.

Il Professor Holmes ha dichiarato: “È chiaro che la fauna selvatica contiene molti coronavirus che potrebbero potenzialmente emergere nell’uomo in futuro. Una lezione cruciale che ci viene da questa pandemia per aiutare a prevenire quella successiva è che gli umani devono ridurre la loro esposizione alla fauna selvatica, ad esempio vietando  mercati  “e commercio di fauna selvatica”.

Vedi anche: Il pangolino confermato ospite intermedio per la diffusione di SARS-CoV-2

Proprio la scorsa settimana Nature Medicine ha pubblicato una ricerca scritta dal Professor Holmes con scienziati dello Scripps Research Institute di La Jolla in California, dell’Università di Edimburgo, della Columbia University di New York e della Tulane University di New Orleans. Quel documento ha dissipato l’idea fantasiosa che il nuovo coronavirus fosse un agente biologico fabbricato. Usando l’analisi comparativa dei dati genomici, gli scienziati dimostrano che SARS-CoV-2 non è un costrutto di laboratorio o un virus appositamente manipolato. Il Professor Holmes ha dichiarato: “Semplicemente non ci sono prove che SARS-CoV-2 – la causa del COVID-19 – sia uscito da un laboratorio. In realtà, questo è il tipo di evento di emergenza di malattie naturali dal quale i ricercatori sul campo come me hanno messo in guardia da molti anni “.

Quel documento è rapidamente diventato lo studio accademico più alto di tutti i tempi come misurato da Altmetric, una società che monitora la copertura mediatica dei documenti di ricerca. “L’alto indice di Altmetric è una forte indicazione del notevole interesse globale su questo argomento”, ha detto il Professor Holmes. E oggi, il Professor Holmes pubblica un commento sulla rivista Cell con il suo collega Professor Yong-Zhen Zhang del Centro clinico sanitario pubblico di Shanghai e la School of Life Science dell’Università di Fudan, Shanghai. In quell’articolo i ricercatori descrivono la nostra attuale conoscenza di ciò che i dati genomici rivelano sull’emergenza del virus SARS-CoV-2 e discutono le lacune nelle nostre conoscenze. Il documento afferma che “le sequenze del genoma di” campioni ambientali “- probabili superfici -sono state ora ottenute e l’analisi filogenetica rivela che sono strettamente correlate ai virus campionati dai primi pazienti di Wuhan”. Tuttavia, il Professor Holmes e il Professor Zhang sottolineano rapidamente che “non tutti i primi casi [COVID-19] erano associati al mercato di Wuhan, è possibile che la storia dell’emergenza sia più complicata di quanto si pensasse prima“.

Il documento afferma che il virus SARS-CoV-2 diventerà probabilmente il quinto coronavirus endemico nella popolazione umana. Conclude che “i coronavirus hanno chiaramente la capacità di saltare i confini delle specie e adattarsi ai nuovi ospiti, rendendo semplice prevedere che ne emergeranno altri in futuro”. Il modo in cui rispondiamo a questo virus sarà determinante per il futuro della salute pubblica.
Fonte: Cell

ULTIMI ARTICOLI

Le statine riducono la gravità di COVID-19

Immagine: l'infezione da SARS-CoV-2 (verde, a sinistra) è inibita dal trattamento con 25HC (a destra). Credito: UC San Diego Health Sciences. Non ci sono trattamenti approvati...

Il trattamento con metformina è collegato al rallentamento del declino cognitivo

Immagine: Public Domain. La metformina è il trattamento di prima linea per la maggior parte dei casi di diabete di tipo 2 e uno dei...

Il fruttosio prodotto nel cervello potrebbe essere alla base dell’Alzheimer

Una nuova ricerca pubblicata dall'Anschutz Medical Campus dell'Università del Colorado propone che la malattia di Alzheimer possa essere guidata dall'iperattivazione del fruttosio prodotto nel...

Come il microbioma della madre influenza il neurosviluppo fetale

Immagine: Public Domaian. "Durante la gravidanza nei topi, i miliardi di batteri e altri microbi che vivono nell'intestino di una madre regolano i metaboliti chiave,...

Iniziano le sperimentazioni per una nuova arma contro il Parkinson: la luce

Immagine:Alan Minson dice che i suoi sintomi di Parkinson sono migliorati dopo che ha iniziato a usare un "casco leggero" nel luglio 2019. Credito:RON...