Come prevenire l’infiammazione cerebrale nell’Alzheimer

alzheimer

Un nuovo studio, condotto dagli scienziati del Massachusetts General Hospital (MGH), offre indizi su come prevenire l’infiammazione del tessuto cerebrale, che promuove la malattia di Alzheimer (AD).

I risultati di questo studio, che appaiono nel numero 4 settembre 2019 della rivista Neuron, potrebbero contribuire allo sviluppo di nuove terapie per l’AD.

È noto che il cervello delle persone con Alzheimer si riempie di depositi di cellule nervose danneggiate e di altre proteine note come placche beta-amiloide, nonché formazioni aggrovigliate di proteine ​​chiamate tau. “Ma se hai solo placche o solo  grovigli, probabilmente non svilupperai la malattia di Alzheimer per molto tempo” dice il neuroscienziato Rudolph E. Tanzi, Direttore dell’Unità di ricerca sull’invecchiamento e la genetica MGH e autore senior dell’ articolo pubblicato su Neuron.

“Piuttosto”, spiega Tanzi, “è l’infiammazione che si verifica in risposta a placche e grovigli o neuroinfiammazione, ovvero il principale killer dei neuroni, che porta al declino cognitivo”.

Vedi anche, I ricercatori sviluppano un semplice esame del sangue per rilevare la malattia di Alzheimer.

Il laboratorio di Tanzi ha scoperto il primo gene associato alla neuroinfiammazione nell’AD, noto come CD33, nel 2008. CD33 trasporta il codice genetico per i recettori presenti sulle cellule della microglia che normalmente agiscono come una delle domestiche del cervello, eliminando i detriti neurologici, tra cui placche e grovigli. Nel 2013, Tanzi e colleghi hanno pubblicato la loro scoperta che CD33 influenza l’attività della microglia: quando il gene è altamente espresso, la microglia si trasforma da governante a neuroni assassini, scatenando la neuroinfiammazione.

Nel frattempo, altri ricercatori hanno identificato un altro gene, TREM2, che ha l’effetto opposto di CD33: blocca la capacità della microglia di promuovere la neuroinfiammazione. ” In altre parole”, dice Tanzi, “CD33 è l’interruttore “on” per la neuroinfiammazione, mentre TREM2 agisce come un interruttore “off” . Il Santo Graal in questo campo è stato scoprire come disattivare la neuroinfiammazione nelle microglia “.

Rudolph E. Tanzi, è Direttore dell’unità di ricerca sulla genetica e l’invecchiamento dell’ MGH.


Altri articoli su alzheimer