Come la pandemia COVID 19 ha ridotto le emissioni di carbonio – in cinque grafici

Immagine: Credito: Hector Retamal / AFP / Getty.

I dati quasi in tempo reale sulle emissioni di carbonio rivelano i settori, i paesi e gli eventi che hanno avuto il maggiore impatto, ma non è chiaro per quanto tempo durerà il calo.

La risposta internazionale alla pandemia da coronavirus SARS-CoV-2 ha finora ridotto di oltre l’8% le emissioni globali di carbonio, secondo stime dettagliate di una coppia di team di ricerca indipendenti. Ma il consumo di energia sta già riprendendo in Cina e altrove. La maggior parte delle segnalazioni sulle emissioni di carbonio avviene ogni anno, ma lo shock sociale ed economico senza precedenti causato dalla pandemia ha suscitato interesse nel seguire in tempo reale l’andamento dell’energia e delle emissioni. Raccogliendo informazioni da una varietà di fonti – tra cui bollettini energetici e meteorologici, osservazioni satellitari e dati sul traffico raccolti dai sistemi di navigazione dei veicoli in oltre 400 città in tutto il mondo – due team internazionali hanno ora fornito le prime stime di come sono le emissioni di carbonio cambiando quotidianamente in tutto il mondo.
Sebbene differiscano per alcuni dettagli, le analisi giungono a conclusioni simili: le emissioni di carbonio sono diminuite di oltre un miliardo di tonnellate nei primi quattro mesi dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2019″, afferma Corinne Le Quéré, una scienziata del clima dell’Università dell’East Anglia a Norwich, nel Regno Unito e autrice principale di uno studio, pubblicato il 19 maggio su Nature Climate Change1. “Abbiamo sviluppato due metodi diversi, quindi è abbastanza incoraggiante vedere che i nostri risultati sono comparabili”. Il team di Le Quéré ha raccolto informazioni sulle emissioni giornaliere da diversi settori in una varietà di città, regioni e paesi, quindi ha analizzato le misure adottate dai governi per controllare la diffusione del coronavirus. Sulla base del fatto che queste misure saranno allentate nel corso di quest’anno, il team ha previsto che le emissioni globali cumulative per il 2020 potrebbero diminuire del 4-7%, il che rappresenterebbe il calo maggiore dalla seconda guerra mondiale (vedi ” Un recupero a forma di V ‘). “Non abbiamo mai visto nulla di simile”, afferma Le Quéré.
A V-shaped recovery?: Shows projections for daily global emissions as lockdowns end over the course of 2020.
In effetti, l’entità della riduzione delle emissioni quest’anno potrebbe essere simile alle riduzioni annuali delle emissioni che sarebbero necessarie per raggiungere gli obiettivi dell’accordo sul clima di Parigi del 2015, che mirano a limitare il riscaldamento globale tra 1,5 e 2 ° C sopra livelli preindustriali. Se la recessione economica del 2008 è una guida, tuttavia, le emissioni potrebbero riprendersi rapidamente.
“La domanda è se le società cambieranno e se i Governi avanzeranno un’agenda energetica a basse emissioni di carbonio nel tentativo di stimolare l’economia”, afferma Philippe Ciais, ricercatore del ciclo del carbonio presso il Laboratory of Climate and Environmental Sciences di Gif-sur-Yvette in Francia che sta conducendo un secondo sforzo per monitorare le emissioni globali in tempo quasi reale. “Con questo tipo di dati, speriamo di trovare risposte”. Il team di Ciais sta costruendo un prototipo di sistema di monitoraggio che opera su tempistiche da giorni a settimane. I ricercatori hanno analizzato i dati energetici di oltre 400 città e 130 paesi, nonché i dati meteorologici in tutto il mondo per produrre stime giornaliere delle emissioni di carbonio per il 2019 e il 2020. Secondo le loro stime preliminari, le emissioni globali hanno iniziato a divergere in modo significativo rispetto allo scorso anno a marzo, mentre i paesi di tutto il mondo hanno iniziato a chiudere le attività e ad applicare misure di distanziamento sociale (vedere “Confronti giornalieri”).
Daily comparisons: Compares global carbon emissions from January until May in 2019 and 2020.
La Cina, ovviamente, ha guidato il declino (vedi “La Cina guida”). Le cifre del più grande produttore mondiale di gas a effetto serra hanno iniziato a calare bruscamente a gennaio, ma gran parte di tale declino ha coinciso con una riduzione annuale del consumo di energia all’inizio del nuovo anno cinese. I blocchi in Cina hanno contribuito a mantenere livelli di emissione più bassi nel paese, con una riduzione del 10% fino alla fine di marzo rispetto allo scorso anno. Quando l’attività economica è cresciuta in Cina, altri paesi sono entrati in modalità di blocco, deprimendo le emissioni globali per tutto aprile.
China leads: Compares the annual carbon emissions of the top five emitters in 2019 and 2020.
L’industria aeronautica ha registrato un drastico declino, con le emissioni che sono diminuite di oltre il 21% nei primi quattro mesi dell’anno, ma le maggiori riduzioni delle emissioni in numero assoluto sono state nei settori dell’energia elettrica e dei trasporti terrestri (vedi “Strade e energia” ).
Roads and power: Shows the change in daily global carbon emissions by sector from 2019 to 2020.
La domanda commerciale e industriale di elettricità è diminuita quando le attività commerciali sono state chiuse e le persone di tutto il mondo hanno parcheggiato le loro auto e sono rimaste a casa (vedere “Percorsi divergenti”). “Questa è una delle cose che risalta: le persone hanno ancora guidato durante la recessione economica del 2008, ma non guidano ora”, afferma il collaboratore Steven Davis, uno scienziato del sistema terrestre dell’Università della California Irvine. I dati e le metodologie sviluppati da Ciais e dal suo team devono ancora essere pubblicati in una rivista peer-reviewed.

Divergent paths: Compares global carbon emissions in 2019 and 2020 of China, United States and Europe by sector. “Questo lavoro ha un enorme potenziale”, afferma Bill Hare, a capo di Climate Analytics, una società di consulenza senza fini di lucro a Berlino. “Il monitoraggio delle emissioni in tempo quasi reale sarà alla fine necessario poiché i paesi si muoveranno per frenare le emissioni in futuro”, afferma Hare, “e ciò probabilmente significa sviluppare sistemi di tracciamento dell’energia e sistemi satellitari in grado di fornire una visione dettagliata del consumo di energia e quindi emissioni e cambiamenti in risposta alle politiche climatiche”.

Fonte: Nature