HomeSalutePelleCome funziona la protezione solare? Previene davvero rughe e cancro?

Come funziona la protezione solare? Previene davvero rughe e cancro?

La crema per la protezione solare previene veramente le scottature solari? Può davvero prevenire rughe e cancro della pelle?

Trascrizione del video:

- Advertisement -

È estate. E prima di uscire per andare in spiaggia o in piscina, ti spalmi la crema solare. Ma questa crema fa qualcosa oltre a prevenire una scottatura solare? Puo’ davvero prevenire le rughe? E il cancro della pelle?

Le creme solari esistono da quasi un secolo. Prima di parlare di quello che fanno, dobbiamo dare un’occhiata al motivo per cui i raggi del sole possono provocare rughe e cancro e farci sembrare un’aragosta al vapore se stiamo fuori troppo a lungo.

Il sole emette tre tipi di raggi ultravioletti: UVA, B e C. Lo strato di ozono terrestre filtra i raggi UVC che quindi non possono raggiungerci. Restano i raggi UVB e UVA.

I raggi UVB hanno una lunghezza d’onda piuttosto corta, quindi non possono raggiungere la profondità della pelle. In realtà non superano lo strato superiore, l’epidermide e sono i principali responsabili delle scottature. Come? Le radiazioni UV rilasciano composti come le citochine nell’epidermide. E poi viaggiano verso lo strato sotto il derma, dove fanno dilatare i vasi sanguigni. Quindi più sangue inizia a scorrere. Questo aumento del flusso sanguigno fa sembrare rosse le persone bianche. Le persone con la pelle più scura hanno più melanina, il pigmento marrone che può anche darti un’abbronzatura e prevenire ulteriori danni alla pelle. E questo rende più difficile vedere in loro quell’aumento del flusso sanguigno.

- Advertisement -

Quindi c’è questo presupposto comune e molto sbagliato che le persone con la pelle più scura non possano scottarsi: “possono, è solo più difficile da vedere”.

Probabilmente non è così scioccante apprendere che i filtri solari sono stati creati pensando alle persone con la pelle chiara. E sebbene sempre più aziende stiano diventando consapevoli dell’importanza di creare filtri solari testati e progettati per una gamma di colori della pelle, hanno ancora molta strada da fare per includere le persone con la pelle più scura nella ricerca.

Quando i raggi UVB colpiscono la pelle, provocano più di una semplice scottatura solare. Provocano danni al DNA e questo può portare al cancro della pelle.

Analizziamo questo danno, iniziando con un breve promemoria.

Il tuo DNA ha quattro tipi di nucleotidi: adenina, citosina, guanina e timina. Un modo molto comune in cui i raggi UVB danneggiano il tuo DNA è facendo sì che la citosina si leghi a una citosina della porta accanto o che la timina si leghi a una timina della porta accanto, formando strutture chiamate dimeri di pirimidina di ciclobutano o CPD.

Ecco un CPD formato quando due timine una accanto all’altra si legano in modo covalente. I CPD deformano la struttura del tuo DNA così tanto che gli enzimi e altri macchinari cellulari non possono leggerlo e trascriverlo in RNA,. Quindi il tuo corpo cerca di riparare il danno rimuovendo il frammento di DNA danneggiato e poi ricostruendolo leggendo il filamento di DNA opposto e riportando i nucleotidi corretti. Ma il processo di riparazione non è perfetto e può portare a mutazioni. La maggior parte delle mutazioni sono innocue, ma se la mutazione si verifica in un gene che controlla la crescita cellulare, ad esempio P53, le cellule possono iniziare a dividersi in modo incontrollabile, il che può portare al cancro.

Anche i raggi UVA possono causare il cancro, ma non direttamente come gli UVB.

Sia gli UVA che gli UVB possono portare alla produzione di sostanze chimiche chiamate specie reattive dell’ossigeno, che possono aggiungere un atomo di ossigeno al DNA. Un esempio è il nucleotide guanina del DNA che viene ossidato a 8-oxo-7,8-diidroguanina, il che rende più difficile l’accoppiamento con la citosina, il nucleotide con cui dovrebbe accoppiarsi. Ancora una volta, questo danno può portare a cellule che si dividono senza controllo.

La maggior parte dei raggi solari che raggiungono il suolo sono UVA con lunghezze d’onda più lunghe, che consentono loro di raggiungere più in profondità la nostra pelle, fino al derma, dove attivano le cellule chiamate melanociti per produrre melanina e causare anche le rughe. Sì, nel tempo, tutti hanno le rughe, ma i raggi UV, in particolare i raggi UVA, possono davvero accelerare quel processo aumentando la produzione di enzimi chiamati metalloproteinasi, che degradano, collagene ed elastina, fibre nel derma che forniscono supporto strutturale. Meno collagene ed elastina possono portare a rughe e pelle coriacea.

Altri studi hanno scoperto che la produzione di elastina può effettivamente aumentare dopo l’esposizione ai raggi UV, ma l’elastina prodotta è anormale. Quindi la pelle non viene ricostruita allo stesso modo e questa elastina prodotta può anche portare a rughe.

Vedi anche:La protezione solare riduce il rischio di melanoma del 40%

Allora, quando entra in gioco la protezione solare?

Diamo prima un’occhiata a come funziona attraverso un ingrediente per la protezione solare abbastanza comune negli Stati Uniti, l’ossibenzone.

Quando un fotone UV colpisce una molecola di ossibenzone sulla pelle, la molecola di ossibenzone assorbe il fotone e guadagna energia. Uno dei legami che collegano i due anelli ruota, dissipando molta energia e sbattendo l’anello a destra in un’altra molecola sulla pelle, che spesso è acqua. La molecola d’acqua assorbe l’energia e vibra, il che la rende un po’ più calda. Quindi il legame torna indietro, portandoci più o meno dove siamo partiti, pronti ad assorbire più fotoni UV. Nel complesso, l’ossibenzone ha assorbito un fotone da radiazione UV, un fotone che avrebbe altrimenti danneggiato il DNA e ha dissipato l’energia di quel fotone sotto forma di calore innocuo.

L’ossibenzone non può assorbire efficacemente i fotoni per sempre, ecco perché i dermatologi consigliano di riapplicare ogni due ore la crema solare e anche più frequentemente, se vai a nuotare.

È importante notare che molti paesi stanno gradualmente eliminando l’ossibenzone, comprese le Hawaii, perché è in discussione la sicurezza delle barriere coralline acausa del suo utilizzo.
La FDA ha recentemente affermato che l’ossibenzone e altri principi attivi organici come questi possono essere anche assorbiti dal nostro corpo, soprattutto se usi la protezione solare tutti i giorni. Quindi chiede ai produttori di fare più studi sulla sicurezza su questi ingredienti.
Nel frattempo, i filtri solari che utilizzano ossido di zinco o biossido di titanio funzionano in modo simile all’ossibenzone e la FDA ha affermato che sono sicuri.

Ora, la protezione solare può prevenire rughe e cancro?

Bene, se la crema solare blocca la maggior parte dei raggi UV, che sappiamo possono causare rughe e cancro della pelle, allora, si. In realtà non ci sono molti dati su questo, ma ecco cosa sappiamo. In termini di prevensione di rughe e cancro della pelle da parte di creme solari, è stato fatto solo un importante studio randomizzato controllato. Negli anni novanta, i ricercatori in Australia hanno seguito 903 adulti nel corso di quattro anni e mezzo e hanno scoperto che le persone che usano la protezione solare ogni giorno non mostravano alcun aumento rilevabile dell’invecchiamento cutaneo sulla base delle impronte in lattice della pelle che i ricercatori prendevano dal dorso delle loro mani. Hanno anche scoperto che la protezione solare riduceva il rischio di alcuni tipi di cancro della pelle.

I risultati dello studio indicano che la protezione solare può prevenire le rughe e il cancro della pelle. Inoltre, la logica ci dice che ha impedito ai raggi UV di entrare nella tua pelle e danneggiarla.

La maggior parte dei dermatologi ti dirà di utilizzare la protezione solare, ma è solo una parte del da fare per proteggersi dai raggi solari: cerca di evitare le ore di punta per l’esposizione al sole e indossare indumenti e cappelli protettivi.

Fonte:Schitechdaily

 

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...