HomeSaluteVirus e parassitiCome COVID-19 altera il sistema immunitario

Come COVID-19 altera il sistema immunitario

(COVID-19- Immagine:Cellula dendritica. Credito: D. Dudziak).

“COVID-19 riduce il numero e la competenza funzionale di alcuni tipi di cellule immunitarie nel sangue”, affermano i ricercatori della Università Ludwig-Maximilian di Monaco. Ciò potrebbe influenzare le risposte alle infezioni secondarie.

Il coronavirus SARS-CoV-2 causa una malattia da moderata a grave nel 3-10% delle persone infette. In tali casi, il sistema immunitario reagisce in modo eccessivo al virus, innescando una risposta immunitaria innata aberrante caratterizzata da infiammazione sistemica, coagulazione del sangue intravascolare e danni al sistema cardiovascolare. Un team guidato dalla Prof.ssa di immunologia Anne Krug presso il Centro biomedico della LMU (BMC), che comprendeva molti ricercatori con sede presso il BMC e il Centro medico della LMU, ha condotto uno studio completo su questo fenomeno e ha scoperto effetti finora sconosciuti del virus sul sistema immunitario. Sulla rivista PLOS Pathogens, i ricercatori riportano che, a seguito dell’infezione da SARS-CoV-2, il numero di cellule immunitarie chiamate cellule cellule dendritiche in circolo diminuiscono, mentre la funzionalità della frazione rimanente è compromessa. Gli autori ritengono che ciò potrebbe rendere i pazienti più suscettibili alle infezioni secondarie durante e immediatamente dopo il recupero da un attacco di COVID-19.

- Advertisement -

Le cellule dendritiche (DC) sono responsabili dell’avvio delle risposte immunitarie contro i patogeni invasivi. Lo fanno attivando le cellule T helper, che a loro volta stimolano le cellule B a secernere anticorpi diretti contro l’invasore. Krug e i suoi colleghi hanno deciso di determinare gli effetti dell’infezione da coronavirus da moderata a grave su questo processo. Hanno analizzato campioni di sangue ottenuti da 65 pazienti COVID-19 che erano stati trattati presso il LMU Medical Center. Hanno scoperto che c’erano meno cellule dendritiche in questi campioni rispetto al sangue dei controlli sani. Inoltre, le DC isolate dal sangue dei pazienti hanno mostrato una ridotta capacità di attivare le cellule T. “In realtà ci aspettavamo che le cellule dendritiche isolate da pazienti infetti da SARS-CoV-2 avrebbero attivato le cellule T in modo più potente rispetto alle cellule dendritiche ottenute da donatori sani”, afferma Krug. “Tuttavia, abbiamo scoperto che, nel corso della malattia, le proteine ​​presenti sulla superficie delle DC nel sangue dei pazienti erano alterate in un modo che le rendeva più propense a inibire le risposte delle cellule T”. Nonostante ciò, entro 15 giorni dalla diagnosi il 90% di questi pazienti aveva generato anticorpi diretti contro la proteina spike SARS-CoV-2 e molti di loro avevano anche attivato una risposta delle cellule T– queste risposte sono le caratteristiche di una robusta reazione immunitaria contro il virus. “Quindi, il calo dei numeri e la ridotta funzionalità delle DC non sembrano avere un impatto negativo sulla risposta immunitaria al coronavirus stesso“, afferma Krug.

Vedi anche:COVID-19 è un’infezione stagionale?

Tuttavia, la ricercatrice è convinta che il numero ridotto e la funzione alterata delle cellule dendrititche siano significativi. È concepibile che ciò possa causare una reazione del sistema immunitario meno forte del previsto alle infezioni batteriche o di altro tipo dopo il recupero da COVID-19, ma questa possibilità richiederà ulteriori indagini cliniche.

Cosa potrebbe spiegare l’esaurimento delle cellule dendritiche nel sangue e la diminuzione della loro capacità di stimolare le cellule T ?  Krug ha diverse ipotesi da offrire. COVID-19 è spesso associato a vigorose reazioni infiammatorie, quindi il fenomeno potrebbe essere parte di un tentativo di sottoregolare i processi infiammatori. Le cellule dendritiche potrebbero migrare dal sangue nei tessuti infiammati, come il polmone, il che potrebbe spiegare la diminuzione del numero di DC in circolazione. “Tuttavia, abbiamo anche scoperto che la rigenerazione delle cellule dendritiche è ritardata”, sottolinea Krug. Gli autori dello studio ritengono che questo fenomeno potrebbe indebolire la capacità dei pazienti di attivare risposte immunitarie efficaci ad altri agenti patogeni durante e subito dopo un’infezione sintomatica da COVID-19. Il team ora esplorerà ulteriormente questo problema nel tentativo di determinare se gli effetti di SARS-CoV-2 sulle cellule dendritiche giocano un ruolo nel COVID a lungo termine.

- Advertisement -

Fonte:PLOS Pathogens

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...