Collegamento batterico nella celiachia

0
66

Immagine, un’opera d’arte che descrive il modo in cui le proteine ​​batteriche imitano le proteine ​​del glutine, causando una risposta immunitaria alla celiachia. Credito: artista residente Erica Tandori, del laboratorio Rossjohn della Monash University.

L’esposizione batterica è stata identificata come un potenziale fattore di rischio ambientale nello sviluppo della celiachia, una condizione autoimmune ereditaria che colpisce circa uno su 70 australiani.

Si stima che la metà di tutti gli australiani sia nata con uno dei due geni che causano la celiachia e che circa uno su 40 probabilmente svilupperà la condizione.

Le persone con celiachia devono seguire una dieta senza glutine per tutta la vita, poiché anche piccole quantità di glutine possono causare problemi di salute.

Mentre è noto che i fattori ambientali scatenano la celiachia nei soggetti con predisposizione genetica, non è ancora chiaro come funzionano esattamente.

Gli scienziati del Monash Biomedicine Discovery Institute (BDI) e ARC Center of Excellence in Advanced Molecular Imaging hanno ora fornito una base molecolare per l’esposizione microbica come potenziale fattore ambientale nello sviluppo della celiachia.

I risultati dello studio, condotto in collaborazione con i ricercatori del Leiden University Medical Center e del Walter and Eliza Hall Institute of Medical Research, sono stati pubblicati sulla rivista Nature Structural and Molecular Biology.

Il ricercatore co-responsabile Dr. Hugh Reid, della Monash University, ha affermato che il team ha mostrato, a livello molecolare, come i recettori isolati dalle cellule T immunitarie dei pazienti affetti da celiachia possano riconoscere frammenti di proteine ​​di alcuni batteri che imitano quei frammenti di glutine.

L’esposizione a tali proteine ​​batteriche può essere coinvolta nella generazione di un riconoscimento aberrante del glutine da parte di queste stesse cellule T quando soggetti sensibili mangiano cereali contenenti glutine.

Vedi anche,Svolta nel trattamento della celiachia

“Nella celiachia si ottiene una reattività aberrante al glutine e abbiamo fornito una prova di principio che esiste un legame tra proteine ​​del glutine e proteine ​​che si trovano in alcuni batteri“, ha detto il ricercatore.

“Cioè, è possibile che il sistema immunitario reagisca alle proteine ​​batteriche in una normale risposta immunitaria e così facendo sviluppa una reazione alle proteine ​​del glutine perché, al sistema immunitario, sembrano indistinguibili“.

Il Dr. Reid ha affermato che i risultati potrebbero eventualmente condurre ad approcci diagnostici o terapeutici per la celiachia.

Informazioni sulla celiachia

La celiachia è causata da una reazione aberrante del sistema immunitario al glutine, una proteina che si trova naturalmente nel grano, segale, orzo e avena e quindi si trova tipicamente in pane, pasta, dolci e torte. Le cellule del sistema immunitario, note come cellule T, considerano il glutine come una sostanza estranea e iniziano un’azione contro di esso.

Nei pazienti con CD, l’attivazione di queste cellule T porta a una risposta infiammatoria nell’intestino tenue causando una vasta gamma di sintomi tra cui diarrea, gonfiore e malassorbimento dei nutrienti, solo per citarne alcuni.

Le persone con celiachia devono seguire una dieta senza glutine per tutta la vita, poiché anche piccole quantità di glutine possono causare problemi di salute. Se non trattata, la malattia può causare gravi problemi tra cui malnutrizione, osteoporosi, depressione e infertilità e vi è un lieve aumento del rischio di alcune forme di cancro, come il linfoma dell’intestino tenue.

Fonte, Nature