HomeSaluteIntestino e stomacoColite ulcerosa: Lipitor trattamento efficace

Colite ulcerosa: Lipitor trattamento efficace

(Colite ulcerosa-Immagine Credit Public Domain).

Potrebbero esserci buone notizie per quasi 1 milione di persone che combattono la colite ulcerosa, un tipo di condizione infiammatoria intestinale senza una vera cura: le statine, un farmaco per abbassare il colesterolo comunemente prescritto, sembrano essere un trattamento efficace, anche se inaspettato, per la condizione, secondo un nuovo studio della Stanford Medicine.

Attualmente le uniche linee di difesa contro la colite ulcerosa sono i farmaci antinfiammatori, che non sempre funzionano e la colectomia, l’asportazione chirurgica di parte o tutto il colon. “La scoperta di un’altra opzione è significativa”, ha affermato Purvesh Khatri, PhD, Professore associato di medicina e di scienza dei dati biomedici, che ha guidato la ricerca. “Circa il 30% dei pazienti con colite ulcerosa alla fine deve sottoporsi a una colectomia come ultima risorsa. È una misura drastica; stai rimuovendo parte del tuo corpo”, ha detto Khatri. “Quindi abbiamo pensato: “Possiamo utilizzare i dati disponibili per vedere se i farmaci già approvati dalla FDA possono essere riutilizzati per trattare meglio questi pazienti?”. La colite ulcerosa provoca infiammazione e ulcere nell’intestino, lasciando i pazienti vulnerabili a una serie di sintomi spiacevoli, tra cui dolore addominale, sangue nelle feci, stitichezza e affaticamento. La condizione, pur non essendo pericolosa per la vita, può essere gravemente debilitante, soprattutto se i farmaci antinfiammatori non funzionano.

- Advertisement -

Vedi anche:Colite ulcerosa: remissione clinica con Mirikizumab di Lilly

Attingendo a set di dati pubblicamente disponibili di informazioni anonime sulla salute dei pazienti, inclusi dati genomici e di prescrizione, Khatri e il suo team hanno rintracciato una connessione tra una manciata di farmaci e la diminuzione dei sintomi della colite ulcerosa. Come si è scoperto, l’Atorvastatina, venduta con il marchio Lipitor, ha offerto uno dei migliori risultati, riducendo significativamente il tasso di trattamento chirurgico per la colite ulcerosa, la necessità di farmaci antinfiammatori e i tassi di ospedalizzazione.

Un documento che descrive lo studio è stato pubblicato il 16 settembre 2021 sul Journal of the American Medical Informatics Association. Khatri è l’autore senior. Gli ex studenti laureati Lawrence Bai e Madeline Scott sono co-autori.

Analizzare i geni e gli effetti dei farmaci su di essi

Khatri e il suo team hanno iniziato la loro ricerca analizzando i dati genomici pubblicamente disponibili di centinaia di pazienti con colite ulcerosa che avevano subito una biopsia del colon, una pratica piuttosto comune che aiuta i medici a diagnosticare la malattia e la sua gravità. Nello specifico, Khatri e il suo team stavano cercando alcune “firme” genomiche o modelli di attività genica, che sembravano persistere nella maggior parte dei pazienti con la condizione. Abbiamo esaminato i dati nazionali e internazionali e abbiamo trovato una firma della malattia che era solida in tutti i set di dati, indipendentemente dal fatto che il paziente stesse vivendo una riacutizzazione della malattia”, ha detto Khatri.

- Advertisement -

Da lì, si trattava di identificare come alcuni farmaci influenzassero l’attività genica associata alla colite ulcerosa. Khatri si è rivolto ai dati di studi di laboratorio condotti in precedenza su cellule che hanno mostrato come alcuni farmaci modificassero l’attività dei geni. L’idea era quella di trovare i farmaci che sembravano invertire la firma genetica associata alla colite ulcerosa. Ad esempio, se i pazienti con colite ulcerosa hanno avuto un calo dell’attività dei geni A e B, il team ha cercato farmaci che aumentassero l’attività di quei geni. I ricercatori hanno esaminato solo i farmaci che erano stati approvati dalla Food and Drug Administration in modo che potessero essere distribuiti ai pazienti velocemente in termini di tempo.

Le statine emergono

Dopo aver incrociato i set di dati genomici e sperimentali, il team ha identificato tre farmaci che hanno efficacemente invertito la firma genetica della colite ulcerosa. “I primi due erano farmaci chemioterapici, che ovviamente non prescriveresti a qualcuno a causa di gravi effetti collaterali, ma il terzo era una statina“, ha detto Khatri.

Il passo successivo sarebbe di solito quello di istituire una sperimentazione clinica. Ma, sempre appassionato di dati, Khatri ha adottato un approccio diverso. Le statine sono tra i farmaci più comunemente prescritti negli Stati Uniti, quindi sembrava ragionevole pensare che un numero relativamente elevato di pazienti con colite ulcerosa potesse anche assumere statine per aiutare a gestire il colesterolo. Quindi, invece di rivolgersi a una sperimentazione clinica, il team si è rivolto ai dati delle cartelle cliniche elettroniche. “Siamo stati in grado di vedere se i pazienti avevano la colite ulcerosa, se assumevano statine e se avevano avuto bisogno di una colectomia”, ha detto Khatri.

Le persone con colite ulcerosa che stavano assumendo statine, indipendentemente dalla loro età, avevano una diminuzione di circa il 50% dei tassi di colectomia e avevano meno probabilità di essere ricoverate in Ospedale. Inoltre, ai pazienti con colite ulcerosa che stavano assumendo statine sono stati prescritti altri farmaci antinfiammatori a un tasso inferiore.

“Sebbene non sia del tutto noto come le statine reprimano i sintomi della malattia”, ha affermato Khatri, “sono note per avere una sorta di capacità antinfiammatoria generale. A questo punto, si potrebbe sostenere che questi dati mostrano una connessione abbastanza forte per iniziare a prescrivere statine per la colite ulcerosa”, ha detto Khatri. “Penso che ci siamo quasi. Dobbiamo convalidare gli effetti in modo un po’ più rigoroso prima di trasferirli in clinica. L’altro vantaggio dello studio è che fornisce un quadro su come scoprire i farmaci che sono già in circolazione e riutilizzarli per curare altre malattie. Il sistema è pieno di potenziale, in particolare per le malattie autoimmuni”.

L’articolo, “Riposizionamento farmacologico computazionale dell’Atorvastatina per la colite ulcerosa” è stato scritto da  Lawrence Bai, Madeleine KD Scott, Ethan Steinberg, Laurynas Kalesinskas, Aida Habtezion, Nigam H Shah e Purvesh Khatri. 

Fonte:Jamia

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...