Cocktail di farmaci blocca la crescita del tumore

tumore

Immagine di microscopia elettronica a scansione di una cellula tumorale. Credito: Università di Basilea, Istituto svizzero delle nanoscienze / Biozentrum.

Un farmaco per il diabete ampiamente usato, combinato con un farmaco antipertensivo, inibisce specificamente la crescita del tumore – secondo uno studio di due anni fa dei ricercatori del Biozentrum dell’Università di Basilea. 

In uno studio di follow-up, recentemente pubblicato su Cell Reports, gli scienziati riferiscono che questo cocktail di farmaci induce la morte delle cellule tumorali spegnendo il loro approvvigionamento energetico.

La metformina, ampiamente utilizzata come farmacoo anti-diabete, non solo riduce lo zucchero nel sangue, ma ha anche un effetto anti-cancro. Tuttavia, la dose di metformina comunemente usata nel trattamento del diabete è troppo bassa per inibire la crescita del cancro. Lo studio precedente del gruppo del Prof. Hall presso il Biozentrum dell’Università di Basilea ha rivelato che il farmaco antiipertensivo sineropico migliora l’efficacia anti-cancro della metformina.

Vedi anche La metformina potrebbe essere utilizzata per il trattamento di tumori maligni.

Nello studio di follow-up, condotto congiuntamente presso il Biozentrum e Basilea Pharmaceutica International Ltd, gli scienziati hanno fatto luce su questo fenomeno: la combinazione dei due farmaci blocca un passaggio fondamentale nella produzione di energia portando così a una carenza di energia che alla fine guida il cancro  al “suicidio”.

Il cocktail paralizza macchinari sofisticati

Le cellule tumorali hanno elevate esigenze energetiche a causa del loro aumentato fabbisogno metabolico e della rapida crescita. Un fattore limitante nel soddisfare questa domanda è la molecola NAD + che è la chiave per la conversione dei nutrienti in energia. 

“Per mantenere attivo il macchinario che genera energia, NAD + deve essere generato continuamente da NADH“, spiega Don Benjamin, primo autore dello studio. “Interessante è che sia la metformina che syrosingopina impediscono la rigenerazione di NAD +, ma in due modi diversi”.

Osservando più da vicino la modalità di azione

Molte cellule tumorali spostano il loro metabolismo verso la glicolisi, il che significa che esse generano energia principalmente attraverso la scomposizione del glucosio in lattato. Poiché l‘accumulo di lattato porta a un blocco della via glicolitica, le cellule tumorali eliminano il lattato esportandolo dalla cellula tramite trasportatori specifici.

 “Abbiamo ora scoperto che syrosingopine blocca efficacemente i due più importanti trasportatori di lattato e quindi, inibisce l’esportazione di lattato“, afferma Benjamin. “Elevate concentrazioni di lattato intracellulare, a loro volta, impediscono che  NADH venga riciclato in NAD +“.

Combinazione letale

Poiché la metformina blocca la seconda delle due vie cellulari per la rigenerazione di NAD +, il trattamento combinato con metformina-siringopina determina la perdita completa della capacità di riciclaggio di NAD + della cellula. L’esaurimento di NAD + a sua volta porta alla morte cellulare, in quanto le cellule tumorali non sono più in grado di produrre energia sufficiente. Pertanto, l’inibizione farmacologica dei trasportatori di lattato da parte di syrosingopine o altri farmaci che agiscono in modo simile può aumentare l’efficacia antitumorale della metformina e può rivelarsi un approccio promettente alla lotta contro il cancro.

L’ex azienda di Basilea Ciba ha sviluppato in origine syrosingopine per il trattamento dell’ipertensione nel 1958. L’identificazione di syrosingopine come doppio inibitore dei due principali trasportatori di lattato è un’importante scoperta, poiché attualmente non esiste un inibitore farmacologico disponibile per uno di questi due trasportatori (MCT4). La potenziale applicazione di syrosingopine  alla terapia del cancro potrebbe innescare una seconda carriera per questo vecchio farmaco.

Fonte, Cell Reports

Altri articoli su tumore