Home Salute Cervello e sistema nervoso Cocktail di antiossidanti per prevenirel'Alzheimer

Cocktail di antiossidanti per prevenirel’Alzheimer

Immagine: Public Domain.

Uno studio, pubblicato su  Open Biology, ha scoperto che l’assunzione di una combinazione di antiossidanti a dosi crescenti è più vantaggiosa nel prevenire l’Alzheimer, rispetto a qualsiasi altro trattamento attualmente disponibile.

I risultati dello studio hanno dimostrato che gli antiossidanti reagiscono con i radicali liberi nel corpo per renderli innocui.

L’attacco articolare al corpo da acidosi metabolica e stress ossidativo suggerisce che il trattamento nelle malattie degenerative, compresa la malattia di Alzheimer (AD), può richiedere una normalizzazione del pH extracellulare e intracellulare con la simultanea integrazione di un cocktail combinato antiossidante a una dose sufficientemente elevata. Si stanno inoltre accumulando prove del fatto che combinazioni di antiossidanti possono essere più efficaci, sfruttando gli effetti sinergici di antiossidanti appropriati e una dieta ricca di nutrienti per prevenire e invertire l’AD. Questa recensione si concentra su trattamenti nutrizionali, nutraceutici e antiossidanti dell’Alzheimer, sebbene possano essere utilizzati anche in altre malattie degenerative e neurodegenerative croniche.

Innumerevoli vite sono state salvate con antibiotici e vaccini per varie malattie trasmissibili. Tuttavia, la malattia cronica è attualmente l’onere più significativo per i sistemi sanitari a livello globale e la causa di circa il 70% dei decessi in tutto il mondo . La malattia di Alzheimer (AD) e altre malattie neurodegenerative non sono state specificatamente incluse in questi numeri e quindi la situazione potrebbe essere peggiore. Circa il 45% di tutti gli americani soffre di una o più malattie croniche.

In Europa, le stime attuali indicano che 50 milioni di persone vivono con patologie croniche multiple e questo numero dovrebbe aumentare nel prossimo decennio. Nel 2015, la demenza ha colpito 47 milioni di persone in tutto il mondo (o circa il 5% della popolazione anziana mondiale), una cifra che dovrebbe aumentare a 75 milioni nel 2030 e 132 milioni entro il 2050. Recenti recensioni stimano che a livello globale quasi 9,9 milioni di persone sviluppano la demenza ogni anno. Le persone con diagnosi di una o più condizioni croniche hanno spesso esigenze sanitarie complesse, muoiono prematuramente e hanno una qualità generale della vita più scadente. I pazienti con patologie croniche multiple generalmente ricevono cure inefficaci, incomplete e frammentate.

Secondo il Grattan Institute, “l’assistenza primaria australiana sta fallendo in un’area cruciale: la prevenzione e la gestione delle malattie croniche” ed è probabilmente la stessa cosa a livello globale. Il Professor Allen D. Roses ha fornito due eccellenti recensioni sull’economia e sul futuro dell’uso della farmacogenetica per produrre farmaci con maggiore efficacia e sicurezza su una base di trattamento più personalizzato invece di un’efficacia limitata per il 30-40% dei pazienti trattati. Tuttavia, potrebbero essere necessari altri 10 anni o più per l’introduzione sul mercato di farmaci clinicamente trainati. A meno che non vi sia un paradigma che va dai farmaci monomodali a quelli multimodali o alle combinazioni o cocktail di medicinali che affrontano tutti i fattori del processo patologico, è improbabile che venga trovata una cura per le malattie degenerative croniche o neurodegenerative. Concentrare gli sforzi di ricerca, le strategie di sviluppo di farmaci e gli approcci sanitari basati su un singolo componente di un sistema, piuttosto che sulla rete interagente di componenti che comprende un tale sistema, può oscurare importanti principi eziologici e / o meccanismi patologici, compresi quelli evidenti durante le fasi presintomatiche della malattia. L’applicazione della scienza dei sistemi e la sua estensione nell’assistenza sanitaria presuppone pertanto che la salute e / o la malattia derivino dalle interazioni dinamiche dei componenti multiomici intrinseci di un individuo (ad esempio genetici, epigenetici, ecc.).

È utile un approccio olistico all’assistenza sanitaria per ritardare e prevenire le malattie croniche attraverso cambiamenti nello stile di vita che ottimizzano la dieta individuale, l’esercizio fisico, il sonno e la riduzione dello stress. La nutrizione è anche un principio centrale della medicina funzionale o integrativa, della medicina tradizionale cinese, dell’Ayurveda e della medicina naturopatica. La ricerca ha dimostrato che è efficace un approccio naturale per prevenire, ritardare e persino invertire le malattie croniche degenerative e neurodegenerative.

 Effetto della dieta sul pH extracellulare

C’è stata una profonda trasformazione della dieta umana conseguente allo sviluppo agricolo, all’allevamento e allo sviluppo di moderni metodi di produzione alimentare. La dieta contemporanea ha una sovrabbondanza di grassi malsani, zucchero e cloruro di sodio e una scarsità di fibre, calcio e potassio. È stato stimato che nella dieta paleolitica, l’assunzione di sodio era di circa 29 meq e l’assunzione di potassio di 280 meq al giorno. Al contrario, gli esseri umani moderni consumano tra 100 e 300 meq di sodio e circa 80 meq di potassio al giorno. Come conseguenza di questa trasformazione dietetica, gli esseri umani contemporanei non solo sono sovraccaricati di sodio e cloruro, ma sono anche carenti di potassio e bicarbonati. Pertanto, dall’età relativamente giovane fino alla vecchiaia, gli esseri umani possono sviluppare un progressivo aumento dell’acidità extracellulare e una diminuzione dei bicarbonati plasmatici. Insieme, sono indicativi di un aumento dell’acidosi metabolica di basso grado. Tuttavia, aumentando il potassio nella dieta ai livelli stimati nella dieta paleolitica, mangiando più frutta e cibi vegetali non a base di cereali, si possono avere benefici per prevenire o ritardare molte delle malattie degenerative legate alla dieta e all’età e alle loro conseguenze.

6. Acidosi metabolica

La dieta può essere uno dei principali fattori che contribuiscono all’acidosi metabolica di basso grado che porta ad un aumento della mortalità per tutte le cause e malattie croniche come il diabete mellito di tipo 2 e l’ipertensione, che sono anche associate all’Alzheimer. In generale, gli alimenti che tendono a diminuire il pH provengono da origine animale e gli alimenti che aumentano il pH sono principalmente di origine vegetale. L’acidosi metabolica ha dimostrato di aumentare la disgregazione proteica nell’uomo. Inoltre, stimola anche l’ossidazione degli aminoacidi a catena ramificata sia nell’uomo che negli animali. Pertanto, l’acidosi metabolica potrebbe comportare un aumento dello stress ossidativo, nonché la scomposizione e l’aggregazione delle proteine, contribuendo così a un peggioramento dello stato della malattia. Pertanto, l’acidosi metabolica, insieme all’insulino-resistenza e allo stress ossidativo, possono avere un forte impatto sullo sviluppo e sulla progressione dell’Alzheimer.

Considerare la natura multifattoriale dell’AD e i fattori discussi sopra, può suggerire che l’AD, come altre malattie neurodegenerative e probabilmente tutte le malattie degenerative, possano avere un legame comune. Naturalmente, anche il processo della malattia degenerativa è influenzato da fattori ambientali, dal processo di invecchiamento e dalla predisposizione genetica. L’attacco articolare al corpo da acidosi metabolica e stress ossidativo suggerisce che il trattamento nelle malattie degenerative, tra cui AD, può richiedere una normalizzazione del pH extracellulare e intracellulare con una simultanea integrazione di un cocktail combinato antiossidante a una dose sufficientemente elevata. Vari studi hanno dimostrato che l’assunzione dietetica di frutta e verdura fresca è molto efficace nel ridurre o arrestare lo stress ossidativo. La ragione per cui molti studi in cui viene utilizzata la supplementazione di antiossidanti per rimuovere lo stress ossidativo non sono così convincenti è che forse la normalizzazione della base acida non è stata considerata né trattata. Inoltre, l’assunzione dietetica di frutta e verdura fresca aiuta a normalizzare il pH grazie agli alti livelli di minerali alcalini in esse contenuti. In alternativa, l’assunzione di antiossidanti potrebbe essere stata “un po’ troppo bassa e un po’ troppo tarda”.

Il Dr Gerald Veurink ha condotto la ricerca mentre lavorava alla UWA Medical School. Ha  esaminato una serie di antiossidanti per scoprire quali fossero più efficaci a proteggere i neuroni.

Ha scoperto che carotenoidi e composti fenolici, così come antiossidanti come la vitamina C e la vitamina E ad alte concentrazioni, sono più efficaci nel ridurre il rischio di Alzheimer.

Veurink ha affermato che mentre una dieta ricca di nutrienti ha contribuito a stabilizzare i livelli di pH nel corpo che hanno causato stress ossidativo, l’integrazione simultanea di un cocktail antiossidante è stata più efficace nel prevenire e gestire le malattie croniche.

” La combinazione di antiossidanti a dosi sufficientemente elevate e personalizzate e una dieta ricca di nutrienti e a basso contenuto di carboidrati sembra avere il maggiore impatto sui pazienti che soffrono di Alzheimer ”  ha affermato il Dott. Veurink.

Il ricercatore ha anche trovato una combinazione di antiossidanti piuttosto che un singolo antiossidante che ha aiutato a combattere lo stress ossidativo.

Fonte: The Royal Society


ULTIMI ARTICOLI

Iniziano le sperimentazioni per una nuova arma contro il Parkinson: la luce

Immagine:Alan Minson dice che i suoi sintomi di Parkinson sono migliorati dopo che ha iniziato a usare un "casco leggero" nel luglio 2019. Credito:RON...

Le diete vegetali ricche di carboidrati integrali possono migliorare la sensibilità all’insulina

Le diete vegetali ricche di carboidrati integrali possono migliorare la sensibilità all'insulina e altri indicatori di salute negli individui con diabete di tipo 1,...

Studio di fase 1 mostra un’incoraggiante attività anti-cancro di Sotorasib

Immagine: Public Domain. "Uno studio clinico di fase 1 in pazienti con tumori solidi avanzati pesantemente pretrattati, mostra un'attività anti-cancro incoraggiante di Sotorasib (AMG 510),...

Gli astrociti sono essenziali per la salute della barriera emato-encefalica

Immagine: Public Domain. Oltre a un guscio esterno resistente, il cervello ha difese interne, tra cui un potente scudo chiamato barriera emato-encefalica che difende le...

La vitamina E è necessaria per il corretto sviluppo del sistema nervoso

Immagine: Public Doimain. La ricerca dell'Oregon State University, che interessa anche le donne in età fertile, mostra che gli embrioni prodotti dal pesce zebra carente...