Il cibo non è solo la somma delle sue sostanze nutritive

cibo

Il cibo non è solo la somma delle sue sostanze nutritive!

Tradizionalmente le indagini sulle implicazioni di un prodotto alimentare sulla salute umana si basano sull’analisi del suo contenuto di singoli nutrienti come proteine, grassi, carboidrati, ecc. Tuttavia, la ricerca più recente dimostra che gli effetti sulla salute di un prodotto alimentare non possono essere determinati sulla base delle singole sostanze nutritive che esso contiene. Il cibo deve essere valutato nel suo insieme e insieme ad altri alimenti consumati allo stesso tempo. Sono queste le conclusioni di un gruppo di esperti, pubblicate sulla rivista scientifica di prestigio The American Journal of Clinical Nutrition.

Noi consumiamo alimenti e pasti – non nutrienti

Tanja Kongerslev Thorning, postdoc del Dipartimento di Nutrizione dell’Università di Copenaghen e primo autore dell’ articolo, spiega che i ricercatori si sono a lungo chiesti perché gli effetti concreti di un alimento sono in contrasto con gli effetti attesi sulla base del suo contenuto nutrizionale. Hanno quindi iniziato ad indagare in un contesto più ampio.

” Nel corso degli anni abbiamo acquisito più metodi per esplorare ciò che nutrienti specifici significano per la digestione e la salute umana. Ma quando mangiamo, noi non consumano singoli nutrienti. In entrambi i casi, da soli o insieme in un pasto, sembra evidente che i prodotti alimentari devono essere valutati nel contesto”, dice Tanja Kongerslev Thorning.

Infine questo significa che la composizione di un alimento può alterare le proprietà dei nutrienti in esso contenuti in modi che non possono essere previsti sulla base di un’analisi dei singoli nutrienti. Ad esempio, i prodotti lattiero-caseari come il formaggio hanno un minore effetto sul colesterolo nel sangue di quanto previsto sulla base del loro contenuto di grassi saturi. Ci sono interazioni tra le sostanze nutritive in un alimento che sono significative per il suo effetto complessivo sulla salute.

Tanja Kongerslev Thorning spiega ulteriormente “Un altro esempio sono le mandorle che contengono molti grassi, ma che rilasciano meno grasso di quanto previsto durante la digestione, soprattutto quando vengono masticate molto bene. Gli effetti sulla salute di un alimento sono probabilmente una combinazione di rapporti fra le sue sostanze nutritive e anche metodi utilizzati per la sua preparazione o produzione. Questo significa che alcuni alimenti possono essere più sani di quanto attualmente si crede”.

Alcuni dei precetti della corrente scienza della nutrizione devono essere riconsiderati.

Il gruppo di ricercatori alla base di queste conclusioni è composto da 18 esperti in epidemiologia, cibo, nutrizione e scienza medica, che hanno collaborato ad un workshop organizzato dall’Università di Copenhagen in collaborazione con l’Università di Reading nel mese di settembre 2016. Lo studio è stato focalizzato sui prodotti lattiero-caseari e su come la miscela complessa di sostanze nutrienti e sostanze bioattive, come minerali e vitamine, può influenzare la digestione e in ultima analisi, modificare le proprietà generali nutrizionali e i benefici sulla salute di un determinato alimento.

Il gruppo ha concluso, tra l’altro, che lo yogurt e il formaggio hanno un effetto diverso e più benefico sulla salute delle ossa, il peso corporeo, il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, rispetto a quanto ci si aspetterebbe sulla base del loro contenuto di grassi saturi e di calcio.

Il Direttore del Dipartimento di Nutrizione dell’ Università di Copenaghen, il Prof. Arne Astrup che ha presieduto il seminario, spiega che l’esempio del formaggio è buono per illustrare che gli effetti sulla salute di un alimento non possono essere giudicati da singoli nutrienti ad esempio sodio e grassi saturi. Spiega Astrup: “In contrasto con le attuali raccomandazioni che essenzialmente vietano il formaggio a causa del totale di grassi in esso contenuti, la ricerca attuale dimostra chiaramente che il formaggio offre numerosi benefici per la prevenzione del diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari e tumori. Tutti gli effetti positivi sono dovuti a una complessa interazione tra batteri benefici, minerali e gli ingredienti bio-attivi del formaggio”.

Ian Givens, Prof. di Nutrizione presso l’Università di Reading e co-Presidente della riunione, conclude:

“Sono necessari ulteriori studi, ma alla fine sembra che alcune aree della scienza della nutrizione hanno bisogno di essere ripensate. Non possiamo concentrarci su un nutriente senza guardare come si è consumato e che altro si mangia allo stesso tempo”.

Fonte: The American Journal of Clinical Nutrition

Altri articoli su cibo