Cibi fritti sono più dannosi di quanto si pensi

cibi fritti

Anche la persona più attenta alla salute, potrebbe trovare difficile rinunciare ai cibi fritti: sono deliziosi, l’aroma che emettono può essere irresistibile. Purtroppo, i cibi fritti provocano effetti negativi sulla salute. 

Il rischio di cancro

La ricerca condotta presso il Fred Hutchinson Cancer Research Center e pubblicata online sulla rivista Prostata nel 2013, ha rivelato che il consumo regolare di cibi fritti, come ciambelle, pollo fritto, pesce fritto e patatine fritte, potrebbe elevare il rischio di cancro alla prostata.

Questo collegamento potrebbe essere dovuto alla formazione di composti cancerogeni negli alimenti che vengono cotti a temperature molto elevate. Cibi cotti ad alte temperature, in particolare quelli fritti, contengono anche grandi quantità di composti che sono legati a stress ossidativo e infiammazione cronica. Queste condizioni, aumentano il rischio di cancro. Ad esempio, un petto di pollo fritto per un terzo di un’ora, potrebbe avere quasi 10 volte in più ldela quantità di queste sostanze chimiche, rispetto a un pollo bollito.

Precedenti ricerche avevano già dimostrato che gli alimenti fritti elevano il rischio di cancro al seno, cancro esofageo, cancro del polmone e cancro del pancreas, così come tumori della testa e collo.

La salute cardiovascolare e il cuore

Cibi fritti hanno effetti negativi sulla salute cardiovascolare. Nella ricerca pubblicata su Circulation: Heart Failure nel 2011, le donne in post-menopausa che avevano consumato più pesce fritto, avevano un più alto rischio di insufficienza cardiaca. In realtà, è stato trovato che solo una porzione di pesce fritto una volta alla settimana, può aumentare il rischio di insufficienza cardiaca di un significativo 48%.

Al contrario, le donne che spesso consumavano pesce al forno hanno avuto un minor rischio di insufficienza cardiaca. Così, mentre gli acidi grassi omega-3 presenti nel pesce sono noti per migliorare salute cardiovascolare, friggere il pesce sembra non solo negare questi benefici, ma anche creare composti che sono dannosi per il cuore.

Sostanze tossiche

La ricerca svolta da ricercatori spagnoli e portoghesi e pubblicata in Food and Chemical Toxicology nel 2013, ha rilevato che bastoncini di pesce fritti contenevano più composti furanici rispetto a quelli cotti al forno. Mentre i furani potrebbero migliorare l’odore e il sapore dei cibi, la ricerca suggerisce che sono dannosi per la salute e anche cancerogeni.

In generale, le temperature più elevate producono più furani, ma anche la frittura genera furani.

Pertanto, alcuni modi per ridurre la quantità di furani includono l’utilizzo del forno invece della friggitrice, cottura a temperature più basse, riduzione dei  tempi di cottura e attendere circa 10 minuti tra la cucina e il consumo per limitare la presenza di furani.

La frittura produce grassi trans che sono dannosi per la salute

Inoltre, la ricerca ha dimostrato che friggere gli alimenti aumenta i livelli di grassi trans che sono stati collegati a una vasta gamma di malattie. Questo tipo di grasso aumenta il rischio di aterosclerosi (indurimento delle arterie), formazione di placche, infiammazione nel corpo, resistenza all’insulina, diabete, malattia autoimmune, morbo di Alzheimer e persino il cancro . Infiammazione e insulino-resistenza sono legati a rischi più elevati di molte altre condizioni di salute, compreso il cancro. Grassi trans aumentano anche i livelli di colesterolo (comunemente noto come colesterolo “cattivo”).

Conclusione

Cibi fritti, senza dubbio, hanno  odore meraviglioso e grande gusto. Ma il danno che fanno alla salute è significativo: danneggiano il cuore, causano l’infiammazione e aumentano il rischio di cancro e il diabete, oltre a molti altri effetti negativi. Questi effetti non possono essere ignorati da chi vuole nutrire un corpo forte e sano ed evitare molte gravi malattie croniche.


Altri articoli su cibi fritti