Home Salute Cervello e sistema nervoso Che cosa succede al cervello quando invecchiamo?

Che cosa succede al cervello quando invecchiamo?

Cosa succede al nostro cervello quando invecchia? L‘invecchiamento è inevitabile. Interessa tutti, ma in modo diverso. Rallentare l’invecchiamento del cervello o arrestarlo del tutto potrebbe essere l’elisir per raggiungere la giovinezza eterna?

Il cervello umano è un’impressionante impresa di ingegneria con circa 100 miliardi di neuroni interconnessi tra trilioni di sinapsi.

Durante la vita il nostro cervello cambia più di qualsiasi altra parte del nostro corpo. Dal momento in cui il cervello comincia a svilupparsi, dalla terza settimana di gestazione alla vecchiaia, le sue strutture e funzioni complesse cambiano. Nei primi anni di vita, il cervello di un bambino crea più di 1 milione di nuove connessioni neurali al secondo. La dimensione del cervello aumenta quattro volte nel periodo prescolare e all’ età di  6 anni raggiunge circa il 90 per cento del volume del cervello di un adulto.

( Vedi anche: Invecchiamento: nuova strategia rende giovani le cellule invecchiate).

I lobi frontali – l’area del cervello responsabile delle funzioni esecutive, come la pianificazione, la memoria di lavoro e il controllo degli impulsi, sono tra le ultime aree del cervello a maturare e non sono completamente sviluppate fino a 35 anni .

Il normale invecchiamento del cervello

Quando invecchiamo tutti i sistemi del nostro corpo si riducono gradualmente, compreso il cervello.

Gli individui più anziani diventano spesso ansiosi e hanno una lieve perdita di memoria che fa parte del normale processo di invecchiamento a differenza della malattia di alzheimer e altre demenze che non fanno parte del normale processo di invecchiamento.

I cambiamenti causati dall’invecchiamento, includono:

  • Difficoltà a imparare qualcosa di nuovo: impegnare la memoria ad acquisire nuove informazioni può richiedere più tempo.
  • L’elaborazione e la pianificazione di attività parallele è più difficile
  • Ricordare nomi e numeri: la memoria strategica che aiuta la memoria dei nomi e dei numeri comincia a diminuire all’età di 20 anni.

Mentre alcuni studi dimostrano che un terzo delle persone anziane lotta con la memoria dichiarativa (ricordi di fatti o di eventi che sono stati memorizzati e possono essere recuperati), altri studi indicano che un quinto delle persone di 70 anni esegue test cognitivi così come le loro controparti di 20 anni.

I cambiamenti generali che si verificano durante l’invecchiamento del cervello includono:

  • Massa del cervello: riduzione del carico del lobo frontale e dell’ippocampo – aree coinvolte nella  funzione cognitiva superiore e codifica di nuove memorie – a partire da 60 o 70 anni.
  • Densità corticale: diminuzione delle connessioni sinaptiche. Meno connessioni possono contribuire a una elaborazione cognitiva più lenta.
  • La materia bianca è costituita da fibre nervose mieliniche che sono raggruppate in tratti e portano segnali nervosi tra cellule cerebrali. La mielina si riduce con l’età e di conseguenza, l’elaborazione rallenta e si riduce la funzione cognitiva.
  • Sistemi dei neurotrasmettitori: i ricercatori suggeriscono che il cervello genera meno messaggeri chimici con l’invecchiamento ed è questa diminuzione della dopamina, dell’acetilcolina, della serotonina e dell’attività norepinefrina che può svolgere un ruolo nella diminuzione della cognizione e della memoria e anche nell’aumento della depressione.

Comprendere la base neurale del declino cognitivo, può aiutare i ricercatori a scoprire quali terapie o strategie possono contribuire a rallentare o prevenire il deterioramento del cervello.

Recenti scoperte sull’invecchiamento del cervello

Diversi studi  sono in corso per risolvere il problema dell’invecchiamento del cervello.

Cellule staminali

Recentemente, i ricercatori del College of Medicine Albert Einstein di New York hanno rivelato in uno studio sui topi che le cellule staminali nell’ipotalamo del cervello controllano probabilmente quanto avviene durante l’invecchiamento del corpo.

“La nostra ricerca dimostra che il numero delle cellule staminali neurali dell’ipotalamo declina naturalmente durante la vita dell’animale e questo declino è accelerato dall’invecchiamento”, dice il Dr. Dongsheng Cai, Professore di farmacologia molecolare all’ Einstein. “Ma abbiamo anche scoperto che gli effetti di questa perdita non sono irreversibili. Ricostituendo queste cellule staminali o le molecole che producono, è possibile rallentare e persino invertire vari aspetti dell’invecchiamento in tutto il corpo”.

Iniettare cellule staminali ipotalamiche nei cervelli di topi normali e topi di mezza età, le cui cellule staminali sono state distrutte, rallenta o inverte la progressione dell’invecchiamento.  Secondo i ricercatori questo è un primo passo verso il rallentamento del processo di invecchiamento e le malattie correlate all’età.

SuperAnziani

I ” superanziani” sono un raro gruppo di individui di oltre 80 anni che hanno ricordi più nitidi delle persone sane di decenni più giovani.

I cervelli dei ” superAnziani”si riducono a un ritmo più lento di quelli delle persone della stessa età.

La  ricerca della Northwestern University School of Medicine di Feinberg a Chicago, ha confrontato i “SuperAnziani” con un gruppo di controllo di individui di età uguale. Hanno trovato che i cervelli dei SuperAnziani si riducono a un tasso più lento rispetto ai loro coetanei, il che comporta una maggiore resistenza alla tipica perdita di memoria osservata con l’età, rivelando quindi che il calo cognitivo relativo all’età non è inevitabile.

“Abbiamo scoperto che i SuperAnziani sono resistenti al normale tasso di declino che vediamo  nelle persone di età media”, afferma Emily Rogalski, Professore associato presso il Centro di Neurologia Cognitiva e Alzheimer (CNADC) presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine.

Studiando come i SuperAnziani sono unici, i ricercatori sperano di scoprire i fattori biologici che potrebbero contribuire a mantenere la capacità di memoria nell’età avanzata.

Come rallentare l’invecchiamento del cervello

Sono stati scoperti fattori che accelerano l’invecchiamento del cervello. Ad esempio, l‘ obesità nella mezza età può accelerare l’invecchiamento del cervello di circa 10 anni e gli zuccheri ed il sale nella dieta sono correlati con l’età del cervello ossia con un volume complessivo più piccolo , una memoria episodica più povera e un ippocampo ridotto.

L’impegno nell’esercizio regolare può aiutare a prevenire il declino cognitivo e della memoria.

Un crescente numero di prove suggerisce che le persone che non sperimentano il minimo declino della cognizione e della memoria condividono alcune caratteristiche:

  • Partecipano ad attività fisica regolare
  • Seguono attività intellettualmente stimolanti
  • Rimangono socialmente attivi
  • Gestiscono lo stress
  • Seguono una dieta sana
  • Dormono bene

Esercizio fisico

Un intervento che si è dimostrato utile per eliminare il declino mentale legato all’età è l’esercizio fisico.

Una combinazione di esercizio aerobico e di resistenza di moderata intensità per almeno 45 minuti ad ogni sessione e per più giorni della settimana, può aumentare la potenza cerebrale nelle persone di età compresa tra 50 e oltre, significativamente.

Allo stesso modo, altre ricerche condotte dall’Università di Miami hanno scoperto che gli individui di età superiore ai 50 anni che si sono impegnati poco nell’ esercizio o non hanno fatto esercizio fisico, hanno subito un calo di capacità di memoria e di pensiero comparabili a 10 anni di invecchiamento in 5 anni. Essenzialmente, l’attività fisica ha rallentato l’invecchiamento del cervello di 10 anni.

La danza ha anche dimostrato di avere un effetto anti-invecchiamento sul cervello degli anziani. Uno studio condotto dal Centro tedesco per le malattie neurodegenerative, a Magdeburgo in Germania, ha rilevato che mentre l’esercizio regolare può invertire i segni dell’invecchiamento del cervello, un effetto più profondo è stato osservato nelle persone che hanno seguito corsi di danza.

Suonare uno strumento

Baycrest Health Sciences di Baycrest a Toronto, hanno rivelato perché suonare uno strumento musicale può aiutare gli anziani a ridurre il declino cognitivo legato all’età e mantenere le proprie capacità di ascolto.

I ricercatori hanno scoperto che imparare a suonare uno strumento musicale cambia le onde cerebrali in modo da migliorare le capacità di ascolto di un individuo.

“È stato ipotizzato che l’atto di suonare la musica richiede che molti sistemi del cervello lavorino insieme, come i sistemi uditivi, motori e la percezione”, ha dichiarato il Dr. Bernhard Ross, scienziato senior dell’Istituto di Ricerca di Baycrest.

Dieta

Un componente chiave della salute del cervello è la dieta. Recenti ricerche hanno collegato i livelli di  acidi grassi omega-3 e acidi grassi omega-6 nel sangue, con l’invecchiamento sano del cervello.

Una ricerca dell’ Università dell’Illinois, Champaign, ha scoperto che le persone di mezza età che hanno livelli superiori di luteina – una sostanza nutritiva che si trova nelle verdure a foglia verde, come il cavolo e gli spinaci, le uova e gli avocado – hanno avuto risposte neurali simili a quelle delle persone più giovani.

“Mentre le persone invecchiano, sperimentano un declino tipico, ma la ricerca ha dimostrato che questo processo può iniziare prima del previsto.Vogliamo capire come la dieta influenza la conoscenza per tutta la durata della vita. Se la luteina può proteggere contro il declino cognitivo, dobbiamo incoraggiare la gente a consumare cibi ricchi di luteina”.

Il numero di adulti americani di età superiore ai 65 anni è più che raddoppiato in 40 anni, passando da 40,2 milioni nel 2010 a 88,7 milioni entro l’anno 2050. A causa di questo invecchiamento della popolazione, diventerà sempre più importante comprendere i cambiamenti cognitivi che vanno di pari passo con l’invecchiamento.

Fonte: Medicalnews


ULTIMI ARTICOLI

Le diete vegetali ricche di carboidrati integrali possono migliorare la sensibilità all’insulina

Le diete vegetali ricche di carboidrati integrali possono migliorare la sensibilità all'insulina e altri indicatori di salute negli individui con diabete di tipo 1,...

Studio di fase 1 mostra un’incoraggiante attività anti-cancro di Sotorasib

Immagine: Public Domain. "Uno studio clinico di fase 1 in pazienti con tumori solidi avanzati pesantemente pretrattati, mostra un'attività anti-cancro incoraggiante di Sotorasib (AMG 510),...

Gli astrociti sono essenziali per la salute della barriera emato-encefalica

Immagine: Public Domain. Oltre a un guscio esterno resistente, il cervello ha difese interne, tra cui un potente scudo chiamato barriera emato-encefalica che difende le...

La vitamina E è necessaria per il corretto sviluppo del sistema nervoso

Immagine: Public Doimain. La ricerca dell'Oregon State University, che interessa anche le donne in età fertile, mostra che gli embrioni prodotti dal pesce zebra carente...

Sviluppata una mascherina in grafene che rende innocuo SARS-CoV-2

Un nuovo metodo per realizzare maschere di grafene antibatteriche in modo rapido ed economico è stato scoperto dal Dottor Ye Ruquan, Professore assistente presso...