HomeSaluteBiotecnologie e GeneticaCellule staminali: comprendere le potenziali applicazioni

Cellule staminali: comprendere le potenziali applicazioni

(Cellule staminali-Immagine Credit Public Domain).

In occasione della Giornata di sensibilizzazione sulle cellule staminali del 12 ottobre 2022, COST sta evidenziando una rete di ricercatori che lavorano per promuovere una maggiore comprensione della ricerca sulle cellule staminali e delle potenziali applicazioni per milioni di persone che soffrono di malattie e lesioni incurabili.

Le cellule staminali hanno cambiato il modo in cui conosciamo il corpo umano, il suo sviluppo e le malattie associate.

- Advertisement -

L’azione CorEuStem COST, acronimo di European Network for Stem Cell Core Facilities, mira a promuovere la standardizzazione e l’armonizzazione in una serie di attività, fondamentali per il progresso della biologia delle cellule staminali e della traduzione clinica. L’uso di cellule staminali pluripotenti nella ricerca biomedica ha stabilito queste cellule come attori chiave nella modellazione delle malattie, nell’embriologia e nei nuovi approcci terapeutici rigenerativi che sono ora in fase di sperimentazione clinica.

Perché le cellule staminali sono così importanti?

Le cellule staminali sono le cellule del nostro corpo che sono essenzialmente responsabili del mantenimento dei tessuti per tutta la vita. Negli ultimi tempi l’uso delle cellule staminali per i modelli cellulari e la medicina rigenerativa è progredito rapidamente.

Una cellula staminale è un tipo speciale di cellula che non è ancora impegnata ad essere una particolare cellula del corpo. Se riusciamo a identificare o produrre artificialmente questo tipo di cellula, possiamo isolarla e manipolarla per trasformarlo in qualsiasi tipo di cellula del corpo. In sostanza, è la materia prima dentro ognuno di noi capace di costruire parti del corpo (tessuti, organi). Esistono diversi tipi di cellule staminali, ognuna delle quali possiede un particolare potenziale per diventare (differenziarsi in) tipi cellulari specifici. Le cellule staminali con la più alta capacità di generare diversi tipi cellulari sono chiamate cellule staminali pluripotenti, il che significa che sono in grado di autorinnovarsi (PSC).

Le cellule staminali pluripotenti possono diventare tutti i tipi cellulari del corpo (tranne la placenta). Questa caratteristica unica può essere utilizzata in un’ampia gamma di applicazioni nella ricerca biomedica. Esempi di applicazioni delle cellule staminali nella ricerca sono i sistemi per modellare l’organogenesi e la malattia. Recentemente le cellule staminali pluripotenti sono entrate in studi clinici. L’applicazione di queste cellule per curare malattie e danni al corpo umano, costituisce la base per la futura medicina rigenerativa che utilizza le cellule staminali.

Una svolta importante
- Advertisement -

Nel 2006 il Professor Shinya Yamanaka ha fatto un grande passo avanti che ha causato un cambio di paradigma nell’applicazione delle cellule staminali pluripotenti.

Il Professor Yamanaka ha scoperto che era possibile ottenere cellule staminali pluripotenti senza la necessità di utilizzare embrioni preimpianto. Ha creato cellule staminali pluripotenti dai fibroblasti, un tipo di cellula differenziata terminale. Ha raggiunto questo obiettivo, utilizzando quattro fattori proteici per ripristinare la cellula somatica adulta, inducendo la cellula a diventare pluripotente. Queste cellule staminali pluripotenti indotte , iPSC, condividono lo stesso potenziale di differenziazione della massa cellulare interna (ICM) degli embrioni preimpianto, hanno la capacità di generare tutti i tipi cellulari dell’organismo (tranne la placenta). L’enorme impatto di questa scoperta è stato immediatamente riconosciuto dalla comunità scientifica e il Professor Yamanaka ha condiviso il Premio Nobel per la medicina 2012 con Sir John B. Gurdon.

Le tecnologie delle cellule staminali pluripotenti umane sono progredite rapidamente negli ultimi 20 anni. Attualmente, in Europa, le strutture ed i laboratori principali con esperienza in queste tecnologie sono concentrati in pochi paesi. Si prevede che nei prossimi anni la maggior parte dei paesi europei creerà laboratori e strutture centrali incentrate sulle tecnologie iPSC.

Le sfide di oggi

Una delle principali sfide per le strutture principali è tenere traccia, valutare e implementare tecnologie all’avanguardia. Pertanto, è necessario collegare strutture e laboratori di base per sviluppare metodologie di consenso da adottare come best practice dalla comunità delle cellule staminali. Ciò aumenterà la riproducibilità e la comparabilità complessive dei risultati dei laboratori in Europa.

Vedi anche:Cellule staminali: farmaco le guida verso i tessuti danneggiati

Con questo in mente, questo team collaborativo di esperti in cellule staminali, differenziazione, organoidi e tecnologie di editing genetico è stato istituito nell’ottobre 2021 raccogliendo esperti da 38 paesi europei. CorEuStem mira a diventare un hub paneuropeo per le tecnologie delle cellule staminali, in particolare le cellule staminali pluripotenti e la loro applicazione. Ciò sarà raggiunto attraverso la fornitura di informazioni basate sull’evidenza, procedure armonizzate e formazione.

L’azione comprende sei gruppi di lavoro che sono stati istituiti per affrontare l’ampia gamma di questioni relative alle cellule staminali e per fornire soluzioni alle sfide.

I ricercatori anno unito le forze per esplorare le conoscenze in questo settore chiave della scienza per fornire solide piattaforme scientifiche in Europa. Questa rete di scienziati garantirà la diffusione e l’adozione delle migliori pratiche e lo sfruttamento e l’applicazione di tecnologie all’avanguardia.

Il risultato avrà anche un impatto diretto sulla biomedicina applicata come la medicina personalizzata e la medicina rigenerativa, nello screening farmacologico ad alto contenuto e nella riduzione della sperimentazione animale. Per consentire futuri sviluppi nella medicina personalizzata, sono necessarie procedure di controllo della qualità rigorose e convalidate.

Lo scorso giugno, esperti di biologia delle cellule staminali hanno tenuto il primo incontro annuale di CorEuStem a Castelldefels, vicino a Barcellona, ​​città natale dell’Action Chair.

“Questo incontro ha offerto ai membri della rete l’opportunità di incontrarsi faccia a faccia per la prima volta dall’inizio dell’Azione. Questa è stata un’opportunità per discutere e pianificare la direzione futura della rete CorEuStem. Un passo essenziale per rafforzare ulteriormente la nostra rete e per identificare potenziali collaborazioni e risorse nell’ambito dell’azione COST”, ha detto la Dott.ssa Laura Batlle Morera, pPesidente di CorEuStem Action.

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...