Home Alimentazione & Benessere Celiachia: il triptofano nella carne di tacchino aiuta a controllare i sintomi

Celiachia: il triptofano nella carne di tacchino aiuta a controllare i sintomi

Immagine: Public Domain.

Un team internazionale di ricercatori guidato dalla McMaster University ha scoperto che il triptofano, un amminoacido presente in quantità elevate nella carne di tacchino, insieme ad alcuni probiotici, può aiutare le persone con celiachia a rispondere meglio a una dieta priva di glutine.

Lo studio, pubblicato su Science Translational Medicine, si proponeva di indagare se la degradazione del triptofano da parte dei batteri intestinali fosse alterata nella celiachia e se questo percorso potesse essere mirato come potenziale terapia.

- Advertisement -

I risultati evidenziano il potenziale valore terapeutico di prendere di mira il metabolismo del triptofano nell’intestino nella malattia celiaca per controllare meglio i sintomi, nonostante la dieta priva di glutine e accelerare la guarigione intestinale.

“L’unico trattamento per la celiachia è una stretta aderenza a una dieta priva di glutine, che è difficile da seguire e non sempre porta al completo recupero dell’intestino o alla risoluzione dei sintomi“, afferma Elena Verdu, ricercatrice principale dello studio e un Prof.ssa di medicina presso il Farncombe Family Digestive Health Research Institute di McMaster. Verdu è anche titolare della cattedra canadese di ricerca in nutrizione.

Il triptofano è un amminoacido essenziale, che non può essere prodotto dall’organismo e deve essere assunto attraverso alimenti come pollame, cioccolato, banane e verdure crocifere come broccoli, cavoli e cavolfiori.

Il triptofano è necessario per molte funzioni del corpo e può essere scomposto dai batteri nell’intestino, producendo molecole bioattive (chiamate “metaboliti”) che interagiscono con i recettori nel rivestimento intestinale che controllano l’infiammazione. Uno di questi recettori è il recettore degli idrocarburi arilici o AhR e l’attivazione non ottimale di questo recettore è stata implicata nell’infiammazione intestinale cronica, comprese le malattie infiammatorie intestinali come la colite ulcerosa e il morbo di Crohn.

- Advertisement -

“La celiachia comporta la distruzione del rivestimento dell’intestino superiore, quando una persona con determinati geni predisponenti assume glutine dalla dieta. Tuttavia, non tutti coloro che hanno geni celiaci e mangiano glutine svilupperanno la malattia “, dice Heather Galipeau, coautrice dello studio e ricercatrice associata Farncombe Institute.

Vedi anche:Frenare la celiachia

Verdu ha aggiunto: “Il nostro team del Farncombe Institute ha aperto la strada allo studio del metabolismo batterico alterato delle proteine ​​del grano, come ulteriore driver ambientale nella celiachia“.

Lo Studio

I ricercatori hanno studiato tre gruppi: pazienti con malattia celiaca attiva, pazienti due anni dopo una dieta priva di glutine e persone sane.

I pazienti celiaci avevano evidenza di un metabolismo batterico inferiore del triptofano e il loro microbiota intestinale non stimolava adeguatamente la via AhR che controlla l’infiammazione e protegge la barriera intestinale.

Queste alterazioni sono state parzialmente migliorate nei pazienti dopo due anni di dieta priva di glutine. Utilizzando topi che esprimono i geni della celiachia, gli autori hanno dimostrato che due ceppi di lattobacilli, batteri noti per la degradazione del triptofano, attivano l’AhR e riducono l’infiammazione causata dal glutine.

I risultati dello studio evidenziano il potenziale valore terapeutico diel target del metabolismo del triptofano nell’intestino nella malattia celiaca per controllare meglio i sintomi.

Futuri studi clinici esaminerebbero strategie terapeutiche, come l’integrazione di triptofano in combinazione con probiotici specifici che producono ligandi di AhR dalla dieta, nei pazienti celiaci che non rispondono alla dieta priva di glutine.

ULTIMI ARTICOLI

Anche una dieta sana può proteggere da COVID 19

COVID 19 e Dieta: Immagine Credit Public Domain. La pandemia COVID-19 continua a diffondersi a livello globale, con oltre 62,26 milioni di persone infette. Con la...

Cellule T progettate per combattere la senescenza

Senescenza cellulare-Immagine: Public Domain. La senescenza è un segno distintivo dell'invecchiamento cellulare e contribuisce a molte malattie. Un nuovo metodo che consente alle cellule immunitarie di...

COVID 19 grave: carenza di interferone la causa

Immagine COVID 19 grave. Credito Public Domain. Capire cosa contribuisce allo sviluppo di COVID 19 grave sarebbe di grande beneficio clinico. L'analisi delle persone in...

Mieloma multiplo: una famiglia di tumori simili

Mieloma multiplo-Immagine:Credito: Sandro Rybak per Nature. Negli ultimi anni è diventato sempre più chiaro che il mieloma multiplo non è una condizione, ma una famiglia...

Influenza: nuovo studio spiega perchè può diventare fatale

Influenza-Immagine: Public Domain. L'influenza è causata da un virus, ma la causa più comune di morte causata dall'inflluenza è la polmonite batterica secondaria piuttosto che...