Cavolo e cavolfiore proteggono i topi dal cancro al colon

cancro del colon

Immagine: Metidji et al mostrano che la delezione di Ahr nelle cellule epiteliali intestinali si traduce in una barriera difettosa e proliferazione illimitata delle cellule staminali intestinali (ISC), che culmina nella trasformazione maligna. L’attivazione di AHR da parte dei ligandi alimentari protegge la nicchia ISC e mantiene l’omeostasi della barriera intestinale. Credito immagine: Metidji et al , doi: 10.1016 / j.immuni.2018.07.010.

Un nuovo studio condotto dai ricercatori dell’Istituto Francis Crick mostra che i topi alimentati con una dieta ricca di indolo-3-carbinolo (I3C) – un metabolita vegetale secondario prodotto in vegetali del genere Brassica, tra cui cavoli, cavolfiori e cavoletti di Bruxelles – erano protetti dall’infiammazione intestinale e dal cancro del colon.

I risultati dello studio appaiono sulla rivista Immunity.

“Abbiamo studiato topi geneticamente modificati che non possono produrre o attivare una proteina chiamata recettore arilidrocarburico (AhR) – che agisce come un sensore ambientale, trasmettendo segnali alle cellule immunitarie e alle cellule epiteliali nel rivestimento dell’intestino per proteggerci dalle risposte infiammatorie ai trilioni di batteri intestinali- e hanno scoperto che hanno prontamente sviluppato un’infiammazione intestinale che è progredita in cancro del colon “, ha detto la prima autrice dello studio, la Dott.ssa Amina Metidji, del Francis Crick Institute.

“Tuttavia, i topi trattati con una dieta arricchita con I3C, non hanno sviluppato infiammazione o cancro. È interessante notare che quando i topi il cui cancro era già in fase di sviluppo sono passati alla dieta arricchita con I3C, hanno sviluppato un numero significativamente inferiore di tumori che erano anche benigni”.

Studiando sia i topi che gli organoidi (‘mini guts’ fatti con cellule staminali), il Dott. Metidji e colleghi hanno scoperto che il recettore arilidrocarburico è vitale per riparare le cellule epiteliali danneggiate.

Senza AhR, le cellule staminali intestinali non si differenziano in cellule epiteliali specializzate che assorbono i nutrienti o generano il muco protettivo. Invece, si dividono in modo incontrollabile, il che può portare al cancro del colon.

“Vedere l’effetto profondo della dieta sull’infiammazione intestinale e sul cancro del colon è stato molto sorprendente”, ha detto l’autrice dello studio, la Dott.ssa Gitta Stockinger, anch’essa del Francis Crick Institute.

“Spesso pensiamo al cancro del colon come una malattia promossa da una dieta occidentale ricca di grassi e povera di contenuto vegetale, e i nostri risultati suggeriscono un meccanismo alla base di questa osservazione. Molte verdure producono sostanze chimiche che mantengono AhR stimolato nell’intestino “.

“Abbiamo scoperto che le sostanze chimiche che promuovono AhR nella dieta possono correggere i difetti causati da una stimolazione AhR insufficiente. Questo può ripristinare la differenziazione delle cellule epiteliali, offrendo resistenza alle infezioni intestinali e prevenendo il cancro del colon“.

“Questi risultati sono motivo di ottimismo; mentre non possiamo modificare i fattori genetici che aumentano il rischio di cancro, possiamo probabilmente mitigare questi rischi adottando una dieta appropriata contenente molte verdure “.

Oltre a correggere l’espressione genica alterata di AhR, anche l’I3C dietetico ha avuto un effetto sorprendente sui topi non modificati con normale espressione di AhR.

Mentre i topi normali nutriti con alimenti standard o arricchiti con I3C non sviluppavano tumori durante lo studio, quelli alimentati con una “dieta di controllo” sviluppavano tumori.

“I topi normali alimentati con la dieta di controllo  hanno sviluppato tumori del colon entro 10 settimane“, ha detto il co-autore Dr. Chris Schiering, dell’Imperial College di Londra.

“Questo suggerisce che anche senza fattori di rischio genetici, una dieta priva di sostanze vegetali può portare al cancro del colon“.

“Questo studio sui topi suggerisce che non solo la fibra contenuta nelle verdure come broccoli e cavoli aiuta a ridurre il rischio di tumore dell’intestino, ma anche le molecole presenti in queste verdure. Ciò si aggiunge all’ evidenza che una dieta sana, ricca di verdure, è importante “, ha detto il Professor Tim Key della Cancer Research UK, che non è stato coinvolto nello studio.

“Ulteriori studi aiuteranno a scoprire se le molecole di questi vegetali hanno lo stesso effetto sulle persone, ma nel frattempo ci sono già molti buoni motivi per mangiare più verdure”.

Fonte: Sci news

Altri articoli su cancro del colon