Cancro al seno: gli uomini sono le vittime dimenticate?

cancro al seno maschile

Il cancro al seno negli uomini è raro. Rischia la vita a causa della malattia 1 uomo su 1.000, mentre nelle donne il rischio è di 1 donna su 8. Tuttavia, secondo uno studio del 2012 che ha esaminato più di 13.000 tumori al seno maschile dal US National Cancer Data Basei, gli uomini con cancro al seno hanno meno probabilità di sopravvivere alla malattia rispetto alle donne.

I ricercatori hanno scoperto che al momento della diagnosi, gli uomini avevano la probabilità di avere tumori al seno molto più grandi che si erano già diffusi in altre zone del corpo.

“Questo può essere attribuito al fatto che la consapevolezza del cancro al seno è maggiore tra le donne rispetto agli uomini”, ha commentato il capo dello studio il Dottor Jon Greif. “Le linee guida richiedono uno screening regolare, sia clinico che mammografia nelle donne, per la diagnosi precoce”.

Uno studio del 2010, condotto da Eileen Thomas, della University of Colorado Denver, ha rilevato che l’80% degli uomini intervistati non erano consapevoli del fatto che gli uomini potevano anche sviluppare il cancro al seno.

In questo articolo, con  funzione spotlight, diamo uno sguardo ai  segni di cancro al seno maschile, alle opzioni diagnostiche e terapeutiche per la malattia e perché c’è una tale mancanza di consapevolezza del cancro al seno maschile tra le persone, in generale.

“Molte persone non sanno che gli uomini possono ottenere il cancro al seno, perché non pensano che anche gli uomini possano avere i seni”, dice Jackie Harris, del Breast Cancer Care. ” In effetti, sia uomini che donne hanno tessuto mammario, anche se gli uomini hanno quantità molto più piccole rispetto alle donne”.

Fino alla pubertà, sia giovani ragazze che ragazzi hanno piccole quantità di tessuto mammario costituito da lobuli (le ghiandole che possono produrre latte), condotti (piccoli tubi che trasportano il latte dai lobuli al capezzolo) e stroma (grassi e tessuto connettivo).

Quando le ragazze raggiungono la pubertà, alti livelli di ormoni femminili, gli estrogeni, causano una sostanziale crescita dei lobuli, condotti e stroma, producendo seni pieni. Poichè i ragazzi e gli uomini hanno bassi livelli di estrogeni, è molto improbabile che i loro seni possano svilupparsi.

Tuttavia, il tessuto del seno che un uomo ha ancora, contiene condotti e le cellule in questi condotti – come tutte le cellule del corpo – possono diventare cancerose. Le cellule cancerose possono quindi entrare nei vasi linfatici del seno e crescere nei linfonodi situati sopra e sotto la clavicola e sotto lo sterno. Una volta nei linfonodi, è probabile che le cellule del cancro entrano nel flusso sanguigno per diffondersi ad altre zone del corpo.

Sebbene la maggior parte dei casi di cancro al seno maschile iniziano nei condotti – noto come carcinoma duttale – può anche svilupparsi nei lobuli della mammella (carcinoma lobulare), ma questo avviene solo nel  2% di tutti i tumori al seno maschile.

I fattori di rischio per il cancro al seno maschile

Esattamente ciò che provoca il cancro al seno negli uomini non è chiaro. Ma molti dei fattori che aumentano il rischio di cancro al seno tra le donne, sono uguali negli uomini.

Mentre gli uomini invecchiano, il loro rischio di cancro al seno aumenta e l’età media della diagnosi è di circa 68 anni. Gli uomini che hanno una storia familiare di cancro al seno hanno un aumentato rischio di sviluppare la malattia.

Tra i fattori di rischio più noti per il cancro al seno ereditario tra le donne, ci sono sono le mutazioni geniche BRCA1 e BRCA2. Gli uomini che ereditano queste mutazioni hanno un rischio molto più elevato di sviluppare il cancro al seno. Coloro che hanno una mutazione BRCA1 hanno 1 su 100 rischio di vita a causa della malattia, mentre una mutazione BRCA1 pone un rischio di vita di 6 a 100.

Precedenti ricerche hanno suggerito che gli uomini con la sindrome di Klinefelter – una condizione congenita in cui un cromosoma X supplementare è presente – hanno anche un più alto rischio di cancro al seno.

Altri fattori che aumentano il rischio di cancro al seno nelle donne, come il fumo, l’obesità, l’esposizione alle radiazioni e il consumo elevato di alcol, possono anche aumentare il rischio di cancro al seno maschile.

‘E’ di vitale importanza per tutti di essere consapevoli’

Le donne sono invitate a controllare frequentemente i loro seni per rilevare eventuali anomalie e anche gli uomini dovrebbero fare gli stessi controlli.

I segni più comuni di cancro al seno negli uomini sono grumi o gonfiore nelle zone del nodo del seno, fossette, increspature della pelle, retrazione del capezzolo, secrezione dal capezzolo e il ridimensionamento o arrossamento del capezzolo o del tessuto circostante.

È importante notare che tali segni non sempre indicano la presenza di cancro al seno; potrebbero essere causati da una condizione chiamata ginecomastia – un ingrossamento benigno del tessuto del seno.

Dice Harris:

Come per tutti i tumori, la diagnosi precoce del tumore al seno migliora i risultati del trattamento. Ma, come individuato dallo studio del Dr. Greif e dal suo team, la maggior parte dei tumori al seno maschile viene diagnosticato in fase tardiva con impatti negativi sulle possibilità di sopravvivenza.

Poiché la maggior parte delle informazioni e della ricerca sul cancro al seno si concentra sulle donne, gli uomini possono sentirsi imbarazzati se vengono diagnosticati con una malattia che è vista come femminile.

Uno dei motivi alla base di questo è la mancanza di consapevolezza. Poiché il cancro al seno maschile è raro e molti uomini non si rendono conto che li può interessare, spesso attribuiscono i segni della malattia ad un’altra causa, ritardando anche la visita medica.

Ma con la mancanza di consapevolezza arriva anche l’imbarazzo. 

Lo studio condotto da Eileen Thomas, per esempio, ha trovato che il 43% degli uomini ha riferito che sarebbe stata messa in discussione la loro mascolinità, se fossero stati diagnosticati con cancro al seno.

E non è solo il pensiero di avere il cancro al seno in sé che può scoraggiare gli uomini a farsi visitare dal loro medico, ma anche  le procedure di diagnosi e di trattamento  possono essere affrontate con difficoltà.

La diagnosi di cancro al seno è molto simile tra uomini e donne. Dopo un esame clinico per determinare eventuali anomalie nel tessuto del seno, a un uomo può essere richiesto di sottoporsi a una mammografia se vi è il sospetto di cancro o ad una ecografia o risonanza magnetica del seno.

Per gli uomini ad alto rischio di cancro al seno, come quelli con una mutazione del gene BRCA ereditaria, alcune organizzazioni raccomandano controlli regolari.

Il Comprehensive Cancer Network Nazionale, per esempio, raccomanda che gli uomini ad alto rischio di cancro al seno devono fare un esame clinico del seno ogni 6-12 mesi a partire dall’età di 35 e dovrebbero considerare di fare anche una mammografia all’età di 40.

Tutti i trattamenti per il cancro al seno maschile sono forniti sulla base dei dati delle donne

Gli uomini con cancro al seno hanno le stesse opzioni di trattamento delle donne. La maggior parte dei pazienti con carcinoma mammario maschile subisce una mastectomia, che comporta la rimozione di tutto o parte del tessuto mammario e, in alcuni casi, la rimozione dei linfonodi colpiti.

Ci sono stati pochi studi approfonditi sul trattamento del cancro al seno maschile e gli operatori sanitari utilizzano trattamenti che hanno dimostrato di essere efficace nelle donne con la malattia.

Pazienti con cancro al seno possono anche avere bisogno della chemioterapia, radioterapia, terapia ormonale, terapia mirata o altro ancora..

Ma alcuni operatori sanitari hanno messo in dubbio l’efficacia di alcuni di questi trattamenti negli uomini. 

“Non sappiamo molto su come trattare gli uomini”, dice il Dr. Kathryn Ruddy, del Dana-Farber Cancer Institute di Boston. “Ogni trattamento che facciamo viene fornito con l’avvertenza che lo stiamo estrapolando dai dati raccolti nelle donne”.

A causa della rarità del cancro al seno maschile, può essere difficile per gli scienziati ricevere i finanziamenti per la ricerca e  mettere insieme un numero sufficiente di partecipanti, per realizzare studi completi.

Ma c’è stato qualche progresso negli ultimi anni. Nel 2007, il Dr. Nick Orr e colleghi, del Breakthrough Toby Robins Cancer Research Centre nel Regno Unito, ha lanciato il Male Breast Cancer Study, con l’obiettivo di individuare genetica, stile di vita e fattori ambientali che aumentano il rischio di cancro al seno negli uomini.

Lo studio, che oggi conta più di 1.500 partecipanti, ha già portato alla scoperta di un gene – chiamato RAD51B – che causa il cancro al seno negli uomini. Si spera che lo studio si concluda con trattamenti su misura per gli uomini con cancro al seno.

Come superstite del cancro al seno, Bob Riter ha detto ad Huffington Post :

“Io dico sempre che sotto il microscopio, il cancro al seno è il cancro al seno. Non fa differenza se sei un uomo o una donna”.

 

Fonte:

Original Research: Men’s Awareness and Knowledge of Male Breast Cancer, doi: 10.1097/01.NAJ.0000389672.93605.2f, Eileen Thomas, published in the American Journal of Nursing, October 2010, abstract.
Breakthrough Breast Cancer, breast cancer in men, Male Breast Cancer Study, accessed 1 October 2014.
The American Society of Breast Surgeons, news release, accessed 1 October 2014.
The Huffington Post, when men get breast cancer, accessed 1 October 2014.
American Cancer Society, what is breast cancer in men?, breast cancer statistics, accessed 1 October 2014.
Out of the Shadow Pink, Male Breast Cancer Awareness Week, accessed 1 October 2014.