HomeSaluteTumoriCancro della pelle: le nanoparticelle lo uccidono

Cancro della pelle: le nanoparticelle lo uccidono

(Cancro della pelle-Immagine Credit Public Domain).

I ricercatori della Yale University stanno sviluppando un trattamento per il cancro della pelle che prevede l’iniezione di nanoparticelle direttamente nelle cellule del cancro e le uccide con un approccio su due fronti, come potenziale alternativa alla chirurgia.

I risultati dello studio sono stati pubblicati negli Atti della National Academy of Sciences.

- Advertisement -

“Per molti pazienti, il trattamento del cancro della pelle è molto più complicato di quanto sarebbe se ci fosse un modo per trattarlo efficacemente con una semplice procedura come un’iniezione“, ha detto il Dr. Michael Girardi, Professore e vicePresidente di dermatologia alla Yale Medical School e autore senior dello studio. “Questo è sempre stato il Santo Graal in dermatologia: trovare un modo più semplice per trattare i tumori della pelle come il carcinoma a cellule basali e il carcinoma a cellule squamose“.

Per il trattamento, i tumori vengono iniettati con nanoparticelle a base di polimeri che trasportano un agente chemioterapico. La chiave del successo del trattamento è che le nanoparticelle sono bioadesive, cioè si legano ai tumori e rimangono attaccate abbastanza a lungo da uccidere un numero significativo di cellule tumorali.

“Quando sono state iniette le nostre nanoparticelle in un tumore, abbiamo scoperto che sono state trattenute molto bene all’interno di quel tumore”, ha detto il coautore dello studio Mark Saltzman, Professore di ingegneria biomedica, ingegneria chimica e ambientale della Fondazione Goizueta e Professore di fisiologia. “Le nanopatrticelle si accumulano e si legano alla matrice tumorale, quindi una singola iniezione dura molto a lungo: le particelle rimangono lì e rilasciano lentamente i composti per sbarazzarsi della lesione”.

Vedi anche:Alga marrone potenziale rimedio contro le infezioni e il cancro della pelle

- Advertisement -

Per confronto, lo stesso farmaco è stato iniettato liberamente nei tumori di modelli di controllo senza le nanoparticelle. I ricercatori hanno scoperto che i tumori erano stati significativamente più ridotti quando i farmaci venivano somministrati da nanoparticelle.

Anche fondamentale per la terapia è che il trattamento può essere combinato con un agente che stimola il sistema immunitario del corpo.

“Io chiamo il fenomeno ‘uccidere ed emozionare‘ “, ha detto Girardi. “Non vuoi semplicemente uccidere le cellule e lasciarle lì, ma vuoi stimolare il sistema immunitario a ripulire il disordine e anche reagire contro le cellule che potrebbero non essere state uccise direttamente. Quindi è un duplice attacco al cancro“. “In molti casi, liberare i tumori con un’iniezione potrebbe eliminare la necessità di un intervento chirurgico”, hanno detto i ricercatori. “Può anche quindi evitare potenziali infezioni della ferita e altre complicazioni. Inoltre, alcuni pazienti con altre condizioni mediche sono candidati non adatti alla chirurgia”.

Una terapia basata su iniezione significherebbe anche che i pazienti potrebbero avere più tumori trattati in una singola visita.

Vedi anche: Alga marrone potenziale rimedio contro le infezioni e il cancro della pelle

“In questi studi, abbiamo fatto solo una singola iniezione ed è così che vorremmo che funzionasse clinicamente questa strategia terapeutica”, ha detto Saltzman. “Vai da un dermatologo, loro vedono una lesione e la iniettano e non c’è più e non devi tornare indietro”.

Il laboratorio di Saltzman, specializzato in nanoparticelle, ha lavorato per ottimizzare la capacità di trasporto del farmaco delle particelle di erogare quanto più agente chemioterapico possibile in una singola dose. Poiché il contenuto della nanoparticella rimane nel sito del tumore, il sistema di rilascio consente l’uso di farmaci particolarmente potenti. La chemioterapia convenzionale colpisce l’intero corpo e può avere gravi effetti collaterali, quindi la tossicità dei farmaci è più limitata.

Girardi e Saltzman stanno lavorando con la start-up Stradefy Biosciences Inc., che prevede di far avanzare lo sviluppo preclinico della tecnologia e quindi condurre studi clinici.

“Mike e Mark hanno svolto attività scientifiche eccezionali insieme da diversi anni”, ha affermato Brian R. Dixon, Presidente e CEO di Stradefy. “È davvero difficile battere quel tipo di team. Crediamo che il loro lavoro rivoluzionario porterà a terapie veramente utili per i pazienti”.

Fonte:PNAS

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...