Home Salute Tumori Cancro del colon: una piccola molecola blocca la diffusione delle metastasi

Cancro del colon: una piccola molecola blocca la diffusione delle metastasi

Immagine: Credito: dominio pubblico Unsplash / CC0.

Quando il cancro del colon metastatizza e si diffonde in tutto il corpo, può cambiare gravemente la prognosi della malattia. Si stima che le metastasi siano responsabile del 90% dei decessi per cancro.

I ricercatori dell’Università di Chicago hanno trovato un nuovo modo per rallentare la diffusione delle metastasi del cancro al colon: utilizzando una piccola molecola che essenzialmente blocca la capacità delle cellule tumorali di cambiare forma e muoversi in tutto il corpo.

- Advertisement -

In un modello murino, la molecola ha dimezzato il tasso di metastasi del cancro del colon. Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, il risultato potrebbe alla fine diventare una nuova terapia che, se combinata con radiazioni e chemioterapia, potrebbe aiutare a fornire risultati migliori per diversi tipi di cancro.

“E’ questo un approccio molto promettente”, ha detto Ronald Rock, Ph.D., Professore Associato presso il Dipartimento di Biochimica e Biologia Molecolare presso l’Università di Chicago e coautore dell’articolo. “Questa molecola sembra essere ampiamente applicabile. Se riuscirà a migliorare i risultati del 5 o 10 per cento, aiuterà molte persone”.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences.

Rock è coautore del documento con Ralph Weichselbaum, MD, Daniel K. Ludwig Distinguished Service Professor of Radiation and Cellular Oncology e Presidente del Dipartimento di Radiazioni e Oncologia Cellulare presso UChicago.

- Advertisement -

Affinché le cellule tumorali si diffondano da un tumore in tutto il corpo, devono rimodellare la loro struttura e aumentare la loro deformabilità per strisciare essenzialmente attraverso i tessuti e introdursi nel flusso sanguigno.

Ma Weichselbaum, la cui ricerca si concentra sulle metastasi, voleva trovare un modo per fermare quel processo già nelle sue tracce. Lui e Rock iniziarono a studiare una piccola molecola chiamata 4-idrossiacetofenone (4-HAP) che attiva una proteina nella cellula tumorale chiamata miosina non muscolare 2C (NM2C). Quella proteina è una delle macchine che permette alla cellula tumorale di deformarsi e viaggiare. Quando viene attivata, blocca la cellula nella sua posizione, assicurando che non possa viaggiare.

I ricercatori hanno studiato questo processo sia a livello molecolare che utilizzando cellule del cancro del colon umano in un modello murino e hanno scoperto che la molecola 4-HAP limitava in modo significativo la capacità del cancro di metastatizzare ad altre parti del corpo, lasciando intatte sole le cellule sane. Il tasso di metastasi è stato dimezzato rispetto al cancro del colon non trattato.

Vedi anche:I batteri probiotici sopprimono la crescita del cancro del colon-retto

Il team prevede di utilizzare questa molecola in combinazione con la chemioterapia e le radiazioni, per creare un trattamento più efficace contro il cancro del colon.

“L’uso di questa molecola significa che ci sono meno cellule tumorali che viaggiano nel corpo, quindi sarebbero più facili da uccidere con radiazioni o chemioterapia”, ha detto Weichselbaum. “Se possiamo diminuire la diffusione delle metastasi, abbiamo maggiori possibilità di salvare il paziente“.

La nuova molecola potrebbe essere migliore di altri trattamenti per le metastasi, come gli inibitori della chinasi, che sono alla base di molte chemioterapie. Questi trattamenti agiscono mirando agli enzimi che consentono al cancro di proliferare, ma molte volte le cellule tumorali trovano una soluzione alternativa.

“Con il nostro approccio, stiamo essenzialmente versando sabbia direttamente nella macchina”, ha detto Rock. “Non c’è modo per la cellula di aggirarlo. Il motore non funzionerà e non potrà partire”.

Sebbene l’esperimento sia stato condotto sul cancro del colon, questi risultati preliminari mostrano che la molecola potrebbe funzionare su diversi tipi di cancro che metastatizzano. Successivamente, il team spera di trovare altre molecole che potrebbero anche agire sulla miosina non muscolare 2 C (NM2C) per creare un approccio multistrato per ostacolare le metastasi. Questo è importante per i medici emergenti come Darren Bryan, MD, un ex della chirurgia della UChicago Medicine e primo autore dell’articolo.

“In futuro, farmaci come 4-HAP verranno utilizzati in pazienti ad alto rischio di sviluppare metastasi”, ha detto Bryan. “Mirare alle proteine ​​motorie delle cellule è un nuovo approccio e con 4-HAP saremo in grado di aiutare i pazienti ad avere risultati migliori “.

Fonte: Medicalxpress

ULTIMI ARTICOLI

Glaucoma: invertita la perdita della vista legata all’età

ll glaucoma è una malattia oculare correlata generalmente a una pressione dell’occhio troppo elevata. Secondo l’OMS ne sono affette circa 55 milioni di persone...

Vaccino COVID 19 in Italia da Gennaio

Le prime dosi del vaccino COVID 19 di Pfizer-BioNTech sono in viaggio verso l’Europa tramite voli cargo dagli Stati Uniti. I voli charter della...

Vaccino COVID 19: Pfizer fa domanda per approvazione

Pfizer e BioNTech hanno chiesto l'approvazione del loro vaccino contro il coronavirus COVID 19 all'EMA. Le aziende farmaceutiche hanno già richiesto l'autorizzazione negli Stati Uniti...

Vaccino COVID 19: a che punto siamo?

Vaccino COVID 19: a che punto siamo? I ricercatori di tutto il mondo stanno cercando di sviluppare vaccini sicuri ed efficaci contro SARS-CoV-2, il...

Cancro: accorciamento dei telomeri protegge dal rischio

Cancro/telomeri.Immagine:Telomeri umani (verdi) alle estremità dei cromosomi (blu). Credito: Rockefeller University. L'accorciamento dei telomeri protegge dalla rischio di sviluppare il cancro, secondo uno studio dei ricercatori...