Cancro allo stomaco e fattori di rischio

Bere alcol, mangiare carni lavorate essere in sovrappeso, aumenta il rischio di sviluppare il cancro alo stomaco, secondo un nuovo importante rapporto scientifico pubblicato dalla American Institute for Cancer Research e il World Cancer Research Fund.

Lo stile di vita e il cancro allo stomaco.

Il progetto CUP è stato condotto dalla American Institute for Cancer Research (AICR) e dal Cancer Research Fund Mondiale (WCRF).

Gli scienziati hanno sistematicamente raccolto e analizzato i dati relativi al cancro allo stomaco, dopo che un gruppo di esperti internazionali ha valutato i risultati in modo indipendente.

In tutto il mondo, ci sono stati 952.000 casi di cancro allo stomaco nel 2012, ovvero il 7% di tutti i nuovi casi di cancro.

Il cancro allo stomaco è la terza causa più comune di morte per cancro. Esso colpisce gli uomini due volte tanto quanto le donne, ed è più comune tra le persone anziane, con l’età media della diagnosi negli Stati Uniti, a 72 anni.

In Europa e negli Stati Uniti, il tasso di sopravvivenza è del 25-28% e sale al 63% se la malattia viene diagnosticata precocemente.Purtroppo i sintomi compaiono solo nelle fasi avanzate del cancro allo stomaco e circa il 70% dei casi in tutto il mondo vengono diagnosticati in ritardo, portando ad un tasso di sopravvivenza più basso. Asia Orientale e la Cina sono i paesi particolarmente colpiti.

La classificazione del cancro allo stomaco dipende da dove il cancro si sviluppa. Cancro allo stomaco Cardias si sviluppa nella parte superiore dello stomaco, vicino dell’esofago; il cancro non-cardias si sviluppa in qualsiasi altro luogo dello stomaco.

Il cancro allo stomaco non cardias è più diffuso, in particolare in Asia, ma i tassi sono in calo. Ciò può essere dovuto ad un diminuzione delle infezioni da Helicobacter pylori (H. pylori).

Tuttavia, il cancro allo stomaco cardias è ora più frequente negli Stati Uniti e nel Regno Unito e la tendenza è in crescita.

I risultati precedenti hanno suggerito che il fumo è responsabile del 11% dei casi di cancro allo stomaco in tutto il mondo.

L’infezione da H. pylori  è nota per causare il cancro allo stomaco non cardias e sono in corso indagini per un collegamento con il virus di Epstein-Barr.

L’esposizione chimica industriale e l’esposizione sul posto di lavoro alla polvere e temperature elevate sono anche fattori di rischio. Le persone che operano con macchine alimentari e quelle impiegate nella fabbricazione di gomma, lavorazione del legno o metallo, produzione di cromo e l’estrazione di carbone, sono a maggior rischio.

L’attuale studio mette in evidenza l’impatto di alcuni fattori di stile di vita sul rischio di sviluppare il cancro allo stomaco. La ricerca ha coinvolto 89 meta-analisi e raccolto dati da 17,5 milioni di adulti, 77.000 dei quali avevano tumori dello stomaco.

Evitare carni lavorate e mantenere un peso sano

Gli autori hanno trovato una forte evidenza che certi prodotti aumentano il rischio di cancro allo stomaco e in particolare:

 

  • Bere tre o più bevande alcoliche al giorno
  • Mangiare cibi conservati con sale
  • Consumare carni lavorate e affumicate
  • Consumare salame, hot dog e salsicce.
  • I risultati suggeriscono che se una persona mangia due strisce di pancetta ogni giorno o circa 40 gr di carne lavorata, il rischio aumenta del 18%.

 

Forte evidenza suggerisce anche che le persone il cui indice di massa corporea ( BIM ) li classifica come in sovrappeso o obese, sono a maggior rischio di cancro allo stomaco cardias. Il rischio sembra aumentare del 23% per ogni cinque unità di BMI. Grasso corporeo in eccesso è oggi associato con 11 tipi di cancro.

Ci sono segnali che il consumo di carne e pesce alla griglia o alla brace contribuisce al rischio, mentre il consumo di frutta, e in particolare agrumi, può aiutare a prevenire il cancro allo stomaco.

I ricercatori invitano le persone a mantenere un peso sano, mantenersi fisicamente attive, adottare una dieta sana e limitare o evitare il consumo di alcol.

La Dr. Anne McTiernan, un membro del gruppo di esperti, dice:

“La linea di fondo è quella di seguire le raccomandazioni AICR per la prevenzione del cancro in generale. Limitare l’assunzione di alcol, che per gli uomini significa bere non più di due bicchieri al giorno e per le donne non più di un bicchiere al giorno. Adottare una dieta a base vegetale, consumare frutta ed evitare l’assunzione di carni trasformate. Inoltre, mantenere il peso in un range di normalità”.

Altri suggerimenti di prevenzione del cancro sono disponibili sul sito web AICR .

Fonte: Medicalnews