HomeAlimentazione & BenessereCaffè, tè e vino buono favoriscono il microbioma intestinale

Caffè, tè e vino buono favoriscono il microbioma intestinale

Gli scienziati hanno una grande notizia per coloro che amano il caffè, tè e vino: bere una qualsiasi di queste bevande è associato con una comunità più sana e più diversificata di microbioma intestinale.

In altre parole, quando si tratta del microbioma intestinale, “tu sei quello che mangi e bevi”.

“In totale abbiamo trovato 60 fattori dietetici che influenzano la diversità del microbioma intestinale”, ha detto la Dr.ssa Alexandra Zhernakova, ricercatrice presso l’Università di Groningen nei Paesi Bassi e primo autore dello studio.

- Advertisement -

Il  microbioma è la comunità di batteri per lo più positivi, funghi e virus, che vivono nel corpo. Questi organismi microscopici si guadagnano da vivere aiutando a il corpo ad elaborare il cibo e regolare il sistema immunitario. Gli esperti ritengono che la composizione della comunità microbica di una persona può anche svolgere un ruolo nei disturbi dell’umore, obesità e altre malattie, tra cui la sindrome dell’intestino irritabile.

Zhernakova ed i suoi colleghi hanno analizzato i microbi di oltre 1.100 persone. Essi hanno identificato 126 fattori che sono correlati con i cambiamenti nella composizione della comunità microbica di un individuo di cui: 60 sono determinati dalla dieta, 12 associati alle malattie, 19 collegati ai farmaci e quattro legati al fumo.

“A nostra conoscenza, questo è il primo studio che valuta in modo sistematico una così ampia gamma di fattori dell’ospite e ambientali in relazione al microbioma e in così larga scala”, ha detto Jingyuan Fu, un genetista dell’Università di Groningen che ha lavorato con Zhernakova.

I ricercatori hanno analizzato campioni di feci di 1.135 partecipanti olandesi allo studio Lifelines-DEEP.

- Advertisement -

Dopo aver analizzato i campioni che sono stati confrontati con altri dati raccolti nello studio Lifelines-Deep, gli scienziati hanno scoperto che il consumo di frutta, verdura e yogurt influenzano positivamente la diversità microbica nell’intestino così come bere tè, vino, caffè e latticello.

Il rovescio della medaglia: bibite zuccherate e snack salati sono stati associati a livelli più bassi di diversità del microbioma.

Le donne tendono ad avere più diversità microbica rispetto agli uomini e gli anziani hanno una maggiore diversità microbica rispetto alle persone più giovani.

Lo studio non affronta esattamente il motivo per cui alcuni alimenti e comportamenti influenzano il mix di microbi che popolano l’intestino di una persona, tuttavia, i ricercatori riferiscono che le persone che mangiano molto yogurt e latticello, hanno livelli più elevati di buoni microbi intestinali.

In uno studio correlato, i ricercatori hanno analizzato migliaia di campioni di feci umane per creare un catalogo di microrganismi che colonizzano il sistema digestivo umano. Essi hanno identificato specie di microrganismi provenienti da almeno 664 diversi generi nell’intestino di quasi 4.000 adulti provenienti dagli Stati Uniti, Regno Unito, Belgio e Paesi Bassi.

Quando i ricercatori hanno ampliato la raccolta di campioni di feci per includere un piccolo numero di persone provenienti da Papua Nuova Guinea, Perù e Tanzania, hanno rilevato un nucleo di 14 generi di microbi che erano quasi universalmente presenti.

Questi 14 generi erano comuni al 95 per cento degli esseri umani campionati e le specie all’interno di questi gruppi hanno rappresentato circa il 72 per cento del microbioma totale dell’ intestino.

I ricercatori hanno trovato diversi collegamenti tra la diversità di flora intestinale e vari aspetti della funzione biologica.

Inoltre, hanno trovato associazioni significative tra abbondanza del microbioma e la  circonferenza fianchi, concentrazioni di acido urico (un fattore di gotta) e la preferenza per il consumo di cioccolato fondente.

Più di ogni singolo fattore, l’uso di una vasta gamma di farmaci ha influenzato maggiormente le variazione del microbioma tra le persone partecipanti allo studio. I modelli più chiari sono emersi in coloro che hanno avuto una storia recente di assunzione di antibiotici, lassativi, farmaci per la malattia infiammatoria intestinale, benzodiazepine, antidepressivi, antistaminici o ormoni utilizzati per il controllo delle nascite o per alleviare i sintomi della menopausa.

Entrambi gli studi sottolineano che una microbioma sano è un componente chiave di un corpo sano, anche se gli scienziati stanno ancora lavorando per capire esattamente come l’uno influenza l’altro.

“Sta diventando sempre più chiaro che il microbioma intestinale serve come una sorta di impronta digitale che rivela tutti i tipi di segnali sulla salute dell’ospite”, hanno concluso i ricercatori.

Fonte: Medicalxpress

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...