HomeSalutePolmoniBPCO: la ricerca si restringe alla proteina FCHSD1

BPCO: la ricerca si restringe alla proteina FCHSD1

BPCo-Immagine: la perdita di FCHSD1 porta al miglioramento della malattia polmonare ostruttiva cronica. Credito: Tokyo Medical and Dental University.

La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) causa malattie e morte in tutto il mondo. Nota come enfisema, è caratterizzata dalla distruzione delle pareti di minuscole sacche d’aria nei polmoni e da un declino della funzione polmonare. Poco si sa dei meccanismi con cui inizia a svilupparsi. Ma ora, i ricercatori giapponesi hanno scoperto una proteina che promuove lo sviluppo delle prime fasi dell’enfisema, con il potenziale per essere un bersaglio terapeutico.

La BPCO può essere scatenata da fattori ambientali come il fumo di sigaretta che provocano infiammazione polmonareLo sviluppo dell’infiammazione comporta il movimento di molecole all’interno delle cellule e questo “traffico intracellulare” è noto per essere associato ad alcune malattie. Il team ha cercato proteine ​​correlate alla BPCO coinvolte nel traffico e ha identificato una proteina chiamata FCHSD1, che è associata ad alcune malattie, ma senza alcun ruolo attualmente noto nella funzione polmonare.

- Advertisement -

Vedi anche:BPCO: nuovo potenziale trattamento dalle amebe

È possibile creare un modello murino di enfisema trattando i topi con un enzima chiamato elastasi. Il team ha sviluppato una linea di topi a cui mancava la proteina FCHSD1 e ha studiato le risposte di questi topi rispetto ai topi normali quando è stato indotto l’enfisema. I topi normali hanno mostrato un grande aumento di FCHSD1 dopo il trattamento, mentre i topi privi di FCHSD1 erano protetti dallo sviluppo dell’ enfisema. Questi topi hanno mostrato una minore espansione dello spazio aereo a causa dei danni alle sacche d’aria nei polmoni e avevano meno infiammazione e morte cellulare (apoptosi).

I ricercatori hanno continuato a studiare il meccanismo molecolare mediante il quale agisce FCHSD1. Una proteina chiamata NRF2 si sposta nel nucleo in risposta allo stress e agisce per difendersi da esso. Tuttavia, FCHSD1 si lega a NRF2 e impedisce che si muova nel nucleo. I topi con una carenza di FCHSD1 hanno mostrato una maggiore traslocazione nucleare di NRF2 e una riduzione minore dei livelli di SIRT1, che si verifica con lo sviluppo dell’enfisema”, spiega l’autore principale Takahiro Kawasaki, “e questo ha ridotto l’infiammazione e l’apoptosi delle cellule polmonari“.

Una potenziale terapia per la BPCO potrebbe quindi essere quella di aumentare l’attività di NRF2 per contrastare FCHSD1. Attualmente sono disponibili trattamenti che prendono di mira NRF2 e potrebbe essere che l’inibizione di FCHSD1 contemporaneamente al target di NRF2 potrebbe rendere questi trattamenti più efficaci e prevenire complicazioni sistemiche. “I nostri risultati possono anche portare a una specifica strategia terapeutica per migliorare, o addirittura arrestare, la progressione dell’enfisema inibendo FCHSD1”, afferma Takashi Satoh, autore senior dell’articolo.

- Advertisement -

La BPCO è una malattia altamente significativa. La scoperta di questo meccanismo mediante il quale FCHSD1 agisce per promuovere lo sviluppo dell’enfisema potrebbe portare a nuovi trattamenti per molte persone.

Fonte:PNAS

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...