HomeSaluteIntestino e stomacoAspirina: come ridurre il rischio di sanguinamento dello stomaco

Aspirina: come ridurre il rischio di sanguinamento dello stomaco

(Aspirina-Immagine Credit Public Domain).
Le ulcere peptiche nei pazienti che assumono aspirina sono associate all’infezione da Helicobacter pylori, secodo un nuovo studio della School of Medicine dell’Università di Nottingham e del Nottingham Digestive Diseases Center. “Abbiamo mirato a indagare se l’eradicazione dell’H.pylori proteggesse dal sanguinamento dell’ulcera associato all’aspirina”, hanno spiegato i ricercatori.

Il nuovo studio ha scoperto che il rischio di sanguinamento dello stomaco causato dall’uso di aspirina a lungo termine può essere ridotto con un breve ciclo di antibiotici, migliorando potenzialmente la sicurezza dell’aspirina se usata per prevenire attacchi di cuore. ictus e forse alcuni tumori. 

I risultati dello studio HEAT (Helicobacter pylori Eradication Aspirin), guidato dal Prof. Chris Hawkey della School of Medicine dell’Università di Nottingham e dal Nottingham Digestive Diseases Center e finanziato dal programma di valutazione della tecnologia sanitaria del National Institute for Health and Care Research, sono stati pubblicati su The Lancet.

L’aspirina a basse dosi è un farmaco preventivo molto utile nelle persone ad alto rischio di ictus o infarto. Tuttavia, in rare occasioni, può provocare emorragie da ulcera interna.

- Advertisement -

Diluendo il sangue, l’aspirina fa sanguinare le ulcere presenti nello stomaco. Queste ulcere possono essere causate da un particolare tipo di batterio, l’helicobacter pylori.  

Il team STAR (Simple Trials for Academic Research) dell’Università di Nottingham ha studiato se un breve ciclo di antibiotici per rimuovere questi batteri ridurrebbe il rischio di sanguinamento nelle persone che assumono aspirina.

HEAT ( Helicobacter pylori  Eradication Aspirin) è stato uno studio molto ampio condotto da 1.208 studi medici generici del Regno Unito. Si trattava di uno studio di vita reale che utilizzava i dati clinici archiviati di routine nei registri del medico di famiglia e dell’Ospedale, invece di riportare i pazienti a visite di controllo di follow-up.

Il team ha invitato a partecipare allo studio 188.875 pazienti che stavano assumendo aspirina e 30.166 di questi si sono offerti  volontari. Coloro che sono risultati positivi all’H. pylori sono stati randomizzati a ricevere antibiotici o placebo (compresse fittizie) e sono stati seguiti per un massimo di 7 anni.

- Advertisement -

Vedi anche:Aspirina efficace quanto un anticoagulante standard

Nei primi due anni e mezzo, coloro che avevano ricevuto un trattamento antibiotico avevano meno probabilità di essere ricoverati in Ospedale a causa del sanguinamento dell’ulcera rispetto a quelli che avevano ricevuto compresse fittizie (6 contro 17). La protezione è avvenuta rapidamente: con coloro che hanno ricevuto placebo (trattamento fittizio), il primo ricovero per sanguinamento da ulcera si è verificato dopo 6 giorni, rispetto a 525 giorni dopo il trattamento antibiotico. 

In un periodo di tempo più lungo, la protezione sembrava svanire. Tuttavia, il tasso complessivo di ospedalizzazione per sanguinamento da ulcera è stato inferiore al previsto e questo è in linea con altre prove che indicano che la malattia da ulcera è in declino. I rischi per le persone che già assumono l’aspirina sono bassi. I rischi sono maggiori quando le persone iniziano per la prima volta ad assumere l’aspirina, quando si è in presenza di cerca l’H. pylori che vale la pena trattare.

Il Professor Chris Hawkey ha dichiarato: “L’aspirina ha molti vantaggi in termini di riduzione del rischio di infarti e ictus nelle persone a maggior rischio. Ci sono anche prove che è in grado di rallentare alcuni tipi di cancro. Lo studio HEAT è il più grande studio nel Regno Unito del suo genere e siamo lieti che i risultati abbiano dimostrato che il sanguinamento dell’ulcera può essere significativamente ridotto dopo un ciclo di una settimana di antibiotici. Le implicazioni a lungo termine dei risultati sono incoraggianti in termini di prescrizione sicura”.

I risultati della sperimentazione saranno presentati al meeting scientifico dell’UEG (United European Gastroenterology) a Vienna dove lo studio ha vinto un premio top abstract di 10.000 Euro. Il team STAR intende utilizzare il premio per sponsorizzare un concorso a sostegno di una collaborazione con un team di ricerca che vorrebbe sfruttare la metodologia STAR.

Fonte: The Lancet 

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...