Asma: identificata anomalia genetica associata a scarsa risposta al trattamento

0
7

Immagine, Nima Sharifi, MD. Credito: Cleveland Clinic

Un nuovo studio della Cleveland Clinic ha scoperto un’anomalia genetica associata a una scarsa risposta a un comune trattamento dell’asma. I risultati, pubblicati su Proceedings of National Academy of Sciences, hanno dimostrato che i pazienti asmatici con la variante genetica hanno meno probabilità di rispondere ai glucocorticoidi e spesso sviluppano asma grave.

Il team di ricerca, guidato da Nima Sharifi, M.D., del Lerner Research Institute di Cleveland Clinic, ha scoperto che la variante del gene HSD3B1 (1245A) è associata alla risposta glucocorticoide e può essere clinicamente utile per identificare i pazienti che hanno maggiori probabilità di beneficiare di altri trattamenti.

“I glucocorticoidi, che modulano la risposta infiammatoria sistemica, sono comunemente prescritti per il trattamento dell’asma grave. Tuttavia, fino ad ora non abbiamo capito perché molti pazienti non ne traggano beneficio”, ha affermato il Dr. Sharifi, autore senior dell’articolo. “Questi risultati sono validi per test genetici e trattamenti personalizzati e forniscono informazioni importanti per identificare quali pazienti dovrebbero essere trattati con terapie diverse”.

Nello studio, il Dr. Sharifi e i suoi collaboratori hanno analizzato retrospettivamente l’associazione tra genomi dei pazienti e funzionalità polmonare in oltre 500 pazienti asmatici che hanno ricevuto un trattamento orale giornaliero con glucocorticoidi o nessun trattamento con glucocorticoidi.

Vedi anche,I sintomi asmatici non controllati possono iniziare nello stomaco

I ricercatori hanno scoperto che una modifica al gene HSD3B1, in particolare la variante HSD3B1 (1245A), è associata a una scarsa funzionalità polmonare e alla resistenza al trattamento con glucocorticoidi. L’analisi ha rivelato che tra i pazienti che assumono glucocorticoidi, quelli con la variante avevano una funzione polmonare più scarsa rispetto a quelli che non avevano l’anomalia genetica, suggerendo che la mutazione contribuisce alla resistenza e aiuta a guidare la progressione verso l’asma grave.

Precedenti studi hanno dimostrato che HSD3B1 codifica un enzima che converte gli ormoni meno attivi chiamati androgeni in androgeni più potenti. Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, il team sospetta che l’effetto di HSD3B1 (1245A) sulla funzione polmonare possa essere attribuito all’inibizione di questo processo. “Questo studio è il primo a fornire prove genetiche che suggeriscono che le varianti legate alla sintesi degli androgeni influenzano la resistenza al trattamento dell’asma con i  glucocorticoidi o qualsiasi altra malattia correlata all’infiammazione“, ha dichiarato Joe Zein, MD, primo autore dello studio e Pneumologo presso la Cleveland Clinic. “Questi risultati ci forniscono nuove importanti informazioni che possono portare a trattamenti personalizzati per i pazienti asmatici e alla possibilità di prevenire lo sviluppo di malattie gravi”.

L’asma è una condizione cronica che provoca il restringimento delle vie aeree dei polmoni. Secondo il CDC, circa 25 milioni di persone negli Stati Uniti hanno l’asma, tra cui oltre sei milioni di bambini. L’asma rappresenta quasi due milioni di visite al pronto soccorso ogni anno.

In precedenza, il laboratorio del Dr. Sharifi ha studiato a fondo il ruolo di HSD3B1 nel carcinoma della prostata. Nel 2013, ha fatto la scoperta fondamentale che le cellule tumorali della prostata con la variante HSD3B1 (1245C) sopravvivono alla terapia di deprivazione di androgeni, la prima linea di difesa contro il cancro alla prostata, producendo i propri androgeni che alimentano la malattia. Ha trascorso più di sette anni a studiare e pubblicare articoli peer-reviewed sull’effetto della variante sul cancro alla prostata.

Fonte, PNAS