HomeSaluteOssa e muscoliArtrite psoriasica: nuovo approccio al trattamento

Artrite psoriasica: nuovo approccio al trattamento

(Artrite psoriasica-Immagine Credit Public Domain).

Un team internazionale di ricercatori, guidato dalla UC Davis Health, ha sviluppato un nuovo approccio terapeutico per il trattamento dell’artrite psoriasica, una malattia infiammatoria cronica che colpisce le articolazioni.

Utilizzando un nuovo bloccante chimico mirato alle proteine ​​delle chemochine, i ricercatori sono stati in grado di ridurre significativamente l’infiammazione della pelle e delle articolazioni in un modello murino di psoriasi e artrite psoriasica.

- Advertisement -

Cos’è l’artrite psoriasica?

L’artrite psoriasica colpisce fino a un terzo dei pazienti con psoriasi, un’infiammazione cutanea autoimmune. Crea mobilità e cambiamenti che rendono doloroso per i pazienti usare le mani o camminare. Alcuni di questi cambiamenti sono irreversibili. L’artrite psoriasica è difficile da trattare. “C’è una chiara necessità di trattamenti migliori utilizzando approcci alternativi per ridurre l’infiammazione articolare”, ha affermato Sam T. Hwang, Professore e Presidente di dermatologia presso la UC Davis e autore senior dello studio.

Vedi anche:Identificati i cambiamenti genetici che aumentano il rischio di artrite psoriasica

Comprendere il meccanismo alla base dell’infiammazione articolare

- Advertisement -

Le chemochine sono piccole molecole con un ruolo fondamentale nella risposta dell’organismo all’infiammazione e all’infezione. Aiutano a guidare la migrazione delle cellule immunitarie verso il sito di lesioni o traumi. Le chemochine hanno bisogno di recettori per funzionare. Un recettore specifico per le chemochine è CCR6. I ricercatori hanno valutato il ruolo di CCR6 e del suo partner legante CC chemochina ligando 20 (CCL20) nell’infiammazione legata all’artrite psoriasica e alla psoriasi. Hanno esaminato il potenziale della combinazione CCR6/CCL20 come bersaglio terapeutico efficace. Hanno misurato i livelli di CCR6 e CCL20 nel fluido articolare e nei tessuti tendinei di pazienti con artrite psoriasica. CCR6 è un agente fondamentale per la migrazione delle cellule T, un tipo di globuli bianchi, nella psoriasi cutanea. Il nuovo studio ha dimostrato che CCR6 svolge un ruolo simile nell’infiammazione articolare. Il team ha anche scoperto che CCL20 è presente a livelli molto elevati nel liquido articolare infiammato. “Abbiamo osservato un aumento significativo sia di CCR6 che di CCL20 nel tessuto connettivo dei topi con psoriasi e artrite psoriasica”, ha osservato Hwang. “Questa elevata presenza è stata confermata anche nelle biopsie di tendini umani infiammati”. La presenza di CCL20 nel sito dell’infiammazione lo rende un bersaglio molto attraente per la terapia dell’artrite. Il tessuto connettivo che collega tendini e legamenti con le ossa è chiamato entesi. È un importante sito di infiammazione nell’artrite psoriasica. Lo studio ha scoperto che le entesi sono posizioni distinte che le cellule T CCR6+ sembrano localizzare e quindi causare infiammazione. “È fondamentale identificare i tessuti specifici in cui si verifica l’infiammazione delle articolazioni prima che si diffonda e danneggi la cartilagine e l’osso”, ha detto Hwang.

Blocco della funzione della chemochina CCR6

I ricercatori hanno testato la capacità di una nuova proteina ingegnerizzata, nota come dimero CCL20 (CCL20LD), nel bloccare la funzione CCR6 in un modello murino. La proteina ha ridotto profondamente l’infiammazione sia della pelle che delle articolazioni interrompendo il potere di CCR6 di attirare le cellule T.

Il successo di CCL2OLD nel bloccare la funzione di CCR6 in un modello murino mostra il potenziale per il trattamento dell’artrite psoriasica negli esseri umani”, ha detto Hwang. “Sicuramente, ciò richiede più test e studi clinici per esplorarne l’efficacia e la sicurezza del trattamento”.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Arthritis & Rheumatology.

Fonte: Arthritis & Rheumatology

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...