Antidepressivi neurosteroidi all’orizzonte

depressione

Più di 14 milioni di americani soffrono di depressione clinica, ma uno su tre non ha alcun sollievo dai farmaci antidepressivi approvati. Un nuovo approccio terapeutico che coinvolge farmaci chiamati neurosteroidi è tuttavia all’orizzonte.

I neurosteroidi si trovano naturalmente nel cervello e aiutano a regolare e modulare l’attività delle cellule cerebrali, ma molecole simili possono anche essere sintetizzate in laboratorio. Mirano a diversi recettori nel cervello rispetto agli antidepressivi attualmente disponibili e sembrano alleviare i sintomi più rapidamente rispetto agli antidepressivi tradizionali. La strategia di utilizzare molecole di neurosteroidi per curare la depressione è stata sviluppata alla Washington University School of Medicine di St. Louis, dove il suo Taylor Family Institute for Innovative Psychiatric Research si è concentrato sullo sviluppo di farmaci psichiatrici più efficaci.

Insieme a Sage Therapeutics, il Taylor Family Institute ha portato avanti questa strategia con un farmaco neurosteroide che si è dimostrato efficace in un recente studio clinico. Studiando 89 pazienti – 45 dei quali sono stati scelti in modo casuale per ricevere un neurosteroide chiamato SAGE-217, mentre gli altri 44 hanno ricevuto un placebo inattivo, i ricercatori hanno scoperto che il farmaco sperimentale ha ridotto i sintomi della depressione in meno di due settimane.

Vedi anche, Stimolazione cerebrale profonda: trattamento efficace per depressione grave.

I risultati dello studio sono stati pubblicati di recente sul New England Journal of Medicine.

Charles F. Zorumski, MD, Professore e capo del Dipartimento di Psichiatria, dirige il Taylor Family Institute ed è stato uno degli autori della recente pubblicazione. Ha affermato che la velocità con cui SAGE-217 si sta dirigendo verso l‘uso clinico è notevole. Un altro farmaco neurosteroide sviluppato da Sage è già stato approvato per uso clinico. Il farmaco per via endovenosa Zulresso (brexanalone) è stato approvato dalla Food and Drug Administration a marzo per curare le donne che soffrono di grave depressione postpartum. Zorumski ha descritto lo sviluppo in corso di neurosteroidi per curare la depressione e forse altre malattie psichiatriche.

Il farmaco neurosteroide per la depressione postpartum è stato il primo nuovo antidepressivo ad entrare sul mercato da anni.

Cosa entusiasma di più di questa nuova classe di farmaci?

“In primo luogo, il farmaco sperimentale SAGE-217 è una prova del concetto che è possibile sviluppare un farmaco neurosteroide orale per trattare uomini e donne con depressione maggiore. In secondo luogo, il farmaco viene somministrato una volta al giorno, con una dose da 20 a 30 mg al giorno, quindi i pazienti non devono assumere più compresse ogni giorno, come nel caso di altri antidepressivi. E in terzo luogo, eravamo entusiasti di vedere quanto velocemente il farmaco alleviava i sintomi”, dicono i ricercatori.

Dopo una settimana, i pazienti trattati si sono chiaramente distinti da quelli che assumevano un placebo e hanno continuato a migliorare per 14 giorni. Quando il farmaco è stato sospeso dopo due settimane, i pazienti hanno mantenuto il beneficio del farmaco per quasi altri 30 giorni, il che è durato fino a quando lo studio è durato. Il fatto che il farmaco sia stato efficace in una sperimentazione di due settimane, che ha funzionato così rapidamente e che i suoi effetti apparentemente persistono è insolito in psichiatria. Questo farmaco è diverso da qualsiasi altro farmaco orale ora disponibile per la depressione.

Questo particolare farmaco è un composto di Sage Therapeutics, ma è basato su una piattaforma tecnologica sviluppata presso la Washington University. Doug Covey, Andrew C. e Barbara B. Taylor, distinto Professore di psichiatria, ha sviluppato più di 700 composti neurosteroidi nel suo laboratorio. L’Università ha concesso in licenza questa serie di  composti a Sage e quelle molecole sono diventate la base per ciò che l’azienda ha sviluppato. Sebbene SAGE-217 non sia uno delle centinaia di composti sviluppati qui, esiste un composto congiunto della  Washington University. Sage sta procedendo verso studi clinici e presto potrebbero essere in cantiere altri composti promettenti.

In che modo questi farmaci neurosteroidi alleviano la depressione?

I farmaci sono leggermente calmanti. Interagiscono con i recettori GABA nel cervello. GABA è il principale neurotrasmettitore inibitorio nel cervello di tutti i mammiferi, quindi un agente che aumenta GABA può essere sedativo. In effetti, la più grande sfida con Brexanalone per la depressione postpartum, ha il potenziale per un’eccessiva sedazione. La sonnolenza ha interessato anche alcuni dei pazienti che hanno assunto SAGE-217, ma ciò non è necessariamente negativo perché i disturbi del sonno sono un grosso problema nella depressione e in una serie di malattie psichiatriche. Il farmaco può alleviare la depressione a dosi più basse, senza causare la sedazione che è stata osservata in alcuni pazienti nella sperimentazione clinica.

Fonte, Washington University


Altri articoli su depressione