HomeSaluteCervello e sistema nervosoAlzheimer: livelli elevati di antiossidanti riducono il rischio

Alzheimer: livelli elevati di antiossidanti riducono il rischio

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain).

Le persone con livelli più elevati di antiossidanti nel sangue potrebbero avere meno probabilità di sviluppare demenza e Alzheimer, secondo una ricerca pubblicata nel numero online del 4 maggio 2022 di Neurology, la rivista medica dell’American Academy of Neurology.

Lo studio ha scoperto che le persone con i livelli più alti di antiossidanti luteina, zeaxantina e beta-criptoxantina nel sangue avevano meno probabilità di sviluppare la demenza decenni dopo rispetto alle persone con livelli più bassi di antiossidanti. La luteina e la zeaxantina si trovano nelle verdure a foglia verde come spinaci, cavoli, broccoli, zucca estiva e piselli. La beta-criptoxantina si trova in frutti come arance, mango, papaia, mandarini, pesche e cachi.

- Advertisement -

“L’estensione del funzionamento cognitivo delle persone è un’importante sfida per la salute pubblica”, ha affermato l’autore dello studio May A. Beydoun, PhD, MPH, del National Institutes of Health’s National Institute on Aging a Baltimora, nel Maryland. “Gli antiossidanti possono aiutare a proteggere il cervello dallo stress ossidativo, che può causare danni cellulari. Sono necessari ulteriori studi per verificare se l’aggiunta di questi antiossidanti può aiutare a proteggere il cervello dalla demenza“.

Vedi anche:Alzheimer: perdita di motivazione e progressione della malattia

Lo studio ha coinvolto 7.283 persone che avevano almeno 45 anni all’inizio dello studio. All’inizio dello studio hanno avuto un esame fisico, un colloquio e esami del sangue per i livelli di antiossidanti. Sono stati quindi seguiti per una media di 16 anni per vedere chi avrebbe sviluppato la demenza.

I partecipanti sono stati divisi in tre gruppi in base ai loro livelli di antiossidanti nel sangue. Le persone con le quantità più elevate di luteina e zeaxantina avevano meno probabilità di sviluppare demenza rispetto a quelle con livelli più bassi. Ogni aumento dei livelli di luteina e zeaxantina, circa 15,4 microgrammi/decilitro, era associato a una diminuzione del 7% del rischio di demenza. Per la beta-criptoxantina, ogni aumento dei livelli, circa 8,6 microgrammi/decilitro, era associato a una riduzione del 14% del rischio di demenza.

È importante notare che l’effetto di questi antiossidanti sul rischio di demenza è stato in qualche modo ridotto quando abbiamo preso in considerazione altri fattori come l’istruzione, il reddito e l’attività fisica, quindi è possibile che questi fattori possano aiutare a spiegare la relazione tra i livelli di antiossidanti e demenza”, ha detto Beydoun.

- Advertisement -

Una limitazione dello studio è che i livelli di antiossidanti erano basati su una misurazione dei livelli ematici e potrebbero non riflettere i livelli delle persone nel corso della loro vita.

Fonte:Neurology

 

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...