Home Salute Cervello e sistema nervoso Alzheimer: la resistenza all'insulina nel cervello contribuisce al declino cognitivo

Alzheimer: la resistenza all’insulina nel cervello contribuisce al declino cognitivo

La resistenza all’insulina nel cervello contribuisce al declino cognitivo nella malattia di Alzheimer, secondo uno studio condotto presso la Scuola di Medicina e Chirurgia della Pennsylvania. L’insulina è un ormone importante in molte funzioni del corpo,compresa la salute delle cellule cerebrali, la loro crescita, la sopravvivenza ed il normale funzionamento. I ricercatori hanno osservato che c’è una minore attivazione di insulina nel cervello di malati di Alzheimer, rispetto a persone normali e che altre proteine legate all’azione dell’insulina si presentano anormali. Queste anomalie sono fortemente collegate alla memoria episodica e ad altre abilità cognitive, in pazienti affetti da Alzheimer. Responsabile del deterioramento cognitivo è una  proteina chiamata substrato recettore dell’insulina 1 (IRS1). I livelli di questa proteina sono sensibilmente associati alla presenza di placche  di beta amiloide e grovigli neurofibrillari che sono i marcatori del morbo di Alzheimer. I ricercatori hanno evidenziato che tre farmaci insulino sensibilizzanti, già approvati dalla FDA per il trattamento del diabete, possono attraversare la barriera emato encefalica ed avere potenziale terapeutico per correggere l’insulino resistenza nella malattia di Alzheimer. lo studio è stato pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Investigation.


ULTIMI ARTICOLI

Le maschere di stoffa proteggono chi le indossa da SARS-CoV-2

Le maschere rallentano la diffusione del virus SARS-CoV-2 riducendo la quantità di persone infette che spargono il virus nell'ambiente circostante quando tossiscono o parlano. Le prove di esperimenti...

Composto ultrapotente può aiutare a trattare C. diff e ridurre le recidive

Immagine:Public Domain. Clostridioides difficile o C. diff, è la principale causa di infezione associata all'assistenza sanitaria negli Stati Uniti. Solo due antibiotici, Vancomicina eFfidaxomicina, sono stati...

Sindrome dell’intestino irritabile: peptide del veleno di ragno potrebbe fermare il dolore

Ricercatori dell'Università del Queensland hanno scoperto che un peptide specifico trovato nel veleno di ragno potrebbe alleviare il dolore nei pazienti con sindrome dell'intestino irritabile. Lo...

Nuove inaspettate possibilità per la ricerca sugli antidolorifici da SARS-CoV-2

Immagine: la proteina spike su SARS-CoV-2 interferisce con la percezione del dolore. SEBASTIAN KAULITZKI / SCIENCE PHOTO LIBRARY / Getty Images. L'autore di un nuovo...

Le statine riducono la gravità di COVID-19

Immagine: l'infezione da SARS-CoV-2 (verde, a sinistra) è inibita dal trattamento con 25HC (a destra). Credito: UC San Diego Health Sciences. Non ci sono trattamenti approvati...