HomeSaluteCapelliAlopecia areata: un successo il trattamento con Baricitinib

Alopecia areata: un successo il trattamento con Baricitinib

Un nuovo studio mostra che in un paziente su tre con una grave malattia della pelle, l’alopecia areata, il farmaco Baricitinib, un comune farmaco per l’artrite, è stato in grado di far ricrescere i capelli.

Lo studio si basa su studi clinici di fase 3 che utilizzano Baricitinib, un inibitore della Janus chinasi (JAK), per il trattamento dell’alopecia areata, una malattia della pelle spesso deturpante caratterizzata da una rapida perdita di capelli e talvolta di sopracciglia e ciglia.

Gli studi clinici di fase 3 sono l’ultimo ostacolo alla sperimentazione prima che un nuovo trattamento possa essere preso in considerazione per l’approvazione della Food and Drug Administration (FDA) statunitense.

- Advertisement -

“Questo momento è così eccitante, perché i dati mostrano chiaramente quanto sia efficace il Baricitinib”, ha affermato il Dottor Brett King, Prof. associato di dermatologia presso la Yale School of Medicine e autore principale del nuovo studio, pubblicato il 26 marzo sul New England Journal di Medicina. “Questi grandi studi controllati ci dicono che possiamo alleviare alcune delle sofferenze di questa terribile malattia”.

L’alopecia areata è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario del corpo attacca i follicoli piliferi. Più di 200.000 nuovi casi emergono ogni anno negli Stati Uniti. Sebbene l’alopecia areata possa svilupparsi in pazienti di qualsiasi età, in genere si verifica nelle persone di età inferiore ai 40 anni.

Attualmente non esiste un trattamento approvato dalla FDA per la malattia.

Per il nuovo studio, King e i suoi colleghi hanno condotto due ampi studi randomizzati che hanno coinvolto un totale di 1.200 persone. I partecipanti erano adulti con grave alopecia areata, che avevano perso almeno la metà dei capelli; molti avevano perso tutti i capelli.

- Advertisement -

Vedi anche:Iniezione di plasma ricco di piastrine può essere efficace per l’alopecia

Per 36 settimane, ai partecipanti è stata somministrata una dose giornaliera di 4 milligrammi di baricitinib, 2 milligrammi di baricitinib o un placebo. Ad un terzo dei pazienti che hanno ricevuto la dose maggiore sono ricresciuti i capelli.

I ricercatori hanno affermato che Baricitinib contrasta la malattia interrompendo la comunicazione delle cellule immunitarie coinvolte nel danneggiamento dei follicoli piliferi. Baricitinib e altri inibitori della JAK sono usati di routine per il trattamento di forme autoimmuni di malattie articolari.

“L’alopecia areata è un viaggio pazzesco, segnato da caos, confusione e profonda tristezza per molti che ne soffrono”, ha detto King. “Sarà incredibile importante per se stesse e per coloro che le circondano”.

I coautori dello studio includevano ricercatori della Kyorin University Faculty of Medicine, Seoul National University College of Medicine, Hebrew University of Jerusalem, Stanford University, University of California-Irvine, University of Minnesota, Eli Lilly and Company e Sinclair Dermatologia.

I risultati dello studio sono stati resi pubblici durante il meeting annuale dell’American Academy of Dermatology. Negli ultimi dieci anni, King ha sviluppato metodi per utilizzare gli inibitori JAK per trattare una varietà di malattie della pelle, tra cui eczema, vitiligine, granuloma anulare, sarcoidosi e lichen planus erosivo.

King ha osservato che sono in corso gli studi clinici che coinvolgono Baricitinib, il che consentirà ai ricercatori di valutare l’efficacia e la sicurezza a lungo termine del trattamento.

Fonte: New England Journal of Medicine 

ULTIMI ARTICOLI

Immunoterapia: riprogrammare l’immunità anticancro

Immunoterapia-Immagine Credit Public Domain. Asgard Therapeutics sta portando avanti l'immunoterapia del cancro con una piattaforma di riprogrammazione cellulare diretta, pronta all'uso, che trasforma le cellule...

Nutrigenomica: ciò che mangi può riprogrammare i tuoi geni

Nutrigenomica-Immagine Credit Public Domain. Le persone in genere pensano al cibo come calorie, energia e sostentamento. Tuttavia, le ultime prove suggeriscono che il cibo "parla" anche...

La carenza di vitamina B12 può avere gravi conseguenze

Vitamina B12-Immagine Credit Public Domain. La vitamina B12 è scarsa nella dieta e si trova solo negli alimenti di origine animale. Fortunatamente, gli esseri umani hanno...

“Mangiare un arcobaleno” di frutta e verdura: i benefici di ogni colore

I nutrizionisti ti diranno di mangiare un "arcobaleno di frutta e verdura". Ogni colore indica diversi nutrienti di cui il nostro corpo ha bisogno. I nutrienti...

L’emicrania causa cambiamenti cerebrali

Emicrania-Immagine Credit Public Domain. Un nuovo studio di neuroimaging identifica i malati di emicrania che hanno spazi perivascolari allargati in una regione del cervello chiamata...