HomeSaluteCapelliAlopecia areata: un successo il trattamento con Baricitinib

Alopecia areata: un successo il trattamento con Baricitinib

Un nuovo studio mostra che in un paziente su tre con una grave malattia della pelle, l’alopecia areata, il farmaco Baricitinib, un comune farmaco per l’artrite, è stato in grado di far ricrescere i capelli.

Lo studio si basa su studi clinici di fase 3 che utilizzano Baricitinib, un inibitore della Janus chinasi (JAK), per il trattamento dell’alopecia areata, una malattia della pelle spesso deturpante caratterizzata da una rapida perdita di capelli e talvolta di sopracciglia e ciglia.

Gli studi clinici di fase 3 sono l’ultimo ostacolo alla sperimentazione prima che un nuovo trattamento possa essere preso in considerazione per l’approvazione della Food and Drug Administration (FDA) statunitense.

- Advertisement -

“Questo momento è così eccitante, perché i dati mostrano chiaramente quanto sia efficace il Baricitinib”, ha affermato il Dottor Brett King, Prof. associato di dermatologia presso la Yale School of Medicine e autore principale del nuovo studio, pubblicato il 26 marzo sul New England Journal di Medicina. “Questi grandi studi controllati ci dicono che possiamo alleviare alcune delle sofferenze di questa terribile malattia”.

L’alopecia areata è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario del corpo attacca i follicoli piliferi. Più di 200.000 nuovi casi emergono ogni anno negli Stati Uniti. Sebbene l’alopecia areata possa svilupparsi in pazienti di qualsiasi età, in genere si verifica nelle persone di età inferiore ai 40 anni.

Attualmente non esiste un trattamento approvato dalla FDA per la malattia.

Per il nuovo studio, King e i suoi colleghi hanno condotto due ampi studi randomizzati che hanno coinvolto un totale di 1.200 persone. I partecipanti erano adulti con grave alopecia areata, che avevano perso almeno la metà dei capelli; molti avevano perso tutti i capelli.

- Advertisement -

Vedi anche:Iniezione di plasma ricco di piastrine può essere efficace per l’alopecia

Per 36 settimane, ai partecipanti è stata somministrata una dose giornaliera di 4 milligrammi di baricitinib, 2 milligrammi di baricitinib o un placebo. Ad un terzo dei pazienti che hanno ricevuto la dose maggiore sono ricresciuti i capelli.

I ricercatori hanno affermato che Baricitinib contrasta la malattia interrompendo la comunicazione delle cellule immunitarie coinvolte nel danneggiamento dei follicoli piliferi. Baricitinib e altri inibitori della JAK sono usati di routine per il trattamento di forme autoimmuni di malattie articolari.

“L’alopecia areata è un viaggio pazzesco, segnato da caos, confusione e profonda tristezza per molti che ne soffrono”, ha detto King. “Sarà incredibile importante per se stesse e per coloro che le circondano”.

I coautori dello studio includevano ricercatori della Kyorin University Faculty of Medicine, Seoul National University College of Medicine, Hebrew University of Jerusalem, Stanford University, University of California-Irvine, University of Minnesota, Eli Lilly and Company e Sinclair Dermatologia.

I risultati dello studio sono stati resi pubblici durante il meeting annuale dell’American Academy of Dermatology. Negli ultimi dieci anni, King ha sviluppato metodi per utilizzare gli inibitori JAK per trattare una varietà di malattie della pelle, tra cui eczema, vitiligine, granuloma anulare, sarcoidosi e lichen planus erosivo.

King ha osservato che sono in corso gli studi clinici che coinvolgono Baricitinib, il che consentirà ai ricercatori di valutare l’efficacia e la sicurezza a lungo termine del trattamento.

Fonte: New England Journal of Medicine 

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...