Alcuni supplementi di ferro possono influenzare lo sviluppo del cancro del colon

ferro

Due comuni composti del ferro aumentano la formazione di un noto biomarker per il cancro, secondo un nuovo studio sulle cellule tumorali della Chalmers University of Technology, in Svezia. I due composti, il citrato ferrico e l’EDTA ferrico, sono spesso utilizzati negli integratori alimentari e come additivo alimentare nei mercati di tutto il mondo, compresi gli USA e l’UE.

I ricercatori hanno studiato il ferro citrato e l’EDTA ferrico, che hanno entrambi dimostrato di peggiorare la formazione di tumori nei topi con cancro del colon.

Il nuovo studio, che è stato realizzato in collaborazione con il British Medical Research Council e l’Università di Cambridge, ha esaminato l’effetto di dosi supplementari normali di questi composti su due tipi di cellule di cancro del colon umano in coltura. Come confronto, i ricercatori hanno anche misurato gli effetti del solfato ferroso, un altro composto del ferro comunemente disponibile.

Mentre il solfato ferroso non ha avuto alcun effetto, sia il citrato ferrico che l’EDTA ferrico hanno causato un aumento dei livelli cellulari di amphiregulin, un biomarker per il cancro, anche a basse dosi.

“Possiamo concludere che il citrato ferrico e l’EDTA ferrico potrebbero essere cancerogeni, poiché entrambi aumentano la produzione di amphiregulin, un noto marker del cancro più spesso associato a cancro a lungo termine con prognosi infausta”, afferma Nathalie Scheers, Assistant Professor presso Chalmers University of Tecnologia e autore principale dello studio.

( Vedi anche:La carenza di ferro nelle prime settimane di vita compromette lo sviluppo di strutture cerebrali).

Oggi ci sono molti diversi tipi di supplementi di ferro sul mercato. Questi possono essere basati su almeno 20 diversi composti di ferro e venduti con una vasta gamma di marchi. Il solfato ferrico è uno dei più comuni, ma il citrato ferrico, che si dice sia più delicato per lo stomaco, è anche ampiamente disponibile nei negozi e online. È anche più facilmente assorbito dall’organismo attraverso alimenti come il pane, i fagioli e le noci.

Ma per i consumatori che desiderano fare una scelta informata, spesso può essere difficile sapere esattamente cosa stanno acquistando.

“Molti negozi e fornitori non dichiarano in realtà che tipo di composto di ferro sia presente, nemmeno nelle farmacie”, afferma Nathalie Scheers.

Il ferro viene anche aggiunto ad alcuni alimenti, per combattere la carenza di ferro. Ferric EDTA è approvato come agente di fortificazione sia negli Stati Uniti che nell’UE. Viene anche utilizzato in paesi come Cina, Pakistan, Brasile, Messico e Filippine, dove viene aggiunto alla farina e alle bevande in polvere. Inoltre, è presente in alcuni farmaci per bambini con bassi livelli di ferro in paesi come il Regno Unito e la Francia.

“Innanzitutto, dobbiamo tenere presente che lo studio è stato condotto su cellule tumorali umane coltivate in laboratorio, dal momento che non sarebbe stato etico farlo negli esseri umani, ma i possibili meccanismi ed effetti osservati richiedono ancora cautela e nuove indagini”, afferma Nathalie Scheers. “Al momento, le persone dovrebbero comunque seguire i consigli medici raccomandati: come ricercatore, non posso raccomandare nulla – i consigli devono venire dalle autorità, ma parlando personalmente, se avessi bisogno di un integratore di ferro, tenterei di evitare il citrato ferrico“, continua la ricercatrice.

La ricerca sul campo è stata finora limitata, anche per quanto riguarda il più comune solfato ferroso. La cosa fondamentale è iniziare a distinguere tra le diverse forme di ferro.

“Soprattutto, i ricercatori e le autorità devono iniziare a distinguere tra le diverse forme di ferro: dobbiamo considerare che forme diverse possono avere effetti biologici diversi“, conclude Scheers.

Donne a maggior rischio

La maggior parte del ferro di cui il corpo ha bisogno è ottenuto attraverso alimenti come carne, pesce, verdure, frutta e cereali integrali. Ma a volte la dieta non è abbastanza. Le donne in gravidanza possono aver bisogno di ferro supplementare, così come le persone che hanno perso sangue o hanno bassi livelli di emoglobina per altri motivi. Nei pazienti con malattia renale possono essere necessarie alte dosi di ferro per legare i fosfati nel sangue.

Fonte: Oncotarget

Altri articoli su ferro