HomeSaluteVirus e parassitiabbandono delle misure anti-Covid durante il lancio del vaccino "rischia varianti resistenti"

abbandono delle misure anti-Covid durante il lancio del vaccino “rischia varianti resistenti”

(COVID-Immagine Credit Publiuc Domain).

L’allentamento delle restrizioni come l’uso della maschera e il distanziamento sociale quando la maggior parte delle persone è stata vaccinata, aumenta notevolmente il rischio di varianti resistenti al vaccino del virus che causa COVID-19, secondo una nuova ricerca.

In un momento in cui quasi il 60 percento degli europei ha ricevuto almeno una dose di vaccino, gli autori hanno affermato che il loro studio di modellazione ha mostrato la necessità di mantenere misure di restrizione fino a quando tutti non saranno completamente vaccinati.

- Advertisement -

Per prevedere come il virus SARS-CoV-2 potrebbe mutare in risposta alle campagne di vaccinazione, un team paneuropeo di esperti ha simulato la probabilità che un ceppo resistente al vaccino emerga in una popolazione di 10 milioni di persone in tre anni.

Le variabili includevano i tassi di vaccinazione, mutazione e trasmissione, comprese le “ondate” ricorrenti di infezioni e il calo del numero di casi in risposta ai blocchi.

Com’era prevedibile, il modello ha mostrato che un rapido tasso di vaccinazione riduceva il rischio che emergesse un ceppo resistente. Ma in quello che gli autori hanno definito un “risultato controintuitivo”, il modello ha mostrato che il rischio più elevato di emergere di ceppi resistenti si verificava quando una grande percentuale della popolazione veniva vaccinata, ma non abbastanza grande da garantire l’immunità del gregge. Questa è in sostanza la situazione attuale di gran parte dell’Europa, dove la variante Delta si sta diffondendo rapidamente.

Gli autori hanno affermato che il modello ha mostrato una soglia del 60 percento della popolazione vaccinata, dopo la quale era più probabile che si verificassero varianti resistenti.

- Advertisement -

La situazione negli Stati Uniti, dove il 60% degli adulti è completamente vaccinato e l’80% dei nuovi casi è causato dalla variante Delta, è simile. “I vaccini sono la nostra migliore scommessa per sconfiggere questa pandemia”, ha affermato il coautore dello studio Simon Rella, dell’Istituto austriaco di scienza e tecnologia (IST). “Ciò che il nostro modello ha mostrato è che quando la maggior parte delle persone viene vaccinata, il ceppo resistente al vaccino ha un vantaggio rispetto al ceppo originale. Ciò significa che il ceppo resistente al vaccino si diffonde nella popolazione più velocemente del ceppo originale in un momento in cui la maggior parte delle persone viene vaccinata”, ha detto Rella ai giornalisti in un briefing online.

Vedi anche:COVID 19 grave: identificati geni responsabili

I virus mutano costantemente in risposta ai vincoli ambientali, come la crescente immunità e le misure di risposta progettate per limitare la trasmissione. La variante Delta è significativamente più infettiva della variante virale originale, ma attualmente ci sono poche prove che suggeriscano che sia più mortale.

“L’evoluzione è potente”

Gli autori hanno affermato che la loro ricerca ha evidenziato la necessità di mantenere misure anti-COVID  fino a quando tutti non saranno vaccinati.

“Naturalmente speriamo che la resistenza ai vaccini non si evolva nel corso di questa pandemia, ma esortiamo alla cautela”, ha affermato Fyodor Kondrashov, ricercatore dell’IST e coautore dello studio. “L’evoluzione è una forza molto potente e mantenere alcune precauzioni ragionevoli durante l’intero periodo di vaccinazione può effettivamente essere un buon strumento per controllare questa evoluzione”.

Attualmente poco più di un miliardo di persone in tutto il mondo è completamente vaccinato contro il COVID-19, con molti paesi, in particolare in Africa e Sud America, che devono ancora iniziare implementazioni diffuse a causa della mancanza di approvvigionamento. “Senza un coordinamento globale, i ceppi resistenti ai vaccini possono essere eliminati in alcune popolazioni, ma potrebbero persistere in altre”, afferma lo studio, pubblicato su Nature Scientific Reports.

“Pertanto, potrebbe essere necessario uno sforzo di vaccinazione veramente globale per ridurre le possibilità di una diffusione globale di un ceppo resistente”. Nick Davies, assistente Professore di modelli matematici presso la London School of Hygiene and Tropical Medicine, ha affermato che ha lo studio ha mostrato la necessità per ogni paese di fare la propria parte per evitare di creare terreni fertili per l’evoluzione virale. “Ma alla fine, affrontare l’emergere di un ceppo in fuga dal vaccino è davvero un problema globale, non nazionale”, ha affermato Davies, che non è stato coinvolto nella ricerca. “Non appena un mutante emerge da qualche parte, diventa un problema di tutti”.

Fonte: Nature

ULTIMI ARTICOLI

abbandono delle misure anti-Covid durante il lancio del vaccino “rischia varianti resistenti”

(COVID-Immagine Credit Publiuc Domain). L'allentamento delle restrizioni come l'uso della maschera e il distanziamento sociale quando la maggior parte delle persone è stata vaccinata, aumenta...

Tumori ovarici: scoperto il “tallone di Achille”

(Tumori ovarici-Immagine Credit Public Domain). La facoltà di UT Southwestern ha scoperto quello che sembra essere un tallone d'Achille nei tumori ovarici, nonché nuovi biomarcatori...

Melanoma: rivelata la fonte delle mutazioni del DNA

(Melanoma-Immagine:Melanoma nella biopsia cutanea con colorazione H&E: questo caso può rappresentare un melanoma a diffusione superficiale. Credito: Wikipedia/CC BY-SA 3.0). "Le mutazioni che danno origine al...

Nanocorpi potenti bloccano Sars-CoV-2 e varianti

(SARS-CoV-2-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori di Göttingen hanno sviluppato mini-anticorpi che bloccano efficacemente il coronavirus Sars-CoV-2 e le sue nuove pericolose varianti. Questi cosiddetti nanocorpi...

Cancro ovarico: nuovi potenti trattamenti

(Cancro ovarico-Immagine:Cellula cancerosa durante la divisione cellulare. Credito: National Institutes of Health). I ricercatori WEHI hanno fatto una scoperta che potrebbe aiutare più donne con cancro...