Uno studio rivela il rischio di demenza negli ex calciatori professionisti

0
12
Uno studio  condotto dall’Università di Glasgow ha rivelato le prime importanti intuizioni sugli esiti di salute per tutta la vita negli ex calciatori professionisti.
Nei risultati pubblicati sul New England Journal of Medicine e finanziati dalla Football Association (FA) e dalla Professional Footballers ‘Association (PFA), i ricercatori hanno confrontato le cause della morte di 7.676 ex calciatori professionisti scozzesi nati tra il 1900 e il 1976 contro quelli di oltre 23.000 individui abbinati.
Guidato dal neuropatologo consulente Dr. Willie Stewart, Professore onorario associato presso l’Università di Glasgow, lo studio FIELD ha scoperto che gli ex calciatori professionisti avevano un tasso di morte circa tre volte e mezzo più alto a causa delle malattie neurodegenerative.
Il Dottor Stewart ha dichiarato: “Questo è il più grande studio fino ad oggi che esamina in dettaglio l’incidenza della malattia neurodegenerativa in qualsiasi sport, non solo nei calciatori professionisti. Un punto di forza del nostro progetto di studio è che potremmo esaminare in dettaglio i tassi di diversi sottotipi di malattie neurodegenerative. Questa analisi ha rivelato che il rischio variava da un aumento di 5 volte della malattia di Alzheimer, un aumento di circa quattro volte della malattia dei motoneuroni, a un aumento del doppio del morbo di Parkinson, negli ex calciatori professionisti rispetto ai controlli sulla popolazione.
 Sebbene i calciatori avessero un rischio maggiore di morte per malattie neurodegenerative, avevano meno probabilità di morire per altre malattie comuni, come le malattie cardiache e alcuni tumori, incluso il cancro ai polmoni”.
Riflettendo su questi risultati, lo studio ha scoperto che i decessi negli ex calciatori erano inferiori alle aspettative fino a 70 anni e superiori alle aspettative oltre quell’età.
Il Dott. Stewart ha dichiarato: “Un aspetto importante di questo lavoro è la capacità di esaminare una serie di risultati sulla salute negli ex calciatori professionisti. Questo ci consente di costruire un quadro più completo della salute in questa popolazione. I nostri dati mostrano che mentre gli ex calciatori avevano tassi di demenza più alti, avevano tassi di morte più bassi a causa di altre principali malattie. Pertanto, mentre tutti gli sforzi devono essere fatti per identificare i fattori che contribuiscono all’aumento del rischio di malattie neurodegenerative per ridurre questo rischio, ci sono anche più ampi potenziali benefici per la salute offerti dal calcio da prendere in considerazione “.
L’associazione tra la partecipazione allo sport di contatto e la malattia neurodegenerativaè stata oggetto di dibattito negli ultimi anni. Gli studi post mortem hanno identificato una patologia specifica della demenza legata all’esposizione a lesioni cerebrali, nota come encefalopatia traumatica cronica (CTE), in un’alta percentuale di cervelli di ex atleti di sport di sport di contatto, inclusi ex calciatori.
Tuttavia, fino a questo studio, non era chiaro se esistessero prove di un aumento del tasso di malattie neurodegenerative negli ex calciatori.
Greg Clarke, Presidente FA, ha dichiarato: “Questo è lo studio più completo mai commissionato sulla malattia neurodegenerativa negli ex calciatori professionisti. Accogliamo con favore le sue scoperte e ringraziamo il Dr. Willie Stewart per aver condotto diligentemente questa importante ricerca. Questo è solo l’inizio della nostra comprensione e ci sono molte domande a cui è ancora necessario rispondere. È importante che la famiglia globale del calcio ora si unisca per trovare le risposte e fornire una maggiore comprensione di questo problema complesso. La FA si impegna a fare tutto il possibile affinché ciò accada”.