Home Salute Cervello e sistema nervoso Un composto dei funghi allucinogeni potrebbe contribuire a trattare la depressione

Un composto dei funghi allucinogeni potrebbe contribuire a trattare la depressione

Un composto allucinogeno che si trova nei “funghi magici” potrebbe portare a un nuovo trattamento per la depressione, secondo una ricerca pubblicata su The Lancet Psychiatry.

La psilocibina si trova in natura in alcuni tipi di funghi. Meglio conosciuta per i suoi effetti psichedelici, studi recenti suggeriscono che potrebbe aiutare le persone con dipendenza da alcol, ansia e disturbo ossessivo compulsivo (OCD).Come già per gli antidepressivi, la psilocibina si rivolge ai recettori della serotonina nel cervello. Immagini cerebrali umane e animali indicano che i suoi effetti possono essere simili a quelli di altri trattamenti.

I ricercatori, guidati dal Dr. Robin Carhart-Harris dell’Imperial College di Londra nel Regno Unito, hanno arruolato allo studio 12 partecipanti di cui sei donne e sei uomini che avevano da moderata a grave depressione e che non rispondevano al trattamento, per una media di 17,8 anni. Tutti i partecipanti avevano assunto antidepressivi senza successo e undici soggetti avevano partecipato anche a sedute di psicoterapia.

Nessuno aveva avuto una storia personale o familiare di disturbo psicotico o una storia di suicidio e nessuno stava assumendo droga o alcol.I partecipanti sono stati trattati prima con una dose di 10 milligrammi di psilocibina che è stata somministrata come test. Una settimana dopo, i soggetti hanno ricevuto una dose terapeutica più alta, di 25 milligrammi.

I pazienti hanno ricevuto il trattamento che è durato solo due giorni, in una camera speciale con scarsa illuminazione e con la musica. Sono stati seguiti da due psichiatri. I terapisti hanno fornito supporto e controlli ai pazienti durante tutto il percorso.I pazienti sono stati seguiti fin dal primo giorno dopo la somministrazione della prima dose. Il giorno seguente, dopo la somministrazione della seconda dose, i pazienti sono stati sottoposti a risonanza magnetica ( MRI scansione). Il follow-up è proseguito a 1, 2, 3, e 5 settimane e 3 mesi dopo la seconda dose.

I risultati suggeriscono che la psilocibina, usata come terapia di supporto, è sicura e ben tollerata. Durante i 3 mesi di follow-up, circa metà dei partecipanti hanno avuto una riduzione dei sintomi della depressione.

Gli effetti psichedelici rilevabili sono stati riportati 30-60 minuti dopo l’assunzione delle capsule e sono durati 2-3 ore.Non ci sono stati effetti avversi gravi. Come previsto, i pazienti si sentivano temporaneamente ansiosi. Nove avvertivano una certa confusione, quattro avevano la nausea temporanea e quattro avevano un leggero mal di testa.

Una settimana dopo, i sintomi della depressione erano migliorati in tutti i pazienti.Otto partecipanti alla sperimentazione hanno avuto una remissione temporanea. Dopo 3 mesi, i sintomi di sette partecipanti hanno continuato a migliorare e 5 su 7 erano ancora in remissione.

Gli autori fanno notare che la psilocibina, come la maggior parte degli antidepressivi agisce sui recettori della serotonina nel cervello, ma la sua struttura chimica è diversa e agisce più in fretta.

“La depressione resistente al trattamento è comune, invalidante, ed estremamente difficile da trattare. Nuovi trattamenti sono urgentemente necessari e il nostro studio dimostra che la psilocibina è una promettente area di ricerca futura”, ha affermato il Dr. Robin Carhart-Harris.

Fonte: MEDICALNEWS

 

Fonte:


ULTIMI ARTICOLI

Un anticorpo di prima classe progettato per prevenire la coagulazione

Immagine: Public Domain. I ricercatori della Monash University hanno progettato un nuovo anticorpo che inibisce una particolare proteina per prevenire la formazione di coaguli o...

Cancro del pancreas: la vitamina A rende più efficace il trattamento

Immagine: cellule tumorali pancreatiche coltivate in coltura, SEM. Credito: Anne Weston, Francis Crick Institute. Attribution-NonCommercial 4.0 International (CC BY-NC 4.0). Una combinazione che prevede l'aggiunta di una...

Distrofia muscolare di Duchenne: nuovo farmaco mostra benefici nella sperimentazione clinica

Immagine: Public Domain. Un nuovo farmaco offre speranza ai giovani ragazzi affetti da distrofia muscolare di Duchenne (DMD), malattia neuromuscolare progressiva, offrendo potenzialmente un'alternativa ai...

Le maschere di stoffa proteggono chi le indossa da SARS-CoV-2

Le maschere rallentano la diffusione del virus SARS-CoV-2 riducendo la quantità di persone infette che spargono il virus nell'ambiente circostante quando tossiscono o parlano. Le prove di esperimenti...

Composto ultrapotente può aiutare a trattare C. diff e ridurre le recidive

Immagine:Public Domain. Clostridioides difficile o C. diff, è la principale causa di infezione associata all'assistenza sanitaria negli Stati Uniti. Solo due antibiotici, Vancomicina eFfidaxomicina, sono stati...