Trattamento per il bruciore di stomaco previene il cancro dell’esofago

cancro dell'esofago

Il trattamento medico o chirurgico del bruciore di stomaco grave, previene il cancro dell’esofago, secondo uno studio del Karolinska Institutet su quasi un milione di pazienti.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica JAMA Oncology.

Il bruciore di stomaco patologico e reflusso acido colpisce il 10-20 per cento della popolazione adulta. Il reflusso lungo e grave è il più forte fattore di rischio per il cancro dell’esofago (tipo adenocarcinoma), un tumore aggressivo che è difficile da trattare.

Il reflusso viene solitamente trattato per rendere il contenuto dello stomaco meno acido e di solito i farmaci eliminano o riducono i sintomi. Un’alternativa è la chirurgia antireflusso che impedisce al contenuto dello stomaco di arrivare nell’esofago. Precedenti studi non hanno dimostrato in modo conclusivo che questi trattamenti prevengano il cancro all’esofago perchè non sono stati sufficientemente ampi o hanno avuto abbastanza tempo di follow-up per garantire delle conclusioni su eventuali effetti preventivi sul cancro a lungo termine.

( Vedi anche:Lo zinco può prevenire il cancro dell’esofago).

Nel presente studio, i ricercatori hanno utilizzato record di dati sanitari dal 1964 al 2014 provenienti dai cinque paesi nordici. Degli oltre 940.000 pazienti con reflusso partecipanti allo studio, circa 895.000 hanno ricevuto cure mediche e di questi quasi 2.370 pazienti (0,3 per cento) hanno sviluppato un cancro dell’esofago durante il periodo di follow-up. Il rischio di cancro dell’esofago è diminuito nel tempo dopo il trattamento.

Degli oltre 48.400 pazienti sottoposti a chirurgia antireflusso, 177 (0,4 per cento) hanno sviluppato un cancro dell’esofago durante il periodo di follow-up. Il rischio di cancro esofageo è chiaramente diminuito anche in questo gruppo ed era allo stesso livello della popolazione corrispondente dopo l’operazione.

Quando i pazienti con reflusso che hanno avuto un intervento sono stati confrontati con quelli con reflusso che hanno ricevuto farmaci, i pazienti che sono stati operati hanno mostrato un rischio leggermente più alto di cancro all’esofago durante l’intero periodo di follow-up, ma il rischio non è aumentato nel tempo. Questo è probabilmente causato dal fatto che i pazienti operati hanno avuto un reflusso più serio dall’inizio.

“I risultati mostrano che un efficace trattamento medico o chirurgico del reflusso previene il cancro dell’esofago, ma poiché il rischio individuale di sviluppare il cancro esofageo è basso, anche in quelli con malattia da reflusso, i risultati non giustificano il trattamento del reflusso unicamente come prevenzione del cancro. I sintomi e le complicanze della malattia da reflusso dovrebbero continuare a governare il trattamento “, dice John Maret-Ouda, medico e scienziato presso il Dipartimento di Medicina e Chirurgia Molecolare presso il Karolinska Institutet in Svezia e il primo autore dello studio.

Tuttavia, il ricercatore sottolinea che per la piccola percentuale di persone con reflusso grave in combinazione con altri fattori di rischio per il cancro esofageo, come l’obesità, il sesso maschile e l’età matura, è raccomandato un trattamento medico efficace e continuo o un’operazione per trattare il reflusso.

“I precedenti risultati della ricerca hanno mostrato effetti di prevenzione del cancro poveri dalla chirurgia antireflusso. La differenza ora è che per la prima volta possiamo mostrare risultati statisticamente significativi perché abbiamo uno studio sufficientemente ampio con un lungo periodo di follow-up di oltre 15 anni”, dice Jesper Lagergren, chirurgo consulente e Professore presso il Dipartimento di Medicina e Chirurgia Molecolare, Karolinska Institutet, che ha guidato lo studio.

Fonte: EurekAlert

Altri articoli su cancro dell'esofago