Home Salute Cuore e circolazione Terapia non invasiva può invertire l'aterosclerosi

Terapia non invasiva può invertire l’aterosclerosi

Un giorno, un’iniezione potrebbe essere in grado di invertire l’aterosclerosi, secondo la ricerca emergente presentata al Vascular Discovery dell’American Heart Association: From Genes to Medicine Scientific Sessions 2018, un importante scambio globale degli ultimi progressi nella biologia vascolare per ricercatori e medici .

L’aterosclerosi è caratterizzata da un restringimento delle arterie e dei vasi sanguigni causato da un accumulo di una sostanza dura e cerosa chiamata placca, che è ricca di colesterolo.

( Vedi anche:Sempre più vicini ad un vaccino efficace contro l’aterosclerosi).

- Advertisement -

“Farmaci come le statine sono utilizzati per controllare la lipoproteina a bassa densità (LDL), il cosiddetto colesterolo cattivo e quindi ridurre il carico di placca”, ha spiegato Neel A. Mansukhani,autore principale dello studio e collega di chirurgia vascolare integrata presso la Northwestern University di Feinberg Scuola di Medicina a Chicago. “Ma le statine non hanno dimostrato di invertire la malattia”, dice Mansukhani.

“Altri approcci terapeutici per l’aterosclerosi, includono la chirurgia di bypass e lo stenting, ma nessuno dei due inverte la malattia e ognuno può causare danni alla parete del vas”, ha aggiunto il ricercatore.

“Il nostro obiettivo era quello di sviluppare una terapia non invasiva, non chirurgica, nuova per arrestare e invertire la malattia colpendo effettivamente la parete del vaso con nanofibre a base di peptidi sviluppate in laboratorio”, ha spiegato Mansukhani. Le minuscole fibre contenevano particelle che aiutavano a rimuovere i depositi di colesterolo dalla placca nelle pareti delle arterie.

I ricercatori hanno sintetizzato nanofibre di peptidi autoassemblanti che hanno colpito aree di placca e potrebbero essere somministrate mediante iniezione endovenosa. È importante sottolineare che queste nanofibre sintetiche contenevano una sequenza di amminoacidi che promuove la dissoluzione del colesterolo.

- Advertisement -

Per la sperimentazione, i topi sono stati geneticamente modificati per sviluppare rapidamente l’aterosclerosi, quindi alimentati con diete ad alto contenuto di grassi per 14 settimane e dopo di che i topi hanno ricevuto iniezioni bisettimanali di nanofibre o soluzione salina per 8 settimane.

“Era importante che fossimo in grado di ottenere risultati riproducibili in questo modello in laboratorio, quindi per prima cosa volevamo confermare che la terapia mirasse effettivamente alle aree dell’aterosclerosi“, ha detto Mansukhani.

I ricercatori hanno usato tecniche di imaging – microscopia a fluorescenza e quantificazione dei pixel – per determinare la dose ottimale, la concentrazione, la durata del legame e la biodistribuzione e hanno scoperto che potevano osservare l’effetto di target dopo 24 ore e dopo 48 a 72 ore la nanofibra si dissipava e veniva eliminata in 7 a 10 giorni.

Dopo 8 settimane di trattamento, l’area della placca nelle arterie dei topi maschi è stata ridotta dell’11% e nei topi femmina del 9%.

I risultati “dimostrano che una nuova nanofibra mirata si lega specificamente alle lesioni aterosclerotiche e riduce il carico di placca dopo una breve durata del trattamento“, ha detto Mansukhani.

Tuttavia,questa è una ricerca preliminare e ne sono necessarie altre prima che questo approccio possa essere testato negli esseri umani.

Fonte: Heart Associastion

ULTIMI ARTICOLI

SARS-CoV-2 smascherato da un modello matematico

(SARS-CoV-2-Immagine Credit Public Domain). SARS-CoV-2 è stato smascherato da un modello matematico che suggerisce strategie di trattamento ottimali. Ottenere il controllo di COVID-19 richiederà più...

Latticini: in futuro saranno prodotti anche dal lievito

(Latticini-Immagine Credit Public Domain). I latticini in futuro saranno prodotti anche dal lievito grazie ad una straordinaria tecnologia che potrebbe rivoluzionare il settore lattiero-caseario. Il nuovo...

Variante SARS-CoV-2 B.1.1.7 potrebbe diventare dominante

(SARS-CoV-2 B.1.1.7-Immagine Credit Public Domain). SARS-CoV-2 B.1.1.7, la nuova variante della sindrome respiratoria acuta grave coronavirus-2 (SARS-CoV-2) rilevata in Inghilterra, si replica più di due...

SARS-CoV-2:la glicirrizina neutralizza il virus in vitro

(SARS-CoV-2-Immagine radici di liquirizia-Credit Public Domain). SARS-CoV-2 causa una serie di sintomi respiratori da lievi a gravi. Sfortunatamente, anche i pazienti pre-sintomatici o quelli con...

Glaucoma: nuova terapia antifibrotica

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Scienziati dell'Università di Birmingham, Regno Unito, hanno dimostrato che un nuovo destrano-solfato a basso peso molecolare, ILB, potrebbe svolgere un ruolo...