Studio sulla trasmissione del morbillo in Cina ha implicazioni per il controllo dell’epidemia in tutto il mondo

morbillo

Un nuovo studio sull’epidemia di morbillo in Cina ha implicazioni di vasta portata per l’eliminazione dell’infezione a livello globale, secondo i ricercatori della Columbia University Mailman School of Public Health. 

Utilizzando un nuovo sistema di inferenza del modello sviluppato presso la Columbia Mailman School, i ricercatori sono stati in grado di stimare la suscettibilità e le caratteristiche demografiche della popolazione in tre luoghi chiave della Cina, in un periodo che copre le epoche precedenti al vaccino e alla vaccinazione di massa moderna. Fino ad ora, le dinamiche della trasmissione del morbillo erano state in gran parte sconosciute. 

I risultati sono pubblicati online su PLOS Computational Biology .

Nonostante la vaccinazione diffusa, il morbillo rimane una delle principali cause di morte nei bambini di tutto il mondo e l’eliminazione del morbillo è stata particolarmente difficile in Cina, il più grande paese con trasmissione endemica del morbillo.

 “Mentre dal 2008 la Cina ha riportato una copertura degli obiettivi di vaccinazione del 95% stabilita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per l’eliminazione del morbillo, il morbillo ha continuato a causare grandi epidemie ogni anno per ragioni che rimangono indeterminate“, ha detto Wan Yang, assistente Professore di Epidemiologia presso la Columbia Mailman School e autore principale dello studio.

Con il rivoluzionario strumento di modellazione, i ricercatori della Columbia Mailman sono stati in grado di stimare i parametri epidemiologici chiave a Pechino, Guangzhou e Shandong durante il periodo 1951-2004.

Vedi anche Una dose del virus del morbillo distrugge il cancro incurabile.

Il gruppo di ricerca ha raccolto dati dettagliati sull’incidenza annuale del morbillo e sui tassi di vaccinazione per i tre siti. Poiché i dati erano sparsi per un’intera città o provincia in un dato anno, il sistema di inferenza del modello consentiva ai ricerctori di studiare le dinamiche di trasmissione a lungo termine della malattia e identificare i fattori epidemiologici chiave che potrebbero contribuire alla trasmissione persistente del morbillo.

“Dopo aver validato a fondo il sistema di inferenza del modello, siamo stati in grado di mostrare la sua accuratezza nella stima dei dati fuori campione non utilizzati nel modello e quindi applicarlo per stimare le caratteristiche epidemiologiche e demografiche chiave per la trasmissione del morbillo nel 1951-2004 per questi tre posizioni”, ha osservato Yang.

Gran parte della ricerca sul morbillo in passato si era concentrata solo sui paesi industrializzati. Il sistema di inferenza sviluppato da Yang e colleghi tiene conto dei dati demografici della popolazione complessi e mutevoli, dei modelli di contatto, della struttura per età, della vaccinazione di massa e della sottostima.

‘Le principali città in Cina con grandi popolazioni migranti hanno avuto come risultato una trasmissione endemica del morbillo durante l’ultimo decennio’, sottolinea Yang. Sia Pechino che Guangzhou erano tra queste città; ad esempio, nel 2010, il 36% della popolazione di Pechino erano migranti, di cui l’8,5% proveniva dallo Shandong, una provincia di sviluppo economico moderato, dove la suscettibilità stimata era doppia rispetto a Pechino e Guangzhou dalla metà degli anni ’90.  

“A causa di uno sviluppo economico irregolare, attualmente oltre 100 milioni di lavoratori in Cina migrano dalle regioni meno sviluppate come lo Shandong verso le grandi città per lavoro.Questa differenza fondamentale indica una possibile trasmissione persistente del morbillo nelle grandi città legate alla massiccia popolazione di lavoratori migranti cinesi”, ha detto Yang . “La semplice valutazione suggerisce che i migranti possono essere stati, e continuano ad essere, una sottopopolazione vulnerabile, contribuendo alla trasmissione persistente di morbillo nelle grandi città nonostante l’alta copertura vaccinale e la vaccinazione di recupero rivolta alle popolazioni migranti potrebbe essere un mezzo efficace per controllare attuali epidemie in queste grandi città “.

“Oltre ai problemi di migrazione, il nostro studio ha rivelato anche interessanti differenze nella stagionalità del morbillo tra i tre luoghi di studio”, ha detto l’autore senior Jeffrey Shaman, Professore presso la Mailman School di Environmental Health Sciences e Direttore del programma Climate and Health. La letteratura mostra, ad esempio, che nei paesi industrializzati un maggiore mescolamento tra i bambini in età scolare durante i periodi scolastici può facilitare la trasmissione del morbillo e le condizioni climatiche possono anche svolgere un ruolo nella stagionalità del morbillo.

 “Più specificamente, il riscaldamento interno invernale in climi freddi in città come Pechino e Shandong può aumentare l’affollamento o ridurre la ventilazione e aumentare il rischio di infezione durante i mesi freddi”.

“I nostri risultati hanno rivelato caratteristiche che riteniamo fondamentali per comprendere l’attuale persistenza delle epidemie di morbillo in Cina e per ideare strategie di eliminazione future“, ha affermato Yang.

Fonte, PLOS Computational Biology 

Altri articoli su morbillo