HomeSaluteOssa e muscoliSpondiloartrite assiale: scoperta nuova terapia

Spondiloartrite assiale: scoperta nuova terapia

(Spondiloartrite assiale-Immagine Credit Public Domain).

In un articolo pubblicato oggi sulla rivista Science Translational Medicine, i ricercatori dello Schroeder Arthritis Institute, parte della University Health Network (UHN) di Toronto, hanno fatto una scoperta che potrebbe portare a nuovi trattamenti per la spondiloartrite assiale (SpA), una malattia dolorosa e forma debilitante di artrite che colpisce l’1-2% dei canadesi e provoca infiammazioni alla colonna vertebrale, alle articolazioni, agli occhi, all’intestino e alla pelle.

“Attualmente abbiamo pochissime opzioni terapeutiche per la maggior parte dei pazienti che vivono con la la spondiloartrite assiale e questa è una malattia devastante che ha un impatto diretto sulla qualità della vita”, afferma il Dott. Nigil Haroon, reumatologo, co-Direttore del programma spondilite e autore senior dell’articolo.

- Advertisement -

“Sebbene siano stati approvati diversi trattamenti, compresi i farmaci biologici, per la  spondiloartrite assiale, il 40-50% dei pazienti non risponde ad alcun trattamento e sviluppa un forte dolore e una formazione anormale di nuovo osso“, afferma il Dott. Akihiro Nakamura, primo autore dell’articolo e borsista e dottore di ricerca candidato nel laboratorio del Dr. Haroon. “Quindi, c’è un disperato bisogno di trovare nuovi trattamenti che siano efficaci e coprano tutti i sintomi clinici della SpA“.

Lo studio si concentra sul ruolo del fattore inibitorio della migrazione dei macrofagi (MIF) che funziona come una proteina che induce una risposta infiammatoria o immunitaria nel corpo. Fino ad ora, il ruolo che MIF svolge nella progressione della malattia della la spondiloartrite assiale era sconosciuto.

la spondiloartrite assiale. Hanno anche scoperto che i neutrofilim(un tipo di globuli bianchi che induce la risposta del sistema immunitario) dei pazienti con la la spondiloartrite assiale secernono concentrazioni più elevate di MIF, rispetto agli individui sani. Questo, a sua volta, spinge altre cellule a causare più infiammazione.

“Ciò significa che se il corpo è stato esposto a un fattore scatenante, in individui suscettibili potrebbe essere prodotta una quantità eccessiva di MIF che potrebbe poi portare a una diagnosi di spondiloartrite assiale più avanti nella vita. Se riusciamo a bloccare precocemente l’eccesso di produzione di MIF, possiamo essere in grado di indurre la remissione della malattia e prevenire la disabilità e la mortalità ad essa legate“, spiega il Dott. Haroon.

- Advertisement -

In un documento del 2017, i ricercatori dimostrano di aver scoperto che la concentrazione o l’espressione di MIF è sostanzialmente aumentata nel sangue, nei fluidi articolari e nei tessuti intestinali dei pazienti SpA, rispetto a quelli di pazienti con un diverso tipo di artrite o di volontari sani. Nello stesso documento, hanno anche dimostrato che MIF potrebbe essere coinvolto nella promozione dello sviluppo di nuova formazione ossea. Questi recenti risultati hanno contribuito a consolidare i risultati precedenti e ad approfondire la nostra comprensione del ruolo di MIF nella spondiloartrite assiale.

Il bloccante specifico di MIF, chiamato MIF098, ha prevenuto e limitato con successo l’insorgenza della malattia e lo sviluppo della SpA, nel modello preclinico. Il team si concentrerà ora sulla sperimentazione del potenziale di altre terapie mirate a MIF, che potrebbe portare a trovare un nuovo trattamento per la spondiloartrite assiale.

I pazienti con SpA sperimentano infiammazione, dolore, rigidità e, nel tempo, questo può portare alla fusione spinale e alla perdita di mobilità. Ma non è solo la malattia stessa di cui questi pazienti devono preoccuparsi”, afferma il Dott. Haroon. “Rispetto alla popolazione generale, c’è anche un aumento del 60% di probabilità di ictus e un aumento del 30% di eventi cardiovascolari o malattie mentali“.

Vedi anche:Osteoartrite: individuati nuovi fattori di rischio genetici

Per il Dottor Nakamura, un medico giapponese che si è trasferito allo Schroeder Arthritis Institute per diventare un ricercatore leader nel campo dell’artrite infiammatoria, queste nuove scoperte sono a dir poco “emozionanti”.

“Nella ricerca, una volta che facciamo una nuova scoperta, questa ha il potenziale per aiutare molti più pazienti di quanti ne potrei fare io nella mia clinica, in Giappone”, afferma il Dott. Nakamura. “Quindi questo mi motiva molto”.

I ricercatori sperano di testare l’efficacia dei bloccanti MIF in pazienti con SpA attraverso studi clinici, in cui cercherebbero di determinare la concentrazione ottimale e la frequenza di somministrazione dei farmaci mirati a MIF per gli esseri umani, nonché di studiare potenziali effetti collaterali, per garantirne la sicurezza .

“I farmaci che abbiamo attualmente non funzionano per la metà di tutti i pazienti SpA”, afferma il Dott. Haroon. “Allo stesso tempo, i tassi di artrite stanno aumentando in tutto il mondo. Riteniamo che questo trattamento potrebbe essere efficace per una buona percentuale di pazienti SpA, compresi quelli che non rispondono ad altri trattamenti attualmente disponibili”.

Fonte: Science Translational Medicine 

ULTIMI ARTICOLI

Spondiloartrite assiale: scoperta nuova terapia

(Spondiloartrite assiale-Immagine Credit Public Domain). In un articolo pubblicato oggi sulla rivista Science Translational Medicine, i ricercatori dello Schroeder Arthritis Institute, parte della University Health...

Epilessia: trovato fattore scatenate le convulsioni

(Epilessia-immagine Credit Public Domain). I ricercatori della School of Medicine dell'Università della Virginia hanno scoperto come i problemi nei microcircuiti corticali nel cervello possono scatenare...

Primo trapianto di rene da maiale a umano

Gli scienziati hanno temporaneamente trapiantato un rene di maiale in un corpo umano e l'hanno visto iniziare a funzionare, un piccolo passo nella ricerca...

Infezioni del tratto urinario: nuova efficace strategia

(Infezioni del tratto urinario-Immagine Credit Scitechdaily). L'identificazione degli eventi dinamici che si verificano durante le infezioni del tratto urinario (UTI) ha rivelato una nuova potenziale...

Cancro al seno: le integrine responsabili delle metastasi

(Cancro al seno-Immagine Credit Public Domain). Un gruppo di ricerca dell'Università di Turku, in Finlandia, ha scoperto un meccanismo completamente nuovo che le cellule utilizzano...