HomeSaluteCervello e sistema nervosoSLA: farmaco sperimentale più efficace degli esistenti

SLA: farmaco sperimentale più efficace degli esistenti

(SLA-Immagine Credit Scientific Reports 2022).

Una nuova ricerca sul farmaco sperimentale NU-9, inventato e sviluppato da due scienziati della Northwestern University per il trattamento della SLA (sclerosi laterale amiotrofica), mostra che è più efficace dei farmaci esistenti approvati dalla FDA per la malattia.

Ancora più importante, NU-9 ha un effetto potenziato se somministrato in combinazione con quei farmaci, Riluzolo ed Edaravone. Il farmaco è stato inventato da Richard B. Silverman Patrick G. Ryan/Aon, presso la Northwestern University, mentre gli studi sugli animali sono stati condotti da P. Hande Ozdinler, Professore associato di neurologia presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine.

- Advertisement -

La ricerca, pubblicata di recente su Scientific Reports, ha mostrato che NU-9 allunga gli assoni dei motoneuroni superiori malati in un modello murino SOD1 SLA. Questa nuova scoperta sull’allungamento degli assoni dei neuroni malati illustra ulteriormente i vantaggi di NU-9.

L’assone è il segmento del motoneurone superiore che collega il cervello al midollo spinale e costituisce il tratto corticospinale, che degenera nei pazienti con SLA. Il deterioramento degli assoni contribuisce alla paralisi rapida e fatale dei pazienti con SLA.

“Affinché un farmaco sia efficace, è importante che migliori la crescita degli assoni e la salute degli assoni”, ha affermato il co-autore dello studio Ozdinler. “Questo è molto importante per collegare il cervello e il midollo spinale e per rivitalizzare i circuiti dei motoneuroni che degenerano nei pazienti“.

Nella SLA, le cellule nervose che iniziano il movimento nel cervello (motoneuroni superiori) e le cellule nervose che controllano i muscoli nel midollo spinale (motoneuroni inferiori) muoiono.

- Advertisement -

In una ricerca pubblicata l’anno scorso, gli scienziati della Northwestern hanno mostrato che NU-9 ha migliorato due importanti fattori che causano la malattia dei motoneuroni superiori nella SLA: il ripiegamento errato delle proteine ​​e l’aggregazione proteica all’interno della cellula. Entrambi questi fattori diventano tossici per il neurone e sono comuni nei pazienti con SLA e neurodegenerazione in generale. Questa ricerca ha mostrato che il composto NU-9 ha impedito ai neuroni di degenerare così tanto che i neuroni malati sono diventati simili ai neuroni di controllo sani dopo 60 giorni di trattamento in due diversi modelli murini di SLA.

NU-9 verso la sperimentazione clinica

NU-9 si sta muovendo verso le sperimentazioni cliniche . L’azienda, AKAVA Therapeutics, fondata l’anno scorso da Silverman, sta conducendo studi sulla sicurezza negli animali, necessari affinché il farmaco (ora chiamato AKV9 nell’azienda) riceva l’approvazione della FDA per diventare un nuovo farmaco sperimentale. Tali studi includono la determinazione del livello di dose e degli effetti tossici.

“Se tutto va bene, speriamo di iniziare con volontari sani in uno studio clinico di Fase 1 all’inizio del 2023”, ha affermato il co-autore dello studio Silverman.

Vedi anche:SLA: identificata potenziale finestra per il trattamento

A seconda della risposta della FDA ai risultati di Fase 1, all’inizio del 2024 potrebbe iniziare uno studio di Fase II per somministrare il farmaco ai pazienti con SLA.

“NU-9 ha un nuovo meccanismo d’azione e deve essere testato sugli esseri umani per la sua efficacia nel trattamento della SLA”, ha detto Silverman. “È un lungo processo, forse da 10 a 12 anni, per scoprire e portare sul mercato un nuovo farmaco”, ha affermato Silverman. “Ma questo farmaco ci ha resi fiduciosi sulle sue possibilità di migliorare la vita dei pazienti con SLA, che sono stati senza speranza per così tanto tempo”.

Altri autori nordoccidentali includono Barış Genç, Mukesh Gautam, Benjamin Helmold, Nuran Koçak, Aksu Günay e Gashaw Goshu.

Fonte:Scientific Reports 

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...