Scoperta una proteina che svolge un ruolo chiave nella retinopatia diabetica

retinopatia diabetica

Recenti ricerche hanno dimostrato che una proteina svolge un ruolo chiave nella retinopatia diabetica. La scoperta può portare a trattamenti migliori per una causa principale di cecità e potrebbe anche avere implicazioni per altre malattie, tra cui il cancro.

In un rapporto pubblicato sul Journal of Clinical Investigation, i ricercatori dell’Università degli Utah di Salt Lake City , spiegano il ruolo della proteina nota come fattore ADP-ribosilazione 6 (ARF6) nella retinopatia diabetica.

( Vedi anche:Potente molecola anti-infiammatoria può bloccare la perdita della vista nella retinopatia diabetica).

I ricercatori riferiscono che bloccare l’ARF6 potrebbe essere un modo per ridurre la retinopatia diabetica, una malattia che le persone con diabete possono sviluppare a causa di un elevato livello cronico di zucchero nel sangue. Essi descrivono anche un composto che ha mostrato questo effetto nei modelli di roditore della malattia.

“La cosa eccitante di questo studio”, spiega il primo autore Weiquan Zhu, Professore di ricerca in medicina interna,  “è che abbiamo identificato un composto (NAV-2729) che inibisce l’ARF6 , cruciale per lo sviluppo della retinopatia diabetica “.

La perdita di visione causata dal diabete aumenta in tutto il mondo

La retinopatia diabetica è una malattia che danneggia i vasi sanguigni della retina, che è il tessuto sensibile alla luce sul retro dell’occhio e che consente di vedere. Il danno è il risultato di un alto livello di zucchero nel sangue che distorce i vasi sanguigni, causando perdite e compromettendo la visione.

Quando la malattia diabetica entra nelle fasi avanzate, nuovi vasi sanguigni anormali iniziano a crescere nella retina, aggiungendo altri danni a quelli esistenti. Alla fine, nella retina ci sono cicatrici permanenti che portano a gravi lesioni e alla cecità.

L’ onere mondiale  della perdita di visione legata al diabete sta crescendo ad un ritmo allarmante.

Negli Stati Uniti, le stime suggeriscono che  nel 2050 ci saranno 19,4 milioni di persone di 40 anni e più con retinopatia diabetica, tre volte il numero del 2005.

ARF6 aiuta a controllare VEGF

Il nuovo studio ha scoperto il ruolo che ARF6 svolge nel controllo del fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF), una proteina di segnalazione implicata nello sviluppo della retinopatia diabetica.

C’è un trattamento per la malattia oculare diabetica in cui i pazienti ricevono un’iniezione mensile di farmaci anti-VEGF direttamente nell’occhio. Ma il trattamento, che riduce l’ infiammazione, funziona solo per circa il 40 per cento dei pazienti.

ARF6 sembra aumentare e mantenere un recettore di VEGF, aiutando a liberare una serie di eventi – inclusi i segnali infiammatori – che portano alla malattia degli occhi.

Spiega l’anziano autore Dr. Dean Li, già dell’Università Utah e ora capo della medicina traslatoria alla Merck & Co: “ARF6 orchestra più segnali infiammatori che contribuiscono a infiammazione comune in molte malattie, compresa la malattia degli occhi da diabete”.

La squadra ha anche identificato altre due proteine, chiamate ARNO e GEP100, che aiutano a mantenere i segnali attivando ARF6 in due diverse posizioni delle cellule.

 

Nuovo trattamento per la retinopatia diabetica?

I ricercatori suggeriscono che le loro scoperte identificano un ciclo di segnalazione che promuove due caratteristiche della retinopatia diabetica: una maggiore perdita di vasi sanguigni e la nascita di nuovi e più deboli vasi sanguigni.

I ricercatori hanno trovato che l’iniezione di NAV-2729 negli occhi di roditori che erano stati trattati per sviluppare la retinopatia diabetica hanno significativamente ridotto entrambe le caratteristiche della malattia dell’occhio diabetico.

Ora è necessario fare ulteriori ricerche per determinare gli effetti a lungo termine del trattamento e stabilire se sia o meno sicuro ed efficace negli esseri umani.

Pensiamo che questi risultati siano importanti perché identificano un meccanismo con il quale ARF6 controlla il segnale del recettore VEGF e quindi può avere implicazioni molto più ampie, estendendosi ad altre malattie che coinvolgono l’attivazione del recettore di VEGF, come il cancro “, ha detto il Prof. Shannon Odelberg della University of Utah Health

Fonte: Linkoph- Aggregated links in Ophthalmology


Altri articoli su retinopatia diabetica