Home Salute Cervello e sistema nervoso Sclerosi multipla: nuovo promettente trattamento dal vaccino contro la tubercolosi

Sclerosi multipla: nuovo promettente trattamento dal vaccino contro la tubercolosi

Un vaccino utilizzato per prevenire la tubercolosi usato in alcune parti del mondo, è stato trovato utile per aiutare a prevenire la sclerosi multipla in persone che manifestavano i primi segni della malattia, secondo un rapporto pubblicato in Neurologia.

La sclerosi multipla (SM) è notoriamente difficile da diagnosticare. I sintomi iniziali sono generalmente vaghi, con sensazioni di intorpidimento, problemi di vista o problemi di equilibrio più frequentemente segnalati.

I ricercatori affermano che circa il 50% delle persone con questi sintomi, o sindrome clinicamente isolata,  svilupperà la sclerosi multipla entro 2 anni, mentre il 10% mostra altri sintomi correlati alla condizione.

- Advertisement -

Lo studio, che è stato sostenuto dal Ministero della Salute italiano e altre organizzazioni, si è concentrato su 73 persone che avevano sperimentato un singolo episodio di sintomi correlati alla Sclerosi Multipla.

Per lo studio, 33 partecipanti hanno ricevuto una iniezione di bacillo di Calmette-Guérin (BCG), mentre i restanti partecipanti hanno ricevuto un placebo. Tutti i partecipanti hanno fatto una scansione del cervello una volta al mese, per 6 mesi e sono stati poi trattati con farmaco interferone beta-1a per un anno.

I partecipanti sono stati seguiti per 5 anni.

Meno lesioni cerebrali

- Advertisement -

Le scansioni cerebrali del gruppo vaccinato mostravano meno lesioni cerebrali che sono caratteristiche della malattia, rispetto al gruppo che ha ricevuto il placebo – tre lesioni in media, rispetto a sette.

E alla fine dello studio, il 42% del gruppo vaccinato aveva sviluppato la MS, rispetto al 70% del gruppo placebo.

Anche se non ci sono stati effetti collaterali negativi, il Dott. Giovanni Ristori, dell’ Università la Sapienza di Roma, avverte che occorre più lavoro prima che questa scoperta  possa essere annunciata come una nuova cura:

In un editoriale di accompagnamento al documento di ricerca, il dottor Dennis Bourdette, dall’ Oregon Health & Science University a Portland e Fellow della American Academy of Neurology, scrive che i risultati sembrano sostenere la “ipotesi della sicurezza” del trattamento.

“La teoria è che l’esposizione a certe infezioni nei primi anni di vita, può ridurre il rischio di questa malattia, inducendo l’organismo a sviluppare una immunità protettiva”, conclude il Dott. Bourdette.

Fonte Neurology 4 dicembre 2013 Astratto

ULTIMI ARTICOLI

Influenza: nuovo studio spiega perchè può diventare fatale

Influenza-Immagine: Public Domain. L'influenza è causata da un virus, ma la causa più comune di morte causata dall'inflluenza è la polmonite batterica secondaria piuttosto che...

Dalla cannabis estratti che proteggono da COVID 19

Cannabis-Immagine: Public Domain. Nuovi estratti dalla cannabis sativa possono ridurre i livelli del recettore della cellula ospite che il coronavirus SARS-CoV-2 utilizza per ottenere l'ingresso virale...

Alzheimer: “fuoco amico” nel cervello provoca la malattia?

Immagine: le microglia si raggruppano attorno alle placche in un modello murino di malattia di Alzheimer. Credito: Neher Lab / DZNE / HIH. Gli scienziati vogliono...

Un nuovo approccio radicale alla depressione

Depressione-Immagine:scansioni di imaging a risonanza magnetica del cervello umano. Credito: Simon Fraser / SPL / Getty. La depressione colpisce una persona su quattro in un momento...

Vaccini COVID 19: le sfide che ci attendono

Vaccini COVID 19-Immagine Credito: Oxford Univ./John Cairns / EPA-EFE / Shutterstock. Quando finalmente emergono risultati positivi sui vaccini COVID 19, i ricercatori devono aiutare il...