HomeSaluteTumori​​Identificate proteine che possono contribuire allo sviluppo di glioma

​​Identificate proteine che possono contribuire allo sviluppo di glioma

Gli scienziati della University of Alabama a Birmingham hanno individuato un percorso molecolare che sembra favorire la capacità delle cellule del glioma maligno, un tumore del cervello, di diffondersi e invadere il tessuto cerebrale, precedentemente in buona salute. 

I ricercatori hanno spiegato che i risultati, pubblicati il 19 settembre 2013 sulla rivista PLoS One, offrono nuovi bersagli farmacologici- per tenere a freno la capacità di queste cellule di diffondersi.

“Gliomi maligni sono noti, non solo a causa della loro resistenza alla chemioterapia convenzionale e radioterapia, ma anche per la loro capacità di invadere il tessuto circostante del cervello, causando danni neurologici e morte”, ha detto Hassan Fathallah-Shaykh, professore associato presso il Dipartimento di UAB di Neurologia. ” L’invasione del cervello, un segno distintivo dei gliomi, aiuta anche le cellule del glioma a eludere le strategie terapeutiche.”

- Advertisement -

Fathallah-Shaykh ha spiegato che vi è un grande interesse degli scienziati rispetto all’idea che un ambiente povero di ossigeno induce le cellule del glioma a reagire con il movimento aggressivo, la migrazione e l’invasione del cervello. Una relativamente nuova strategia per ridurre i tumori è quella di interrompere l’erogazione di sangue al  tumore – e quindi della sua fonte di ossigeno – attraverso l’uso di farmaci anti-angiogenesi. L’angiogenesi è il processo di creazione di nuovi vasi sanguigni.

” Negando i componenti di cui ha bisogno per crescere, il tumore si spegne “, ha spiegato Fathallah-Shaykh.

” Questo studio ha identificato quattro linee di cellule di glioma che hanno aumentato notevolmente la loro motilità se sottoposte ad un ambiente povero di ossigeno. In effetti ,per sfuggire al campo di sterminio, il tumore cerca  di creare una nuova colonia in altre parti del cervello. ”

Fathallah-Shaykh e la sua squadra  hanno identificato due proteine ​​che formano un percorso che collega basso ossigeno, o ipossia, con l’ aumento della motilità.

- Advertisement -

“Abbiamo identificato una proteina di segnalazione che viene attivata da ipossia, chiamata Src”, ha detto Fathallah-Shaykh.” Abbiamo anche individuato una proteina a valle, chiamata Neural Wiskott – Aldrich sindrome di proteine  ​​(N-WASP), che è regolata da Src nelle linee cellulari con aumento della motilità.”

I ricercatori hanno quindi utilizzato gli inibitori della proteina per l’intercettazione di Src e  N-WASP. Quando la proteina è stata inibita, la mancanza di ossigeno ha causato la perdita della capacità di movimento delle cellule.

“Questi risultati indicano che tra Src e N-WASP esiste un collegamento che è qualcosa che non abbiamo ancora pienamente capito -. Essi sono obiettivi chiave per i farmaci che potrebbero interferire con la capacità di una cellula di muoversi”, ha aggiunto  Fathallah-Shaykh.

” I farmaci anti-motilità potrebbero essere una componente chiave nel trattamento di gliomi, negli anni a venire “.

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...