Possibilità di una futura riabilitazione per i pazienti in stato vegetativo e minimamente cosciente

stimolazione cerebrale

La stimolazione cerebrale non invasiva sarà sperimentata per la prima volta insieme a tecniche avanzate di imaging cerebrale in pazienti che sono minimamente coscienti o in uno stato vegetativo.

Lo studio si basa su risultati promettenti del Center for Human Brain Health presso l’Università di Birmingham, secondo cui la stimolazione cerebrale non invasiva può migliorare il successo della riabilitazione per i pazienti non responsivi.

Lo studio RAINDROP, una collaborazione tra l’Università di Birmingham e il Wellington Hospital, parte di HCA Healthcare UK, utilizzerà tecnologie avanzate di imaging del cervello per tracciare gli effetti della stimolazione cerebrale non invasiva in un piccolo gruppo di pazienti. L’obiettivo è comprendere meglio come le tecniche di stimolazione possono essere sfruttate per migliorare la comunicazione e il recupero, con la speranza di offrire un giorno, tassi di riabilitazione migliori per i pazienti non responsivi con un disturbo della coscienza prolungato.

Il processo RAINDROP

I miglioramenti nella cura del trauma hanno aumentato le possibilità di sopravvivere alle lesioni cerebrali più gravi. Ricerche recenti hanno dimostrato che fino al 20% di questi pazienti mantiene un livello di consapevolezza molto più elevato di quanto ci si potrebbe aspettare dalle loro diagnosi cliniche, tuttavia questi pazienti rimangono incapaci di dimostrare la propria consapevolezza, intrappolati nei loro corpi non rispondenti.

Precedenti ricerche del Center for Human Brain Health presso l’Università di Birmingham e la Western University, in Canada, hanno individuato ciò che accade nel cervello per causare questo comportamento insensibile, suggerendo per la prima volta un potenziale bersaglio per il trattamento.

Nello studio RAINDROP, i ricercatori lavoreranno con cinque pazienti dell’unità Prolonged Disorders of Consciousness Unit (PDoCU) del The Wellington Hospital per esaminare come una forma di stimolazione cerebrale chiamata stimolazione transcranica a corrente diretta (tDCS) possa essere utilizzata per identificare e trattare le connessioni danneggiate all’interno del cervello.

Durante il trattamento, bassi livelli di corrente continua sono indirizzati a specifiche aree del cervello tramite elettrodi posizionati sulla testa del paziente. La corrente viene applicata a una regione nella parte superiore del cervello responsabile del controllo motorio e anche diretta al talamo, una regione profonda all’interno del cervello che trasmette segnali motori e controlla la coscienza.

Mentre viene erogata la stimolazione, i ricercatori useranno l‘imaging cerebrale multimodale per misurare l’effetto sulla funzione cerebrale. Queste tecniche includono la risonanza magnetica funzionale (fMRI) che esamina i cambiamenti nel flusso sanguigno per misurare l’attività in diverse aree del cervello e l’elettrofisiologia che misura l’attività elettrica generata dai neuroni mentre si attivano nel cervello.

Vedi anche,  Dopo 15 anni di stato vegetativo, un paziente torna ad essere cosciente.

La Dott.ssa Davinia Fernández-Espejo del Center for Human Brain Health presso l’Università di Birmingham, sta conducendo lo studio che si basa su lavori precedenti condotti su soggetti sani, finanziato dal Medical Research Council.

Il Dottor Fernández-Espejo afferma: “Le diverse aree del nostro cervello devono avere buone connessioni tra loro per svolgere diverse funzioni. Trovando i modi giusti per stimolare questa rete, saremo in grado di migliorare queste connessioni, aiutando il cervello a compensare i percorsi danneggiati e migliorare la capacità del paziente di rispondere “.

“Siamo già stati in grado di dimostrare che queste tecniche hanno un potenziale tra soggetti sani. Questo importante passo successivo ci consentirà di testare il loro effetto tra i pazienti allo stato vegetativo minimamente coscienti”.

Il Dott. Antonio Incisa, capo neuropsicologo clinico capo e ricercatore principale presso l’Unità Wellington Prolonged Disorders of Consciousness Unit, afferma: “Con RAINDROP speriamo di approfondire la nostra comprensione di come stimolare determinate aree del cervello utilizzando tecniche non invasive può portare a miglioramenti nella riabilitazione dei pazienti. Questo alla fine ci aprirà la strada per stabilire la ricerca nel campo delle neuroscienze applicata alla riabilitazione neurologica presso il Wellington Hospital “.

Lo studio RAINDROP è il primo passo di una collaborazione a lungo termine tra la Dott.ssa Fernández-Espejo e la Dott.ssa Damian Cruse presso il Center for Human Brain Health e l’unità Prolonged Disorders of Consciousness del The Wellington Hospital, per studiare nuovi metodi di diagnosi e riabilitazione in disturbi prolungati della coscienza. In caso di successo, i ricercatori avvieranno un ampio studio clinico che recluterà pazienti da più centri specializzati in tutto il Regno Unito.

Lo studio è stato presentato alla Conferenza “Disturbi prolungati della coscienza: dalla scoperta scientifica alla pratica clinica”.

Fonte, Science Daily