HomeAlimentazione & BenesserePiù proteine ​​non significa più massa muscolare

Più proteine ​​non significa più massa muscolare

(Proteine-Immagine Credit Public Domain).

Un programma dietetico e di costruzione muscolare di 10 settimane che ha coinvolto 50 adulti di mezza età non ha trovato prove che una dieta ricca di proteine ​​aumentasse la forza o la massa muscolare più del consumo di una quantità moderata di proteine ​​durante l’allenamento. L’intervento prevedeva un protocollo standard di allenamento con sessioni tre volte a settimana. Nessuno dei partecipanti aveva precedenti esperienze di sollevamento pesi.

“Pubblicato sull’American Journal of Physiology: Endocrinology and Metabolism, lo studio è una delle indagini più complete sugli effetti sulla salute della dieta e dell’allenamento di resistenza negli adulti di mezza età”, affermano i ricercatori. I partecipanti avevano un’età compresa tra i 40 ei 64 anni.

- Advertisement -

Il team ha valutato la forza dei partecipanti, la massa corporea magra, la pressione sanguigna, la tolleranza al glucosio e molte altre misure di salute prima e dopo il programma. I ricercatori hanno suddiviso i partecipanti in gruppi dietetici moderati o ad alto contenuto proteico. Per standardizzare l’assunzione di proteine, i ricercatori hanno nutrito ogni persona con una bistecca di manzo appena cotta e tritata e una bevanda a base di carboidrati dopo ogni sessione di allenamento. Hanno anche mandato i partecipanti a casa con una bevanda proteica isolata da consumare ogni sera durante le 10 settimane dello studio.

“Il gruppo trattato con proteine ​​moderate consumava circa 1,2 grammi di proteine ​​per chilogrammo di peso corporeo al giorno, e il gruppo ad alto contenuto proteico consumava circa 1,6 grammi per chilogrammo al giorno”, ha detto Colleen McKenna, uno studente laureato nella divisione di scienze nutrizionali e dietista presso l’Università dell’Illinois Urbana-Champaign che ha condotto lo studio con Nicholas Burd, Professore di kinesiologia  della U. Il team ha mantenuto calorie equivalenti nei pasti forniti ai due gruppi con aggiunte di sego di manzo e destrosio.

I soggetti dello studio aggiornavano diari alimentari e McKenna li consigliava ogni due settimane sulle loro abitudini alimentari e l’assunzione di proteine.

In uno sforzo guidato dalla Prof.ssa di scienze alimentari e nutrizione dell’Università della I. Hannah Holscher, il team ha anche analizzato i microbi intestinali in campioni fecali raccolti all’inizio dell’intervento, dopo la prima settimana, durante la quale i partecipanti si sono adattati alla nuova dieta, ma non si sono impegnati in allenamento fisico – e alla fine delle 10 settimane. Precedenti studi hanno scoperto che la dieta da sola o l’esercizio di resistenza da solo possono alterare la composizione dei microbi nel tratto digestivo.

- Advertisement -

“Il messaggio di salute pubblica è stato che gli americani hanno bisogno di più proteine ​​nella loro dieta e queste proteine in più dovrebbe aiutare i nostri muscoli a crescere più grandi e più forti”, ha detto Burd. “La mezza età è un po’ unica in quanto invecchiando, perdiamo massa muscolare e, per impostazione predefinita, perdiamo forza. Vogliamo imparare a massimizzare la forza in modo che quando invecchiamo, siamo meglio protetti e alla fine possiamo rimanere attivi nella vita familiare e comunitaria”.

Vedi anche:Microalghe marine: un’alternativa alle proteine della carne

L’American Food and Nutrition Board raccomanda agli adulti di assumere 0,8 grammi di proteine ​​per chilogrammo di peso corporeo al giorno per evitare di sviluppare una carenza proteica. Il team ha cercato di limitare il consumo di proteine ​​nel gruppo con proteine ​​moderate alla dose giornaliera raccomandata, ma i loro diari alimentari hanno rivelato che quei partecipanti stavano consumando, in media, da 1,1 a 1,2 grammi di proteine ​​per chilogrammo di peso corporeo al giorno. Quelli nel gruppo ad alto contenuto proteico consumavano circa 1,6 grammi di proteine ​​per chilogrammo al giorno, il doppio della quantità raccomandata.

Burd e i suoi colleghi hanno ipotizzato che ottenere le proprie proteine ​​da una fonte di alta qualità come la carne bovina e consumare molte più proteine ​​rispetto alla RDA aiuterebbe la crescita muscolare e la forza negli adulti di mezza età impegnati nell’allenamento di resistenza. Ma alla fine delle 10 settimane, il team non ha notato differenze significative tra i gruppi. I loro guadagni di forza, il loro grasso corporeo, la massa corporea magra, la tolleranza al glucosio, la funzione renale, la densità ossea e altri “biomarcatori” di salute erano più o meno gli stessi. L’unico cambiamento potenzialmente negativo registrato dai ricercatori tra i gruppi ha coinvolto alterazioni nella popolazione di microbi che popolano l’intestino. Dopo una settimana di dieta, quelli nel gruppo ad alto contenuto proteico hanno visto cambiamenti nell’abbondanza di alcuni microbi intestinali che studi precedenti hanno collegato a esiti negativi sulla salute. Burd e i suoi colleghi hanno scoperto che il loro intervento di allenamento della forza ha invertito alcuni di questi cambiamenti, aumentando i microbi benefici e riducendo l’abbondanza di quelli potenzialmente dannosi.

“Abbiamo scoperto che un elevato apporto proteico non aumenta ulteriormente i guadagni di forza o influisce sulla composizione corporea“, ha detto Burd. “Non ha aumentato la massa magra più del consumo di una quantità moderata di proteine. Non abbiamo visto più perdita di grasso e la composizione corporea era la stessa tra i gruppi. Hanno ottenuto l’aumento di peso, ma quell’aumento di peso era in particolare da guadagno di massa magra”. Burd ha detto che la scoperta gli fa dubitare della spinta ad aumentare l’assunzione di proteine ​​oltre 0,8-1,1 grammi per chilogrammo di peso corporeo, almeno nei sollevatori di pesi di mezza età che consumano regolarmente proteine ​​animali di alta qualità.

McKenna ha affermato che l’approccio multidisciplinare del team e il monitoraggio approfondito delle abitudini alimentari dei partecipanti al di fuori del laboratorio rendono più facile comprendere i risultati e applicarli alla vita quotidiana.

“Abbiamo raccomandazioni per un’alimentazione sana e abbiamo raccomandazioni su come dovresti esercitarti, ma pochissime ricerche esaminano come entrambi influiscono sulla nostra salute”, ha detto McKenna. Il team di studio comprendeva fisiologi, dietisti ed esperti di microbiologia intestinale. “Questo ci ha permesso di affrontare ogni aspetto dell’intervento nel modo in cui dovrebbe essere affrontato”, ha detto McKenna. “Stiamo onorando la complessità della salute umana con la complessità della nostra ricerca“.

Fonte: American Journal of Physiology-Endocrinology and Metabolism

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...