HomeSaluteCervello e sistema nervosoParkinson: smentita l'efficacia degli antiossidanti

Parkinson: smentita l’efficacia degli antiossidanti

(Parkinson-Immagine:immunoistochimica per alfa-sinucleina che mostra una colorazione positiva (marrone) di un corpo di Lewy intraneurale nella Substantia nigra nella malattia di Parkinson. Credito: Wikipedia).

L’ipotesi che l’aumento dei livelli cerebrali dell’urato antiossidante naturale potrebbe rallentare la progressione della malattia di Parkinson (MdP) è stata smentita dai ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH). Tuttavia, il rigore dello studio clinico e alcuni  nuovi approcci investigativi sono visti come un miglioramento delle prospettive per futuri studi clinici.

I risultati dello studio sono stati pubblicati nel Journal of American Medical Association.

- Advertisement -

“La convergenza dei dati epidemiologici, biologici e clinici della ricerca passata ha fornito un argomento convincente che l’aumento dell’urato, il principale antiossidante circolante nel sangue, potrebbe proteggere dal danno ossidativo che si ritiene abbia un ruolo nella malattia di Parkinson“, afferma l’autore senior dello studio Michael Schwarzschild, MD, Ph.D., neurologo presso MGH e co-leader del Parkinson Study Group, una rete di ricercatori nordamericani dedicata a migliorare la terapia per le persone con PD. “Anche se il nostro studio non ha escluso un effetto protettivo dell’urato nel Parkinson, ha mostrato chiaramente che l’aumento dell’urato non ha rallentato la progressione della malattia sulla base di valutazioni cliniche e biomarcatori della neurodegenerazione“.

Vedi anche:Proteina tau: la riduzione proteggerà dal Parkinson?

Nessun trattamento fino ad oggi ha dimostrato di prevenire la progressione della malattia di Parkinson, che colpisce il sistema motorio del corpo. Per il suo studio di Fase III, noto come SURE-PD3, il team guidato da MGH ha arruolato 298 individui recentemente diagnosticati con malattia di Parkinson in fase iniziale sulla base di scansioni che indicavano una sostanziale perdita delle cellule cerebrali produttrici di dopamina caratteristiche del PD. I risultati hanno mostrato che nei partecipanti che hanno ricevuto nel corso di due anni il metabolita inosina, che aumenta i livelli di urato nel cervello e nel sangue e ha mostrato proprietà neuroprotettive nei modelli preclinici, non c’era alcuna differenza significativa nel tasso di progressione della malattia rispetto a quelli del gruppo placebo. Lo studio ha rivelato, tuttavia, un aumento del tasso di calcoli renali tra quelli randomizzati al trattamento con inosina.

Nonostante la mancanza di prove a sostegno dell’aumento dell’urato, Schwarzschild ha riscontrato che lo studio ha avuto successo in altri modi. “I risultati sono stati molto utili nel fornire un controllo della realtà che ora consente al campo di passare ad altri approcci terapeutici”, spiega. “Abbiamo anche imparato molto dagli studi clinici per il Parkinson e scoperto modi per condurre studi futuri che aumenteranno le loro possibilità di successo”. Uno di questi modi è adattare il trattamento a sottogruppi di pazienti che hanno maggiori probabilità di trarne beneficio, un segno distintivo del passaggio alla medicina di precisione nella ricerca sul Parkinson. In SURE-PD3, ad esempio, sono stati arruolati solo pazienti con livelli più bassi di urato per aumentare la possibilità di beneficio e ridurre la possibilità di effetti collaterali.

- Advertisement -

Un’altra caratteristica innovativa dello studio è che molti partecipanti hanno fornito campioni di sangue per la genotipizzazione, una preziosa fonte di informazioni genetiche che potrebbe figurare nella ricerca di soluzioni cliniche in sottopopolazioni più piccole di pazienti con PD. Un numero significativo si è anche offerto volontario per un’estensione dello studio per aiutare a determinare come il monitoraggio a casa potrebbe fornire modi più efficienti per condurre futuri studi clinici. “Ci sono stati molti risultati positivi da SURE-PD3 che riteniamo miglioreranno le prospettive dei ricercatori che scoprono una terapia modificante la malattia che le persone con Parkinson stanno disperatamente cercando”, conclude Schwarzschild.

Fonte:JAMA

ULTIMI ARTICOLI

Parkinson: smentita l’efficacia degli antiossidanti

(Parkinson-Immagine:immunoistochimica per alfa-sinucleina che mostra una colorazione positiva (marrone) di un corpo di Lewy intraneurale nella Substantia nigra nella malattia di Parkinson. Credito: Wikipedia). L'ipotesi che...

Il meningioma dovrebbe essere asportato anche negli anziani

(Meningioma-Immagine:Credito immagine: Michel Royon tramite Wikimedia (CC BY-SA 3.0)). Il meningioma è un tipo di tumore cerebrale benigno, originato dalle meningi che circondano il cervello. Nei...

Linfoma non Hodgkin collegato a esposizione al benzene

(Linfoma non Hodgkin-Immagine Credit Un nuovo studio pubblicato da The Lancet Planetary Health, mostra un'associazione statisticamente significativa tra il linfoma non Hodgkin e l'esposizione al...

Edema polmonare: recettore proteico favorisce la guarigione

Nei vasi sanguigni del polmone, le cellule endoteliali formano una barriera protettiva che regola il modo in cui i fluidi e altre sostanze, come...

Herpes simplex e malattie neurodegenerative: trovato legame

(Herpes simplex-Immagine Credit Public Domain). Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'Università dell'Illinois di Chicago suggerisce che quando la proteina optineurin o OPTN, è presente...