Oltre il 50% dei tumori sono associati con mutazioni nel p53

I ricercatori  presso l’Istituto Bellvitge Biomedical Research (IDIBELL),  Istituto Oncologico Catalano (ICO) e la Divisione di Ematologia-Oncologia dell’Università di Cincinnati, guidati da George Thomas, hanno scoperto un ruolo per l’RNA ribosomiale 5S nella formazione di un complesso che regola la stabilità di p53. Normalmente, p53 impedisce alle cellule sane di diventare cancerogene. Si  mantiene a livelli bassi quando le cellule funzionano correttamente e aumenta quando c’è un danno cellulare. I risultati sono stati pubblicati nell’edizione online di Report cellulari . 

Crescita cellulare 

La capacità delle cellule di crescere è direttamente correlata alla quantità di proteina sintetizzata dai ribosomi, i macchinari intracellulari responsabili della traduzione di RNA messaggero trascritto dal DNA, in aminoacidi contenenti proteine. Sregolazione di biogenesi ribosomiale è associata a forme estreme di crescita cellulare aberrante comprese anemia e cancro.L’ attivazione di p53 porta alla nduzione di un programma di morte cellulare, prevenendo la crescita aberrante aberrante delle cellule e lo sviluppo di un tumore. In condizioni normali, p53 è mantenuto a livelli bassi per evitare di danneggiare le cellule sane. L’enzima principale che mantiene bassi i livelli di p53 è HDM2, che in normali condizioni colturali degrada p53. I ribosomi sono composti da due subunità 40S e 60S chiamati.  Il team di Thomas ha dimostrato che quando vi è un danno ai ribosomi, o potenzialmente quando la biogenesi dei ribosomi è iperattivata L5/L11/5S rRNA complesso pre-ribosomiale, viene reindirizzato da ribosomi nascenti alla rilegatura e l’inibizione di HDM2, permettendo a p53 di aumentare e provocare la morte cellulare. Recentemente, il team di Thomas ha dimostrato che L5 e L11 regolano HDM2 in maniera reciprocamente dipendenti. Ora, Giulio Donati, il primo autore di questi studi, ha dimostrato l’esistenza di L5/L11/5S rRNA complesso pre-ribosomiale e il suo ruolo come un soppressore del tumore.

Sorprendentemente, mostrano anche che la stessa specie rRNA 5S che regola HDM2 è anche un effettore positivo di Hdm4, un regolatore negativo di p53. Questi risultati indicano un antico legame evolutivo tra biogenesi dei ribosomi e il cancro. La comprensione di oltre il 50% dei tumori, ha spiegato Thomas deriva da  come p53 è regolamentato e funziona ed  è fondamentale in quanto “più del 50% dei tumori hanno mutazioni in p53 o overexpress HDM2 o Hdm4, che blocca l’attività di p53 “. Thomas aggiunge che “stiamo lavorando sulla progettazione di una sperimentazione clinica, con la squadra di Ramon Salazar (ICO), sulla base di attivazione HDM2-p53 checkpoint per uccidere le cellule tumorali”. 

Fonte Medical news